Perché i “corvi” hanno tradito il Papa?

Francesca Chaouqui e Mons. Lucio Vallejo Balda

Francesca Chaouqui e Mons. Lucio Vallejo Balda

Dal mese di maggio la Gendarmeria vaticana teneva d’occhio entrambi: dopo l’ok del magistrato e soprattutto dopo il via libera di Papa Francesco, son scattate le manette per i nuovi presunti «corvi» del Vaticano. Per lo spagnolo Mons. Lucio Angel Vallejo Balda e per l’italo-egiziana Francesca Immacolata Chaouqui, l’avventura vaticana al fianco di Bergoglio si è conclusa nel peggiore dei modi, con l’accusa di aver sottratto e diffuso documenti riservati sulle finanze vaticane.

Se Vallejo ha passato ieri la terza notte in cella, Chaouqui è tornata a casa dove ad attenderla c’era il marito Corrado Lanino: dopo la convalida dell’arresto è stata rilasciata perché ha collaborato con i magistrati. Avrebbe ricostruito agli investigatori d’Oltretevere la dinamica di quanto accaduto, fornendo anche delle prove cartacee a sostegno delle proprie tesi. «Preghiamo per lei, ne ha bisogno», aveva confidato già alcuni mesi fa Bergoglio ad un amico che lo aveva raggiunto a cena a Santa Marta: nelle ultime settimane Francesco era stato informato passo dopo passo sugli sviluppi delle indagini, sapeva i nomi di chi lo aveva tradito e aveva chiesto chiaramente: «Si agisca secondo giustizia, senza paura».

Per questo anche ieri il Papa è stato subito informato delle ultimissime novità e del fatto che l’operazione della Gendarmeria vaticana fosse andata in porto, dopo un lavoro durato mesi. Proprio su Francesca Chaouqui, che si è presentata spontaneamente al comando della «polizia vaticana», gli investigatori della Santa Sede avevano già aperto dei fascicoli in passato per delle vicende che avevano irritato anche il Papa.

Nell’aprile 2014, ad esempio, dopo esser finita l’anno prima, nell’agosto 2013, sulle prime pagine di tutti i giornali per i tweet al veleno contro l’ex Segretario di Stato, Tarcisio Bertone, contro l’ex ministro Giulio Tremonti (cinguettii da lei mai riconosciuti) e contro Papa Benedetto XVI («È affetto da leucemia»), la pr calabrese, insieme al monsignore, aveva organizzato un «party» sulla terrazza della Prefettura degli affari economici (la sede di lavoro di Vallejo) con messa e buffet per festeggiare la canonizzazione di Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II.

«È stato un tradimento bello e buono» tuona un cardinale di Curia, che indica come presunto movente del nuovo Vatileaks delle mancate nomine all’interno della Segreteria dell’economia, il super-ministero voluto da Papa Francesco e nato, nel febbraio 2014, come frutto dei lavori di una commissione d’inchiesta sulle finanze vaticane di cui avevano fatto parte i due arrestati. Il monsignore in particolare, che era arrivato in Vaticano nel 2011 grazie all’intervento del cardinale spagnolo Antonio Maria Rouco Varela, arcivescovo emerito di Madrid e uno dei più strenui oppositori di Bergoglio) era stato escluso dal giro di nomine: quando nacque la Segreteria, infatti, il cardinale australiano George Pell, scelto dal Papa come prefetto, aveva fatto al Pontefice il nome del monsignore spagnolo per ricoprire l’incarico di segretario generale. Bergoglio però, in quell’occasione, aveva risposto al porporato con un secco no, «Non è conveniente», avrebbe detto, facendo presagire per il sacerdote un ritorno in Spagna, nella propria diocesi, al termine del suo mandato presso la Prefettura degli affari economici.

A far ricadere i sospetti sui due all’interno delle sacre stanze era stata anche la testimonianza di un anziano cardinale che già alcuni mesi fa si era premurato di far sapere «ai superiori» che alcuni documenti della commissione di cui erano membri Vallejo e Chaouqui erano misteriosamente spariti nel nulla. E in quell’occasione il porporato aveva chiesto «maggiore prudenza» nella gestione di «documenti così importanti».

Articolo per Il Giornale del 03.11.2015

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “Perché i “corvi” hanno tradito il Papa?

  1. Buonasera.
    La verità su come siano andate effettivamente le cose, credo che non la sapremo mai. L’ambiente coinvolto è da sempre un punto di domanda. Gli avvenimenti e i numerosi scandali che hanno coinvolto la città pontificia, sono sempre stati manipolati e usati nel modo più opportuno e sostanzialmente, senza mai arrecare danno alla Santa Sede. Vorrei ricordare il caso di Emanuela Orlandi, una ragazza scomparsa nel nulla e molto vicina all’ambiente ecclesiastico. Ancora oggi, si vive di supposizioni e di incertezze, la verità di quello che è realmente successo, non la sapremo mai. Sottrarre documenti riservati sulle finanze vaticane, a che scopo ? la maggior parte dell’opinione pubblica, si è bevuta quello che il Vaticano ha voluto far credere loro. Pino Calvi, lo Ior, i contatti con la Mafia, la strana dipartita di Michele Sindona, mentre in carcere sorseggiava un caffè “corretto” e tutte le altre strane vicende, sempre circondate da un velo di mistero, sono il risultato di anni di bugie e di sotterfugi. Molti personaggi che vivono all’interno del Vaticano, hanno fatto e fanno parte della schiera degli “Intoccabili”. Nulla e nessuno, potrà mai puntare il dito su di loro. Lo spagnolo e l’italo-egiziana, sono i capi espiatori di un sistema molto più complicato e poco cristallino. Personalmente, credo fortemente che il loro compito, non fosse quello di tradire il Pontefice, ma di portare alla luce una realtà ben diversa da quella che siamo abituati a vedere. La montagna di soldi che gira attorno al Vaticano è incalcolabile, non per nulla è considerato lo Stato più ricco e potente al mondo. La domanda sorge spontanea. Tutto questo denaro, da dove arriva ? qualche tempo fa, era venuto alla luce un fatto sconcertante. La malavita organizzata, ha conti correnti all’interno dello Ior. Anche in questo caso, la notizia è stata sicuramente divulgata da una talpa all’interno dello stesso Vaticano. Altre possibilità, sinceramente non ne vedo. Tutto questo, cosa significa ? significa una cosa sola. Ci sono personaggi che vogliono ribaltare definitivamente un sistema ormai obsoleto e poco altruista. L’esatto opposto di papa Bergoglio. Ricordiamoci che la Chiesa è nata come un istituzione, dedita al prossimo e sopratutto verso le persone più deboli. Potere e ricchezza, sono sempre stati banditi. Almeno era quello che volevano farci credere. Purtroppo per noi, le cose sono andate in un modo diverso. Purtroppo per vescovi e cardinali, papa Francesco avrebbe dovuto essere un alleato. Ma, credo che abbiano sbagliato i conti. E per questo, per molti di loro l’italo-argentino è diventato un problema. Un problema che andrà risolto al più presto. Cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *