Chi è Fabio Marchese Ragona

Fabio Marchese Ragona, nonostante sia nato a Milano il 23 dicembre del 1982, è siciliano di Canicattì (Agrigento), ma negli ultimi anni ha vissuto tra Roma e Milano. Sin da piccolo ha sempre avuto la passione per il giornalismo, ed è diventato professionista nel 2008. Scrive di cose vaticane ed è accreditato come vaticanista presso la Sala Stampa della Santa Sede.

Si è laureato a Roma in Scienze della Comunicazione prima nel dicembre 2004 (laurea triennale) e poi nel dicembre 2006 (laurea specialistica). In seguito, a Milano, ha frequentato il master biennale in giornalismo del Campus Multimedia IULM – Mediaset. Dopo aver svolto stage in Rai e a SkyTg24 è arrivato a Mediaset, dove lavora dal dicembre 2008. Ha lavorato a “Studio Aperto”, “News Mediaset”, “Tg4” e “Tgcom24” (dove attualmente conduce e cura ogni settimana la rubrica tv “Stanze Vaticane“). Oggi lavora a “VideoNews”, la testata Mediaset che realizza i programmi d’informazione di Canale 5, ItaliaUno e Retequattro.

Collabora anche con il quotidiano Il Giornale, il settimanale Panorama, con il mensile di cinema CIAK e ogni tanto con Wired.it. In passato ha scritto (di Vaticano e non) per L’Espresso, Il Foglio (ediz. del sabato), Corriere della Sera MagazineRepubblica.it e Vatican Insider – La Stampa.

E’ autore de “Il Sorriso di Karol“, documentario di Tgcom24 su Giovanni Paolo II.

Ha scritto nel maggio 2016 “Potere Vaticano“, un pamphlet sulla diplomazia di Papa Francesco edito da Il Giornale. Ha collaborato nel 2015 anche al “Vocabolario di Papa Francesco”, edito da Elledici.

Nel maggio 2009 ha realizzato un’intervista al comandante della Guardia Svizzera, Daniel Anrig, sulla possibilità di ammettere le donne nel corpo pontificio (l’intervista è stata ripresa dalle principali testate internazionali, dal Times al Washington Post, fino alla BBC. El Pais, Corriere della Sera, Fox News e New York Times). GUARDALO QUI

E’ su Twitter e su Facebook. Adora “Il Padrino” e i film di Tim Burton. Il suo mese fortunato è senza dubbio dicembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *