15 set

“Da Isis una barbarie pura”

Mons. Vincenzo Paglia in questa puntata di “Stanze Vaticane” commenta la settimana di Papa Francesco, facendo anche riferimento alle parole del Pontefice sulla guerra e all’uccisione dell’ostaggio scozzese prigioniero dell’Isis. Poi le parole del Papa alle venti coppie sposate nella Basilica di San Pietro.
Leggi il resto di questo articolo »

11 set

I frati di Assisi e l’enciclica di Francesco

Papa Francesco e i frati (foto di F. Troccoli)

Papa Francesco e i frati (foto di F. Troccoli)

Per il settimanale Panorama in edicola da oggi ho scritto dell’enciclica “verde” di Papa Francesco e dei Frati di Assisi che daranno una mano al Pontefice e ai suoi più stretti collaboratori per la stesura della lettera pastorale.
Leggi il resto di questo articolo »

29 ago

“ONU e USA fanno solo i propri interessi” Intervista al Patriarca caldeo Louis Sako

Il patriarca caldeo Louis Raphaël I Sako

Il patriarca caldeo Louis Raphaël I Sako

Il Patriarca caldeo iracheno Louis Raphaël I Sako risponde alle domande di “Tgcom24 – Stanze Vaticane” in un ritaglio del suo tempo dedicato da settimane interamente ai perseguitati dall’ISIS: “Mi scuso per le risposte brevi, non ho molto tempo, sono molto preso con i nostri profughi” dice prima dell’intervista. Il Patriarca punta il dito contro ONU e Stati Uniti, poi rivolge un appello anche al Papa.
Leggi il resto di questo articolo »

21 ago

“E’ l’ora di agire e far sparire l’ISIS” Intervista al Card. Philippe Barbarin

Il Card. Barbarin in Iraq (Photo Sedicom/Diocèse de Lyon)

Il Card. Barbarin in Iraq (Photo Sedicom/Diocèse de Lyon)

“Adesso è il momento di agire, mettere tutto in opera: sovvenire ai bisogni immediati delle popolazioni sfollate, far sparire l’ISIS, trovare una soluzione politica per il futuro dell’Iraq con delle azioni politiche e militari. E non dimentichiamo che anche noi dobbiamo agire!” Così l’arcivescovo di Lione, Philippe Barbarin intervistato da Tgcom24 – Stanze Vaticane all’indomani della decapitazione del fotoreporter americano James Foley da parte dei jihadisti dell’ISIS. “Era profondamente cattolico”, sottolinea il cardinale, “recitava il rosario tutti i giorni e voleva lasciare il giornalismo al termine del suo reportage per dedicare il suo tempo al dialogo interreligioso”. Il cardinale è stato in Iraq alcune settimane fa con una delegazione di vescovi francesi per incontrare i cristiani sfollati.
Leggi il resto di questo articolo »

19 ago

Il Papa: “Lecito fermare l’aggressore in Iraq”