“Il diavolo esiste, va combattuto”

Papa Santa Marta

Il Papa celebra a Santa Marta

Nella sua omelia a Santa Marta il Papa è tornato a parlare, ancora una volta, del diavolo. Ultimamente lo fa sempre più spesso. Qualche giorno fa ha anche inviato un messaggio all’Associazione Internazionale degli Esorcisti chiedendo vicinanza alle vittime del demonio.

«Non si può pensare a una vita spirituale, a una vita cristiana» senza «resistere alle tentazioni, senza lottare contro il diavolo», ha detto Papa Francesco nella sua meditazione mattutina alla Domus Santa Marta, e pensare — ha ribadito il  Papa — che hanno voluto farci credere «che il diavolo fosse un mito, una figura, un’idea, l’idea del male». Invece «il diavolo esiste e noi dobbiamo lottare contro di lui». Lo ricorda san Paolo, «la parola di Dio lo dice», eppure sembra che «noi non siamo tanto convinti».

Bergoglio ha quindi invitato tutti a non esser “pigri” e lottare, indossando “l’armatura di Dio, la verità”: «La vita è una milizia, la vita cristiana – ha detto il Papa – è una lotta, una lotta bellissima, perché quando il Signore vince in ogni passo della nostra vita, ci dà una gioia, una felicità grande: quella gioia che il Signore ha vinto in noi, con la sua gratuità di salvezza. Ma sì, tutti siamo un po’ pigri, no, nella lotta, e ci lasciamo portare avanti dalle passione, da alcune tentazioni. È perché siamo peccatori, tutti! Ma non scoraggiatevi. Coraggio e forza, perché c’è il Signore con noi».

E solo pochi giorni fa, 300 esorcisti si sono riuniti a Roma per il loro primo congresso dopo il riconoscimento della Congregazione per il Clero. Guidati da Padre Francesco Bamonte, i sacerdoti (provenienti soprattutto da Europa e Stati Uniti) hanno ricevuto un messaggio dal Pontefice: “Gli esorcisti, nel particolare ministero esercitato in comunione con i propri vescovi, manifestino l’amore e l’accoglienza della Chiesa verso quanti soffrono a causa dell’opera del maligno”. 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

19 risposte a ““Il diavolo esiste, va combattuto”

  1. Nella dialettica religiosa si rende necessaria la presenza del “male”, altrimenti l’esistenza del “bene” non avrebbe significato, pur nell’invenzione.

  2. Ho trovato questo articolo che, oltre in linea con la tesi espressa da Francesco nella sua omelia, è interessante perché sostenuto e costruito sulle Sacre Scritture >a href=http://www.jw.org/it/pubblicazioni/riviste/wp20141101/>QUI il link per leggerlo.
    Spero possa aiutarvi a comprendere ulteriormente. Buona lettura.

  3. Il diavolo esiste eccome, da sempre innumerevoli i casi di possessione diabolica con fenonemi pararnormali di straordinaria potenza. Grande lavoro per gli esorcisti. Ho letto un libro sul sacerdos degli esorcisti : Padre Amorth che suggerisco a tutti.
    Il principale tranello che il demonio ci pone e farci credere nella sua inesistenza, ponendo nel ridicolo chi lo combatte.Egli vive nel nascondimento ed è uno spirito che può impossessarsi di chiunque, persone del clero comprese. Chi ironizza sulla sua figura casca in pieno nel suo tranello!
    L’arma più forte contro le forze deomoniache è la preghiera di tutti e per tutti. gli scettici si documentino sui casi di possessione che non hanno alcuna spiegazione medico scientifica pur rivelandosi fatti veri e concreti. La luce vince sempre sulle tenebre, questo è il messaggio di speranza che il Santo Padre vuole trasmetterci.

  4. Buonasera.
    Non credo nella figura del demonio, vista come un animale con le corna o peggio ancora come un
    vero e proprio diavolo. Con questo non voglio dire di non credere nella sua esistenza. Le forze maligne esistono da sempre ma, si annidano ovunque. Vaticano compreso. Tutte le persone che commettono delle violenze ai danni di loro simili, sono da considerare malvagi e in un certo senso, guidati dal demonio che si è impossessato di loro. Analizzando il fatto che, molte persone venerano il maligno, dobbiamo renderci conto che la sua forza è mostruosa e colpisce inesorabilmente, il più debole di spirito. Sono anche convinto che già dalla nascita, certe persone abbiano una certa predisposizione nel seguire le direttive del demonio. Mi spiego meglio. Si nasce con l’istinto di fare del male, non è una cosa che si impara col passare degli anni. Ad un certo preciso momento della vita, si sceglie da che parte stare. Scegliere di stare dalla parte del bene è facile, il difficile è mantenere un comportamento tale da, rendersi conto che, si stia effettivamente vivendo dalla parte del bene. E qui, entra in gioco il demonio. La vita facile, i guadagni assicurati e la bella vita. Tutte cose che il demonio, offre a chi è nella posizione di sottomissione. Guarda caso, gli uomini più potenti al mondo e legati alla massoneria, amano il demonio e spesso lo venerano. La ricchezza economica è uno dei premi destinati alle persone che scelgono di stare dalla parte del male. Sono convinto che, tutti i giorni le persone fanno nuove conoscenze e tra di loro si annida il demonio che cerca in tutti i modi di raggirare la persona debole. Sono ateo per scelta ma, credo fermamente che alla fine il bene trionferà sul male. Non sarà certamente la preghiera a cambiare il corso della storia ma, sarà solo il buon senso delle persone a prevalere sulla cattiveria. Con questo non voglio dire che, dobbiamo abbassare la guardia verso il demonio. Siamo quotidianamente tentati dallo stesso. Ma certamente sotto una forma diversa da quella che, ci vogliono far credere.
    Cordialmente.

  5. Finalmente la Chiesa cattolica non si preoccupa troppo del “politicamente corretto” e parla con piena franchezza… Dovrebbe anche spiegare bene che non tutti andranno in paradiso, il messaggio di Padre Paglia su Radio Rai in merito al 2 novembre diceva che Dio – dopo la morte – accoglie santi e non santi… Spero di sbagliarmi… La cosa non mi è chiara alla luce delle Scritture… Mi risulta che Dio ami tutti e Gesù è venuto per salvare i peccatori (in pratica tutti gli uomini che non sono perfetti per definizione…) ma non tutti danno il cuore al Signore e si impegnano ad ubbidirgli… Rimangono imperfetti, certo, ma Dio – unico giudice – guarda il cuore e li salverà… Ognuno di noi – come mi pare dica il papa – deve combattere il diavolo con l’armatura di Cristo e pregando incessantemente per riuscire ad agire come piace a Dio (per il bene con amore) e non conformarsi a quello che piace al diavolo. SIA CHIARO PERò CHE LE BENEDIZIONI DI DIO SONO IN CAMBIO DELLA NOSTRA UBBIDIENZA PIù CHE DEL SACRIFICIO CHE PURE PUò ESSERE RICHIESTO. E LE BENEDIZIONI CI DANNO GIOIA ED ABBONDANZA GIà NELLA NOSTRA BREVE VITA TERRENA PERCHè DIO CI AMA IN UNA MISURA PER NOI INCALCOLABILE! Grazie dell’ospitalità, Tgcom

  6. Ogni 3×1, viene a tormentarmi la notte, con la preghiera lo allontano, ma ritorna sempre, oramai sono quasi 3 anni. Per di più è una battaglia in solitaria, in quanto non si può dire in famiglia o agli amici, solo un pazzo dice certe cose. E comunque, sono felice, più mi attacca e mi tormenta, più sono vicino a Dio.

  7. Ci si dice che l’uomo è creato a immagine e somiglianza di Dio. Data questa premessa, come giustificare la malvagità umana? Ecco la necessità dell’esistenza di un diavolo e il ricorso -piuttosto ridicolo – agli esorcisti.
    Ma forse un diavolo esiste davvero, ed è la stupidità!

  8. Ciao Marco, concordo molto sul tuo pensiero ma sinceramente non capisco come mai ti definisci ateo, scusa se parli che secondo te esiste il demonio non puoi dire che sei ateo… che senso ha? Se c’è il demonio c’è anche qualcun’altro che lo combatte… non sarai magari cristiano (un credente che segue di preciso una religione) ma di certo non sei ateo se dici queste cose. Ti saluto

  9. Povera Italia… se il Vaticano non ci fosse staremmo tutti meglio… anzi no, mi correggo… se non ci fossero milioni di imbecilli che credono a queste stronzate…

    La fede in qualcosa di più grande (Dio) è qualcosa di stupendo se porta a essere persone migliori, amorevoli verso il prossimo e rispettose… ma per come si configura attualmente è solo oscurantismo proprio come ai tempi della Santa Inquisizione.

    La morale è già dentro di noi… non serve un libro scritto (Bibbia, Corano o altro) per sapere ciò che è giusto o non lo è… basterebbe un sano ragionare e dialogare…

    Se invece di credere a tutte le cavolate scritte nel libro di fiabe che è la Bibbia (e lo stesso vale per il Corano e qualsiasi altro testo del genere), passassimo più tempo a comprenderci l’un l’altro e a lavorare su come migliorare il mondo intorno a noi (non solo per un fine egoistico di guadagno, ma per regalare un mondo migliore a noi stessi e ai nostri cari ad esempio)… se tutti facessimo questo, il mondo pian piano diverrebbe davvero un posto migliore…

    Si dice che il mondo è bello perché è vario e va benissimo… ma con gente così ottusa è avariato più che vario!

  10. Buongiorno.
    @ Salvo e Nazzarena.
    Il diavolo è radicato all’interno di molte persone che ogni giorno incontriamo e spesso e volentieri,
    anche in noi stessi. Mi spiego meglio. Le persone che, commettono atti ad offendere il prossimo, sono inesorabilmente possedute dal demonio ma, questo non significa che devo credere a un essere malvagio, come descritto nella Bibbia. Le persone malvage, sono esistite e esisteranno sempre ma,
    credere che dopo la loro morte, le stesse bruceranno all’inferno, mi sembra una cosa inverosimile.
    Sono convintissimo che, dopo la morte, non ci sia più nulla. Solo un mucchio di polvere. C’è chi crede che, ci sia un essere che combatte il demonio ? nei miei 56 anni, sinceramente non l’ho mai notato. Chi fa del male, la passa sempre liscia e spesso a pagare le conseguenze è sempre il più debole. E mi piacerebbe molto che,qualcuno mi rispondesse a questa complicata domanda. Chi è quella persona che può garantirmi che il proprio Dio, sia quello giusto ? esistono un sacco di religioni e chi mi dice che, una qualsiasi, non sia quella giusta ? non credo a nessuna e non cambierò idea proprio ora. Un caro saluto.
    Cordialmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *