“Pensare al futuro del cristianesimo, ripartendo dal binomio uomo-donna”. Un evento con Papa Francesco e il cardinale Ouellet

Nei giorni 1 e 2 marzo si terrà in Vaticano (Aula Nuova del Sinodo) un importante Simposio, organizzato dal CRAV (Centre de Recerche et d’Anthropologie des Vocations) sul tema: “Uomo-donna immagine di Dio. Per una antropologia delle vocazioni”. Papa Francesco ha confermato la sua partecipazione nel corso della prima giornata. A fare gli onori di casa sarà il cardinale Marc Ouellet, Prefetto emerito del Dicastero per i Vescovi.

L’evento è aperto ad un’ampia partecipazione di pubblico e il programma vedrà la partecipazione di numerosi esperti chiamati a rispondere anche alla domanda: “A chi è diretta la chiamata di Dio?”. Un simposio per approfondire l’antropologia cristiana, toccando temi come il matrimonio, il sacerdozio e la vita consacrata. Per scoprire la bellezza di ogni vocazione. Leggi QUI il programma e iscriviti QUI.

Spiega il cardinale Ouellet: “L’era della cristianità è finita e una nuova era nella trasmissione del patrimonio culturale e spirituale dei cristiani richiede ai credenti di tutto il mondo di riposizionarsi di fronte a un ambiente che è diventato estraneo, indifferente o addirittura ostile, anche nei Paesi tradizionalmente cattolici.

Una delle aree più sorprendenti di questo cambiamento epocale è l’antropologia, dove l’eclissi dei riferimenti religiosi e la crescente autorità delle scienze umane stanno dando vita a un panorama di visioni contrastanti dell’essere umano. Queste oscillano tra uno spiritualismo distaccato dalla condizione corporea e un materialismo che riduce tutte le aspirazioni trascendenti a dati biopsichici tecnicamente controllabili. 

Non possiamo più sognare un ritorno a uno stato di cose precedente, dopo una “tregua” e un superamento dell’attuale “crisi”; dobbiamo pensare in altri termini al futuro del cristianesimo, in un contesto che si aspetta che i cristiani trovino un nuovo paradigma per testimoniare la loro identità.

Ecco perché dobbiamo scegliere un approccio alla diversità culturale e religiosa che permetta il dialogo e la proposta della visione cristiana in tutta gratuità e con una preoccupazione per la fratellanza umana. La questione antropologica, ad esempio, i cui aspetti più diversi sono spesso dibattuti in ambito scientifico, universitario, scolastico e familiare, deve essere affrontata con questo spirito. 

Siamo all’alba di un salto qualitativo per la specie umana, sulla cuspide di una mutazione transumanista, resa possibile dalla tecno-scienza e dall’eccesso di comunicazione, e stimolata dalla proliferazione di esperimenti biomolecolari, transgender e spaziali?

Tutte le ipotesi sembrano aperte, se non fosse che è fin troppo facile dimenticare che la stragrande maggioranza degli esseri umani vive in condizioni sub-umane, che le folle vengono gettate sulle rotte migratorie da pressioni climatiche o di altro tipo, che lo scoppio di conflitti multipli e il riarmo generale sfidano la ragione etica per frenare una folle corsa in avanti, per evitare che le risorse che dovrebbero innanzitutto garantire un minimo di benessere all’intera umanità vengano gettate ai quattro venti.

Quale futuro per l’umanità? Che tipo di difesa dell’umanità dobbiamo inventare per affrontare le sfide di oggi? Quale speranza possiamo offrire a coloro che cercano un senso? Sono tutte domande che la Chiesa cattolica tiene presenti quando annuncia il Vangelo della salvezza.

La nuova situazione antropologica richiede il dialogo, il rispetto della diversità e la solidarietà con i più poveri e vulnerabili. Non impedisce di presentare la visione cristiana dell’uomo e della donna nella sua originalità e specificità.

Al contrario, la situazione attuale offre un’opportunità da non perdere per riaffermare le coordinate della persona umana secondo la rivelazione cristiana e per offrire al dialogo un’antropologia delle vocazioni radicata nel significato della vita come vocazione. Nella cacofonia di oggi, c’è più spazio che mai per ascoltare la Parola di Dio e trarre dalla Sapienza divina le coordinate di significato per la vita umana presente e futura.

Questo è l’obiettivo e lo scopo del Simposio Uomo-Donna: immagine di Dio, per un’antropologia delle vocazioni, che si terrà in Vaticano l’1 e il 2 marzo 2024, con la partecipazione di Papa Francesco e di specialisti internazionali di Sacra Scrittura, filosofia e teologia, senza dimenticare le scienze umane e la pedagogia.

Offrire una visione aggiornata dell’antropologia cristiana in un’epoca di pluralismo e dialogo tra le culture, per sostenere il significato della vita come vocazione.

Questa iniziativa accademica fa seguito al Simposio del febbraio 2022 Per una teologia fondamentale del sacerdozio, che ha studiato la relazione tra il sacerdozio comune dei battezzati e il ministero ordinato nei suoi tre gradi.

Il Comitato scientifico del Centre de Recherche et d’Anthropologie des Vocations (CRAV), che ha organizzato questo Simposio sul Sacerdozio, vede la questione antropologica come un seguito naturale di questa ricerca, che esplora il significato ecclesiale delle vocazioni dal punto di vista di un’antropologia fondamentale.

Questa prospettiva pastorale indica che la ricerca è di interesse per un vasto pubblico, non solo per gli specialisti. Pastori, formatori ed educatori a tutti i livelli potranno trovarvi una visione globale della risposta cristiana agli attuali problemi antropologici, senza polemiche o ripiegamenti identitari, una visione sviluppata nell’orizzonte della fede e offerta serenamente come un modo di appropriarsi del significato cristiano della vita per tutti coloro che sono alla ricerca della verità.

Il luogo scelto e la qualità dei partecipanti sono sufficienti a confermare l’importanza del tema, l‘urgenza di una riflessione di questo tipo di fronte a una certa confusione e perplessità, e il desiderio di fare luce che sia allo stesso tempo energizzante e pacificante per le persone che fanno ricerca o che hanno responsabilità pastorali.

A causa della pandemia, il precedente simposio si è dovuto tenere nella spaziosa e ariosa Aula Paolo VI, mentre ora si terrà nell’Aula del Sinodo dei Vescovi, che ha un numero limitato di partecipanti, per cui è meglio registrarsi il prima possibile”. 

Caso Indi, monsignor Peri: “Non sia l’uomo a decidere quando interrompere una vita”

Monsignor Calogero Peri

Monsignor Calogero Peri, vescovo di Caltagirone (Catania) e membro della Commissione CEI per la salute, la piccola Indi Gregory, la neonata inglese affetta da una rara malattia mitocondriale, è stata trasferita in un hospice per il fine vita e hanno iniziato a rimuoverle tutti i supporti vitali. Ancora una volta l’uomo ha fallito?
Continua a leggere

“Dl Caivano un deterrente, investire anche sulla prevenzione”. Intervista al cardinale Zuppi

Il cardinale Matteo Zuppi

Cardinale Matteo Zuppi, lei è Presidente della CEI. Il Consiglio dei Ministri ha approvato il “decreto Caivano”; secondo lei è giusto che s’inaspriscano le pene per i minori che commettono reati?

Continua a leggere