Febbre da mondiale in Vaticano

calcio cardinali

Sul numero di Panorama in edicola troverete una mia pagina dedicata alla febbre da mondiale in Vaticano: mi son divertito a chiedere ai principali collaboratori di Papa Francesco un pronostico sulla coppa del mondo. Le squadre favorite sembrano essere…

Brasile, Argentina, Spagna e Italia. Ma, a dire dei cardinali e dei monsignori intervistati, potrebbero esserci delle sorprese.

Il gruppo di supporter più numeroso è quello schierato a favore dell’Italia, composto da centinaia di laici ed ecclesiastici italiani. Assai folta è la “curva” degli svizzeri: le 110 guardie del Papa seguiranno i match da un maxischermo. In Vaticano la febbre da mondiali sta già contagiando tutti e i pronostici vogliono in finale Spagna, Brasile, Argentina e Italia. Due i tifosi principali: Papa Francesco, che potrebbe vedere l’Argentina in tv da Santa Marta, e il Papa emerito, Benedetto XVI, che con il suo segretario guarderà qualche partita della Germania. Non si sa se il Segretario di Stato, Card. Pietro Parolin, potrà assistere alle partite dell’Italia. Il suo predecessore, il Card. Tarcisio Bertone, invece sintonizzerà la tv sugli azzurri.

Mons. Angelo Becciu (ITALIA)
Sostituto della Segreteria di Stato
“Cercherò di seguire tutte le partite del mondiale, compatibilmente con i miei impegni di lavoro. Il mio augurio per la nostra Nazionale è che ci stupisca e vada oltre ogni attesa. Per la vittoria finale le squadre favorite sembrano essere Spagna, Argentina e Brasile, ma io confido nell’Italia. Succederà? Certo, se succedesse…”.

Card. Santos Abril y Castelló (SPAGNA)
Presidente Commissione Cardinalizia di Vigilanza dello IOR
“Faccio certamente un grande augurio alla mia Spagna, ma l’augurio è per tutte le squadre: che possano giocare con lealtà e onestà, ricordando che il calcio non è la soluzione a tutti i problemi. Siamo i campioni in carica, quindi abbiamo una grande responsabilità sul dare il buon esempio in campo e non. Che vinca il migliore”.

Card. Oscar Rodriguez Maradiaga (HONDURAS)
Arcivescovo di Tegucigalpa – Coordinatore “G8” di Papa Francesco
“Vivrò questo mondiale sicuramente con gioia, anche se non so se avrò tanto tempo per seguire le squadre. Don Bosco diceva che lo sport è buonissimo per i giovani e, convinto che tanti di loro seguiranno i match, allora anch’io voglio incoraggiarli. Faccio quindi i miei migliori auguri per il nostro Honduras: è la terza volta che partecipiamo a un mondiale e devo dire che per un piccolo paese è un grande sforzo. Non so se andremo avanti nel girone, penso che la Spagna sia una squadra con molte possibilità”.

Card. Walter Kasper (GERMANIA)
Presidente Emerito Pontificio Consiglio per l’Unità dei Cristiani
“Il mondiale è soprattutto un incontro fra le nazioni, fra team che rappresentano il proprio Paese per un gioco, e questo è segno di pace e buoni rapporti tra i popoli. Auguro che i tedeschi possano mostrasti utili alla pace con gioia. Spero ovviamente che la Germania vinca i mondiali, ma non è la cosa principale, la cosa più importante è il vivere serenamente questi giochi con tanta amicizia tra le genti in gara”.

Card.  Leonardo Sandri (ARGENTINA)
Prefetto Congregazione Chiese Orientali
“Seguirò le partite dei mondiali, impegni e orari permettendo. Come tifoso dello sport e del calcio in particolare, mi auguro che la competizione si svolga in modo corretto e sereno, e sia una festa per tutti, esaltando il gioco e nel rispetto delle regole. Chi vincerà? Direi che intravedo, non senza qualche dubbio, un tris di stelle: Argentina, Italia e Brasile! Ma vedremo in finale chi sarà il migliore!”.

Card. Odilo Pedro Scherer (BRASILE)
Arcivescovo di San Paolo
“Spero di avere la possibilità di seguire le partite in TV. Mi auguro ovviamente che il Brasile giochi bene e faccia delle partite piacevoli. Sarei contento se vincessimo i mondiali, comunque è bene che vinca la squadra migliore in campo”.

Card. José Saraiva Martins (PORTOGALLO)
Prefetto Emerito Congregazione per le Cause dei Santi
“Sono un amante del calcio e dello sport e non potrò non seguire i mondiali in TV. I miei auguri vanno certamente al Portogallo: con il nostro Cristiano Ronaldo non escludo a priori che la nostra nazionale possa diventare campione del mondo o arrivare comunque tra i primi posti. Però, come si sa, è un gioco e dipende molto dagli episodi e dalla fortuna. In bocca al lupo!”

Card. Sean O’Malley (USA)
Arcivescovo di Boston – Membro del “G8” di Papa Francesco
“Non ho un televisore per seguire le partite, cercherò però di tenermi informato con internet e con i giornali. Tutti nella nostra Arcidiocesi, che si trova in uno Stato (il Massachusetts) dove il calcio è uno sport in crescita, preghiamo che il mondiale sia un bel momento per la comunità internazionale, riunita grazie allo sport per sostenere la propria squadra. Naturalmente speriamo che gli USA alzino la coppa del mondo”.

Card. Peter Kodwo Turkson (GHANA)
Presidente del Pontificio Consiglio Giustizia e Pace
“Seguirò le partite del mondiale, di questa festa delle nazioni che spero sia senza incidenti. E’ una competizione, una mostra di abilità e talento che diverte e che deve svolgersi pacificamente. Ovviamente spero che il Ghana vinca lil torneo, credo che questa volta possiamo davvero farcela”.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *