Ecco il miracolo di Papa Wojtyla

Il Beato Giovanni Paolo II

La guarigione inspiegabile di una donna del Costa Rica, colpita da una grave lesione cerebrale. Sarebbe questo il secondo miracolo attribuito a Giovanni Paolo II, approvato ieri dalla commissione dei teologi della Congregazione delle Cause dei Santi, grazie al quale Karol Wojtyla diventerà santo in tempi record.

Un prodigio i cui dettagli non sono ancora stati svelati dal Vaticano, ma che, secondo indiscrezioni che arrivano d’Oltretevere, riguarderebbe una cittadina dell’America Centrale guarita grazie all’intercessione del Papa polacco. Ma non è tutto: c’è chi ha definito questo prodigio di Giovanni Paolo II addirittura un “doppio miracolo”, perché l’intervento del Pontefice Beato non avrebbe riguardato soltanto la donna del Costa Rica (paese visitato dal Pontefice esattamente 30 anni fa) ma anche la sua famiglia; dai primi giorni della malattia, i parenti della donna, “avevano perso la fede”, fanno sapere da dentro le mura leonine, “ma l’hanno ritrovata grazie alla mano miracolosa di Karol Wojtyla”. Una storia di fede e di speranza quindi, che, dopo tante sofferenze, avrebbe iniziato a regalare a questa famiglia i primi sorrisi nel 2011: il miracolo di Wojtyla sulla donna sarebbe infatti avvenuto il primo maggio di quell’anno, proprio la stessa sera della beatificazione del Pontefice.

La strada della santità per Giovanni Paolo II diventa quindi ancora più breve: dopo l’ok della commissione formata da sette medici e presieduta dal Prof. Patrizio Polisca (medico personale di Benedetto XVI e ora di Papa Francesco) e dopo il via libera dei teologi, il prossimo passo sarà l’approvazione del miracolo da parte della commissione dei cardinali e dei vescovi membri della Congregazione delle Cause dei Santi che si riuniranno prossimamente in Vaticano per prendere una decisione.

A quel punto toccherà a Papa Francesco firmare il decreto e stabilire la data della canonizzazione in Piazza San Pietro. Sul tavolo del prefetto della Congregazione per i santi, il cardinale Angelo Amato, al momento ci sarebbero due ipotesi: la celebrazione potrebbe esser fissata a Roma per domenica 20 ottobre 2013, due giorni prima della festa liturgica istituita da Papa Ratzinger per il beato Wojtyla, oppure (questa la seconda ipotesi), il tutto potrebbe slittare nel 2014, precisamente il 27 aprile, per la festa della Divina Misericordia, la festività istituita nel 2000 proprio da Wojtyla e legata alla figura di Santa Faustina Kowalska, religiosa polacca alla quale il Pontefice era profondamente devoto.

Al momento però sulla data non c’è ancora una decisione ufficiale, anche se sono in tanti quelli che sperano che alla fine il Papa acceleri ancora l’iter della causa e decida di celebrare la canonizzazione del pontefice polacco entro l’anno. Tra i sostenitori di questa ipotesi c’è al primo posto lo storico segretario particolare di Giovanni Paolo II, l’arcivescovo di Cracovia, il Card. Stanislaw Dziwisz che nei giorni scorsi, in occasione di una visita a Messina, ha ribadito: “Speriamo che la canonizzazione di Papa Wojtyla avvenga in ottobre. Ma lasciamo questa decisione a Papa Francesco”.

Lo stesso cardinale Dziwisz, qualche giorno fa era stato ricevuto in Vaticano, alla casa Santa Marta, proprio da Bergoglio: un colloquio di diversi minuti durante il quale il Papa argentino avrebbe rassicurato il porporato polacco che la strada della santità per Giovanni Paolo II si avvicina sempre più e che la festa per “Lolek” potrebbe essere già quest’anno. In quel caso Wojtyla riceverebbe davvero un’aureola in tempi record: soltanto qualche giorno dopo la morte del papa polacco, nell’aprile del 2005, Benedetto XVI aveva concesso la dispensa papale, evitando un’attesa di cinque anni per l’inizio della causa, aperta nel giugno di quell’anno dal Card. Camillo Ruini. Sei anni dopo, nel 2011, è arrivata la beatificazione e oggi si va verso la canonizzazione, che se fosse confermata per l’autunno del 2013, verrebbe celebrata a soli otto anni dalla scomparsa del beato Giovanni Paolo II.

GUARDA IL SERVIZIO DI ANNA BOIARDI 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

39 risposte a “Ecco il miracolo di Papa Wojtyla

  1. è davvero meraviglioso ! ORA ASPETTIAMO LA DATA. HO UNA FOTO MANO NELLA MANO DEL 1986 CON IL SANTO PAPA! INTERCEDA CON IL SIGNORE PER LA SALVEZZA DI TUTTI. GIORGIO.

  2. Il 1° gennaio 1986 papa Giovanni Paolo II elogiò l’operato dell’ONU e dedicò il nuovo anno alla pace. E il 27 ottobre riunì ad Assisi i capi di molte religioni del mondo per pregare per la pace. Sono trascorsi 27 anni.

    In questo frattempo, qualcuno ha visto la pace in giro ?

    Guerra in Afganistan, Guerra in Irak, Guerra in Uganda, in Palestina, in Siria, in Egitto, in Libia, in Tunisia, in Angola, in Algeria, a Gibuti, in Costa D’avorio, in Eritrea, in Etiopia, Kenia, Mali, Mauritania, Nigeria, Ruanda, Congo, Rep. Centafrica, Putland, Somalia, Sudan, Corea, Myanmar, Filippine, India, Indonesia, Kazakistan.
    Rivoluzioni e contestazioni varie in Europa , Irlanda, Georgia, Italia, Nogorno Karabak, Russia, Turkia, Yemen, Arabia Saudita, Iran, Libano, Messico, Cile, Colombia e chi ne ha più ne metta.
    <a href=http://www.guerrenelmondo.it/?page=static1258218333 Qui per i dettagli /a>

    Però qualcuno dice che ha guarito una donna del Costa Rica.
    Deve essere veramente un grande miracolo ! Peccato che la dedica dell’Anno della Pace” non sia stato capace di farla andare a buon fine.
    In fondo si ratta di misteri.

  3. SONO FELICISSIMA DELLA CANONIZZAZIONE DI GIOVANNI PAOLO II MI AUGURO AVVENGA AL PIU’ PRESTO ED ESSERE QUEL GIONO IN PIAZZA S.PIETRO E VIVERE INSIEME A MIGLIAIA DI PELLEGRINI LA MAGIA E SENTIRE LA PRESENZA DEL PAPA SANTO

  4. Joab ha fatto un elenco di paesi in guerra per i quali tutti noi cattolici siamo chiamati a pregare, ma che non hanno accolto e non accolgono Gesù. In Europa ci sono contestazioni e rivoluzioni varie. Si, l’Europa. Paese che sta perdendo il senso delle sue radici cristiane e che sta rifiutando la vita con aborto, eutanasia, legami che non danno vita in quanto non tra uomo e donna. Sta dando più valore allo spread che alla vita di un uomo che decide di suicidarsi perchè non ha lavoro e ha perso la speranza.
    Dove Gesù viene accolto, dove si opera come Lui ci ha insegnato, lì c’è Pace e Amore. Riflettiamo bene sulle importanti annotazioni di JOab. Grazie Joab. Speriamo che valutando le tue parole il mondo accolga di più Gesù. Santi Papi come Woytila e, oggi, anche Papa Francesco, lo enunciano in continuazione. Preghiamo per tutto il mondo perchè i popoli accolgano l’invito di questi santi Papi a cambiare nel cuore e decidersi per Gesù che è VIA, VERITA’ e VITA. Ciao.

  5. P.S. Un santo sacerdote mi disse una volta che è ‘più semplice’ per Dio guarire una persona da un cancro che cambiare il suo cuore. Infatti ogni persona è libera di accogliere i svariati inviti e casualità e segni che nella sua vita si susseguono affinchè si accorga della Sua presenza e si decida per l’Amore, il cambiamento definitivo. E’ la libertà dell’uomo allora il vero problema. Ma ns Signore non è un despota, è un Padre infinitamente misericordioso che ci permette di imparare dai nostri errori anzichè prendere la verga e cambiarci con la forza.. che senso e che gioia ci sarebbe? Scegliamo di cambiare! Aiutate i vostri amici a scegliere di cambiare! Allora sì che sarà Gioia e sarà il grande miracolo che attende Joab e che desideriamo tutti noi!! Noi siamo il miracolo! Chiediamo al Signore che dia segni sempre più forti della Sua presenza, ma noi leviamoci le fette di salame dagli occhi, vediamoli e accogliamoli!! Chiediamo l’intercessione di Papa Woytila per questo!!

  6. Per Joab:

    solo Dio sa e dispone.

    GPII ha forse intercesso…che ne sappiamo noi? Non sostituiamoci a Dio nel giudicare.

    Lei sa benissimo che io non sono né bigotto né cattolico, ma di tanto in tanto un po’ di umiltà e di ottimismo….in un mondo, come lei stesso lo descrive…tristissimo e terribile.

  7. cavolate, cavolate, cavolate gli altri miliardi di persone ammalate nn ha potuto fare niente oppure avrebbe finito i poteri chiesa cazzara se la suona e se la canta da sola

  8. mi chiamo rosanna e vorrei pregare il santo padre di aiutare la mia famiglia, specalmente mia sorella che è stata colpita da un grave lutto,purtroppo ci sono molti problemi che stanno distruggendo sia lei che i suoi figli, ti prego aiutali, tu che sei vicino al buon dio puoi chiedergli di fare redimere quelle persone che stanno facendo del male. ti prego papà aiutaci.
    ora che ti faranno santo sicuramente puoi chiedere a gesù tante altre grazie. dacci sempre uno sguardo in questo mondo così difficile.ciao ti mando un bacio nel cielo

  9. Confidiamo tutti in te Joab per farla andare a buon fine!

    Tu, che ti lamenti come molti che non fanno nulla se non questo, tu..hai fatto qualcosa? Una cosa piccola…proprio piccola, ma grande per chi ha fede, hai mai pregato per la pace? Se in tutto il mondo si pregasse per la pace non ci sarebbero piu’ guerre ( e questo non lo dico io ) . E se siamo ancora qui a raccontarlo e’ perchè qualcuno che prega c’e’, grazie a DIO, altrimenti visto le armi che ci sono in giro per sparire dall’universo non ci metteremmo tanto.

    Se non sei credente la domanda non cambia, hai fatto qualcosa per la pace? O pensi che tu non possa comunque far nulla se non puntare il dito a chi cerca di fare qualcosa?

    Non e’ in tono polemico che mi rivolgo a te Joab, ma una domanda fondamentale nella tua vita bisogna che te la fai….poi ad aiutarti a trovare la Verità ci sarà qualcuno…ma tu, se vuoi vedere la verità delle cose devi metterti in discussione. Ovviamente puoi anche non fartela…ma non lamentarti e non puntare il dito perche’ non serve a nulla…Solo Verità ti renderà libero e vedrai quello che ora non riesci a vedere…

  10. Daniela che Dio ti benedica sorella!

    Rosanna continua a pregare, mi unirò alle tue preghiere insieme al mio gruppo Rns.

  11. @ Carlo
    “solo Dio sa e dispone. GPII ha forse intercesso…che ne sappiamo noi? Non sostituiamoci a Dio nel giudicare. “

    Mi permetta un breve considerazione sull’intercessione sig. Carlo. “L’intercessione è, in generale, l’intervento che si fa presso qualcuno al fine di ottenere un beneficio per altri. “ – Wikipedia
    Qualunque magistrato, dovendo applicare la legge, se, nell’emanare il verdetto, si facesse influenzare dall’”intercessione” di alcuno, si dimostrerebbe ingiusto, incapace, incompetente e corrotto. E ne dovrebbe subire la pena perché incorrerebbe nel reato di corruzione:

    “La corruzione, in diritto indica, in senso generico, la condotta propria del pubblico ufficiale che riceve, per sé o per altri, denaro od altre utilità che non gli sono dovute.” – Wikipedia

    E’ di tutta evidenza che se Dio non si è fatto “corrompere/intenerire” neanche dalla preghiera di suo figlio quando disse: “Padre mio, se è possibile, passi da me questo calice. Tuttavia, non come io voglio, ma come tu vuoi”.( Mt 26.39) non è pensabile che possa farsi “corrompere” dall’intercessione di qualcun altro, né che possa deviare dalle stesse leggi alle quali Lui stesso si sottopone, perché sono “eterne e immutabili”.
    Lo spiega bene l’Apostolo Paolo dicendo: “ In questa maniera Dio, proponendosi di dimostrare.. l’immutabilità del suo consiglio, intervenne con un giuramento(Ebr. 6.17-18)
    Una di queste leggi dice
    “Jehovah vostro Dio è l’Iddio degli dèi e il Signore dei signori, l’Iddio grande, potente e tremendo, che non tratta nessuno con parzialità né accetta regalo;“Non devi accettare regalo, poiché il regalo acceca gli uomini che vedono chiaramente e può alterare le parole dei giusti.” (Deuteronomio 10:17; Eso 23.8)

    Assodato quindi che Dio sa, ma non è più il solo a sapere perché ha fatto scrivere ciò che si deve sapere, è impossibile ammettere che Dio accetti di farsi corrompere. Si chiama Rivelazione apposta. Altrimenti sarebbe un mistero.

  12. “Poiché c’è un solo Dio, e un solo mediatore fra Dio e gli uomini, l’uomo Cristo Gesù, che diede se stesso come riscatto corrispondente per tutti; [questo] bisogna testimoniare nei suoi propri tempi particolari.” (1Timoteo 2:5-6)
    Ma qualcuno sa spiegarmi se questa disposizione divina è ancora valida? Domanda doverosa e scevra di ogni polemica ma piuttosto per riflettere e capire. Qui i casi son due: o Dio ha sostituito Gesù con Wojtyla senza che ci avvisasse, ma non è nel modo di fare di Dio (Isaia 46:10) o la mediazione di Wojtyla non è valida e non può servire. (Ecclesiaste 9:10).
    Pacifici saluti a tutti.

  13. La spiegazione è nelle Scritture caro Giuseppe70 ma senza stare qui ad elencarle tutte, basta su tutto quel “pasci le mie pecorelle” ripetuto tre volte. Inoltre una precisazione dovuta, non si parla di mediatore .. lei ha perfettamente ragione quando afferma che solo Cristo, Figlio di Dio e Seconda persona della Santissima Trinità, è l’unico mediatore tra l’uomo e Dio (ad esempio credo lei sappia che Maria SS. è mediatrice tra Cristo, suo Figlio e l’Uomo). Però poi attribuisce al Papa, successore di Pietro un ruolo che non ha … si parla di Pontifex, cioè appunto un ponte (o canale, se le piace di più) aperto tra Dio e l’uomo tanto che Gesù da a Pietro l’incarico di confermare la Fede dei Fratelli.

    Come sempre più anche lei sta costatando, gli ignoranti del Cattolicesimo non fanno altro che straparlare a vanvera, ma poi dimostrano che gli unici ad essere BIGOTTI sono proprio loro. Non si tratta di eccezioni o puntini sulla “i”, ma bensì di SOSTANZA!. Essere e non apparire..

    Cordiali saluti e alla prossima

  14. Davvero non ci sono parole per quello che è accaduto. Si sa solo che la fede non ha ne confini ne limiti, è sempre lì, pronta a manifestarsi travolgendo qualsiasi ostacolo. Pregare serve a rafforzare la fede di ognuno, parole “Sante” e “Sagge”.
    Cordialmente saluto col cuore in mano.

  15. Sig. Joab,
    la sua grande fede per Geova e la sua instancabile tenacia la portano ad essere sempre presente in questo blog a commentare qualunque notizia,specialmente inerente alla chiesa.
    Non si sente un po’ ossessionato nel dover intervenire ad ogni articolo?
    Lasciamo che tutte le religioni si esprimano come meglio credono senza criticarle,alla fine trarremo le nostre conclusioni e scopriremo la verita’,quando sara’ il nostro turno…..

  16. cara antonella stamani ho trovato la tua risposta e sapessi come sono felice che ti unirai alle mie peghiere, credimi è un momento molto brutto della nostra vita, ma ci sono le persone come te che ci aiutano con la preghiera. Quello che chiedo è che il santo padre interceda per queste personeaffinchè nei loro cuori possa prevalere il bene. grazie rosanna

  17. La macchina delle nuove icone è sempre in funzione, d’altronde la chiesa sa che è meglio che il popolo non si annoi a quelle che ormai sono le icone più datate. Cosa avrebbe risposto la persona in questione a queste proposte di beatificazione o santificazione, nessumo se lo è mai chiesto? Comunque, ciò farebbe sorgere sicuramente un dubbio, visto che il tutto avviene sempre quando ormai non si è più in vita e non si ha la possibilità di esercitare la propria autolimitazione della ragione e ne la propria autodeterminazione, ma c’è sempre chi lo fa per te, quasi sempre con malizia, per lo meno quel tanto che basta per rigenerare il significato ultimo della religione cristiana che già soffre molto di secolarizzazione.
    Leggendo qua e la, alcuni hanno scritto che il messaggio di pace non è stato accolto da tutti i paesi rei di non aver accettato il messaggio di Gesù. Bene, a parte il fatto che ogni paese in base all’esercizio della propria religione già possiede un proprio profeta, giusto o sbagliato che sia per gli altri, comunque è pur sempre una religione anche se diversa, non vedendo per quale motivo a questo punto questi paesi dovrebbero cambiare quindi il loro profeto per un altro messaggero.
    Mi domando ancora se molti di voi si siano mai chiesti a quale religione facessero parte quelle popolazioni, non per ultimo tra le più democratiche, che hanno portato nei paesi in questione, oggi come nella storia, anzichè un messaggio di pace, la guerra, addirittura celata sotto una terminologia diversa e più accattivante – lgs missione di pace, dove i “missionari” moderni hanno strumentalizzato la Democrazia, usandola come lasciapassare, per conquistare quei territori già storicamente martorizzati per guadagnarsi il petrolio ed altre risorse. Mi domando ancora, chi di voi munito del messaggio di Gesù non mostrasse aggressività nei confronti di chi non vi lascia vivere, d’altronde Gesù ne è storicamente una prova lampante di questo sentimento, visto che si muoveva contro gli oppressori romani e la propria religione ebraico-giudaica della quale faceva parte, sapendo che era connivente con i primi.
    Rimango sempre dell’idea che i termini beato e santo non prestino assolutamente dignità a nessuna persona portandola a trasformarsi in una semplice icona da venerare senza dare la possibilità ai posteri di considerarla semplicemente come individuo del suo tempo, uno come gli altri, da ricordare per le cose che ha fatto e che non ha fatto e che forse avrebbe voluto fare. Per quanto riguarda il miracolo, invece, credo che alberghi un brutto significato in esso, visto che alcuni credono veramente che ci sia un Dio o una persona per il tramite di – che decida chi debba vivere oppure no, come quando si dice che quella persona è sopravvissuta perchè miracolata, ma l’altra perchè invece sarebbe dovuta morire e non ricevere magari un miracolo come la prima, forse perchè come molti risponderebbero trattasi di destino? Allora, se si tira fuori dal cappello “il destino”, quando ormai il pensiero teologico non porta più da nessun’altra parte, vuol dire che il miracolo probabilmente non esiste, in quanto “il destino” potendo anche avere nella sua accezione un risvolto positivo avrebbe portato il comune mortale a salvarsi anziché morire. Credo che il destino sia più funzionale, più umile e meno discriminatorio specialmente quando in ballo c’è la vita di un essere vivente.

  18. Buongiorno.
    Non credo assolutamente ai miracoli e consiglierei la chiesa, di andare avanti con molta cautela.
    Non c’è dubbio che un miracolo porta inevitabilmente un sacco di pubblicità alla chiesa stessa e
    in questo particolare momento, un miracolo è la cosa più indicata.
    Papa Wojtyla è senza dubbio un’icona dei tempi passati, difficilmente il vaticano avrà un papa
    con un carisma come il suo, ma ritengo papa Francesco, sulla buona strada.
    Personalmente, sono come san Tommaso, il miracolo devo vederlo altrimenti rimane un sottile
    illusionismo o una casualità.
    Certamente ci sono persone che sono guarite da gravi malattie, ma resta il fatto che il miracolo
    è totalmente da provare e finora nessuno e sottolineo nessuno, ha mai assistito di persona.
    Quando si è coinvolti emotivamente per un credo religioso, si vedono cose che sono solo grandi
    illusioni ottiche o convincimenti dovuti all’attimo che si stà vivendo, ad esempio quando si prega
    in gruppo, frastornati dall’euforia della preghiera stessa, un fedele vede un angelo in cielo e
    tutti lo vedono.
    Non voglio entrare nel merito della chiesa, per la scelta di santificare papa Wojtyla, trovo questa
    scelta molto azzardata e non dico altro.
    Cordialmente.

    Marco.

  19. X JOAB:
    perché il Signore vostro Dio è il Dio degli dei, il Signore dei signori, il Dio grande, forte e terribile, che non usa parzialità e non accetta regali…Deuteronomio 10:17
    Non far morire l’innocente e il giusto, perché io non assolvo il colpevole. Non accetterai doni, perché il dono acceca chi ha gli occhi aperti e perverte anche le parole dei giusti. Non opprimerai il forestiero: anche voi conoscete la vita del forestiero, perché siete stati forestieri nel paese d’Egitto. Eso 23.8
    Non offuschiamo la verità con traduzioni di comodo, per l’amor di Dio!
    X Giuseppe70:
    dice il credo: … credo nella comunione dei santi… che meraviglia!
    le grazie le eroga sempre Gesù, non è cambiato nulla, stai tranquillo, se tu pregassi Dio, prima o poi ti mostrerebbe quanto è servita la tua preghiera: questa è l’intercessione.
    Non siate duri di cuore, ne rigidi nella mente e nello spirito, lasciatevi malleare dalla grazia dello Spirito Santo! Sia lodato Gesù Cristo!

  20. Miracoli,la gente vuole miracoli e l’unico sarebbe che la chiesa doni le immense ricchezze ai poveri e i sacerdoti dicano messa senza oro e un calice normale.Anni e anni per stabilire un miracolo,la domanda giusta è:ma loro ci credono o?.

  21. La veloce santità riconosciuta a Papa Wojtila risolve un problema e ne crea un altro.
    Risolve il problema del Santo Patrono degli Attori, perché Wojtila è stato un grande attore ed un grandissimo amante dello spettacolo al quale si è proficuamente dedicato nel corso dell’intero suo pontificato.
    Crea il problema della credibilità dei processi di riconoscimento della santità perché, anche se nessuno ricorda i due episodi che seguono essendo stati prontamente censurati, vi sono almeno due ragioni ostative.
    La prima è che nel corso di una “Via Crucis” al Colosseo, per la difficoltà a parlare e per l’eccesso di saliva, ebbe quasi a imprecare chiedendo in diretta televisiva (a Dio?) perché tali cose succedessero a lui.
    Il secondo, a pochi giorni dalla morte, affacciandosi alla finestra dell’appartamento pontificio constatava d’essere afono e, come il solito lecchino vaticanista ebbe a dire, “con gesto umanissimo” colpì il Lezionario che avrebbe dovuto, invece, essere baciato.
    In compenso, ebbe a baciare il Corano quando andò a visitare la tomba di S. Giovanni Evangelista, così come fotograficamente documentato.
    Per molti Wojtila è amato, per altri è simpatico, per me è stato un Papa-Attore che ha galvanizzato folle sulla sua persona, sistemato il tesoro di Pietro, radicalizzato l’accentramento monarchico della Chiesa, che ha abbracciato tutti gli esponenti delle false religioni (tali, per i Cattolici, dovrebbero essere i Musulmani, gli Ebrei, i Protestanti ecc.), tanto quanto è stato intransigente con i tradizionalisti che, sono considerati “disciplinarmente ribelli”, ma credono la religione vera.
    Wojtila adatto a essere esempio per la Chiesa Universale? Non credo.

  22. Mah, io sono sconcertata. Come si puo’ credere a i miracoli? Come si puo’ credere a Dio? Come si puo’ credere che Wojtila abbia realmente curato una malata? Dove sono le cartelle cliniche? E… perche’ questa notizia salta fuori proprio ora? Come nel 40’s che il papa se ne usci’ con la Madonna salita in cielo. Assurdo. Ignoranza Ignoranza e Ignoranza.

  23. Anch’io ritengo Giovanni Paolo II essere stato solo un grande attore, tanto è spontaneo Bergoglio nelle sue omelie, gioioso e solare tanto era artefatto. forzato e drammatico GP2.
    Purtroppo il popolo aveva decretato santo subito !!! ( anche se penso che adesso ci sia abbastanza disinteresse) e diciamo si sono chiusi tutti e 2 gli occhi su alcune cosucce tipo: mano a Pinochet, scomunica di tutti i teologi che non la pensavano come lui, beatificazioni di preti criminali ma rigorosamente anti comunisti, trasformazione dello Ior in una banca dalla fama “nera” ( Sindona, Calvi, marcinkus), condanna di gay, aborto e preservativo senza alcun ritegno perfino di fronte a calamità come l’AIDS ecc ecc ecc. Finalmente adesso c’è un vero rappresentante di Cristo in terra.

  24. @ Domenico X Meridio;
    Il problema sta nel fatto che Gesù è il mediatore migliore in quanto è legalmente stabilito da miglior patto e promesse, (Ebrei 8:6) e il suo sangue “parla in modo migliore” (Ebrei 12:24). Inoltre Gesù è stato confermato da Dio stesso “Ed ecco una voce dal cielo che disse: «Questi è il Figlio mio prediletto, nel quale mi sono compiaciuto”. (Matteo 3:17; 17:5) Wojtyla può vantare le stesse credenziali?
    La ringrazio comunque della sua spiegazione.

    @ Corpaxxus;
    “In verità, in verità vi dico: Se chiederete qualche cosa al Padre nel mio nome, egli ve la darà” (Giovanni 16:24 – CEI). Fino ad ora ho ubbidito a questa istruzione di Gesù e funziona senza altre formule e introduzioni di terze parti; anche perché chi dà e Dio, non Gesù. Le chiedo una gentilezza; mi spiega, Bibbia alla mano, cosa è la comunione e chi sono i santi. Forse riuscirò a comprenderla meglio. Grazie dell’attenzione.

    Pacifici saluti a tutti e due.

  25. Anch’io sono stata graziata dal nostro amatissimo Papa il 5 aprile 2005 e prego sempre per Lui e con Lui.Non dobbiamo mai dimenticare che ogni nostro respiro è un miracolo,

  26. @ Lucas
    “Sig. Joab, la sua grande fede per Geova e la sua instancabile tenacia la portano ad essere sempre presente in questo blog a commentare qualunque notizia,specialmente inerente alla chiesa. Non si sente un po’ ossessionato nel dover intervenire ad ogni articolo? Lasciamo che tutte le religioni si esprimano come meglio credono senza criticarle,alla fine trarremo le nostre conclusioni e scopriremo la verita’,quando sara’ il nostro turno…..”

    Distinto sig. Lucas, se ha avuto la costanza di seguire i miei commenti, ho sempre scritto Jehovah che non è molto dissimile a Geova ma per precisione,… fa sempre riferimento al Tetragramma.
    No, non mi sento ossessionato, le assicuro che trovo interessante conversare con persone ragionevoli, e non solo su questo blog, ma riscontro una certa difficoltà al ragionamento logico, da Logos = Parola intelligente. “ Il ragionamento è il processo cognitivo che, partendo da determinate premesse, porta a una conclusione, facendo uso di procedimenti logici” – Wikipedia
    Le assicuro che non ho mai impedito a nessuno di esprimere il proprio convincimento, anche perché non è in mio potere impedire l’ingresso a chicchessia, ma approfitto degli interventi altrui per rafforzare le mie convinzioni, dato che come saprà, la profezia fornisce anche il modo per poter avere un riscontro, infatti dice : “Qualsiasi arma formata contro di te non avrà successo, e qualsiasi lingua si levi contro di te in giudizio tu la condannerai. Questo è il possedimento ereditario dei servitori di Jehovah, e la loro giustizia viene da me”, è l’espressione di Jehovah.” (Isa 54.17) E Le assicuro che fino ad oggi si è sempre rivelato vero.
    Le mie non sono critiche, sono elenchi di fatti,di notizie, di citazioni, ripetizioni di scritture paragoni fra situazioni, spiegazione dei termini, chiarimenti e precisazioni in modo che ciascuno dovendo scegliere possa farlo avendo almeno due possibilità. Quando non c’è contraddittorio non c’è scelta, e fu un emerito italiano a stabilire la “par conditio.” Quando disse “voi suonerete le vostre campane noi suoneremo le nostre trombe.” Se non gradisce il suono non è obbligato a subirlo.

    In fondo fu Gesù che disse : “Non aver timore, ma continua a parlare e non tacere, perché io sono con te” ( Atti 18.9-10) Io non ho nessuna pretesa, non faccio raccomandazioni né pubblicità in favore dell’uno o dell’altro. Spero non le dispiaccia.
    Stia bene

    p.s.
    Non credo che riuscirà a trarre alcuna conclusione alla fine e nemmeno scoprire la verità, perché il Testo dice: “ Il suo spirito se ne esce, egli torna al suo suolo; In quel giorno periscono in effetti i suoi pensieri. ( Sl 146.4-5) Sembra che debba farlo prima, dopo non ci sarà più la possibilità di farlo.
    “Poiché non è lo Sceol che ti può celebrare; la morte stessa non ti può lodare. Quelli che scendono nella fossa non possono guardare con speranza alla tua verità. ( Isa 38.18)
    Forse le hanno raccontato una balla o avrà visto un altro film.

  27. Spero tanto che possa avvenire al più presto! @Joab sono sempre stata curiosa di conoscere altre religioni.. Gli unici che non ho mai capito sinceramente sono i testimoni di Geova, ho sentito più testimonianze, letto articoli e forum su internet ed ho una cara amica che ha deciso di abbracciare questa fede in un periodo in cui era debole e vulnerabile. Conclusione? Dio deve essere anche gioia e felicità.. che gioia e felicità ci sono nel negare qualsiasi festa anche la più banale del compleanno? DIO LASCIA LIBERO L’UOMO, voi no. Niente trasfusioni anche quando è l’unica speranza di salvarsi, no si può discutere o ribattere negli incontri ma solo ascoltare chi sta più in alto…Il ragazzo di una mia amica che si è tolto da questa fede se così si può chiamare, non può più sedersi al tavolo con i sua madre e i suoi fratelli xchè loro fanno parte ancora del gruppo. Suo padre molto malato non ha mai abbracciato questa religione ma quando è morto la moglie ha voluto un “funerale” secondo le vostre teorie, questa credo sia la maggior mancanza di rispetto soprattutto far venire meno le volontà di un defunto..ma tutto il gruppo ha partecipato…Siete sempre in giro a cercare nuovi adepti… Mi scusi tanto ma non riesco proprio a capire dove manca il libero arbitrio non credo ci possa essere gioia e felicità… le persone che seguono le vostre idee le vedo più ipnotizzate da tutto quello che sentono cambiando radicalmente il modo di ragionare anche sulle cose più banali!

  28. @ Vale
    Mi scusi, seguendo la mia esposizione non ho risposto alle situazione da lei segnalate:

    1.”Il ragazzo di una mia amica che si è tolto da questa fede se così si può chiamare, non può più sedersi al tavolo con i sua madre e i suoi fratelli xchè loro fanno parte ancora del gruppo.”
    2. “Suo padre molto malato non ha mai abbracciato questa religione ma quando è morto la moglie ha voluto un “funerale” secondo le vostre teorie, questa credo sia la maggior mancanza di rispetto soprattutto far venire meno le volontà di un defunto.”
    3. “Mi scusi tanto ma non riesco proprio a capire dove manca il libero arbitrio non credo ci possa essere gioia e felicità…”
    4. “le persone che seguono le vostre idee le vedo più ipnotizzate da tutto quello che sentono cambiando radicalmente il modo di ragionare anche sulle cose più banali!”

    Come dicevo prima, capita che alcuni confondono il “fanatismo” con l’“integrità o zelo”
    Il “Fanatismo= “Espressione esasperata del sentimento religioso che porta ad eccessi e alla più rigida intolleranza nei confronti di chi sostenga idee diverse, ispirato da una divinità, invasato da estro divino”
    L’integrità = “Essere integro, intero, intatto; lo stato di una cosa che possiede tutte le sue parti, o che non ha subìto danni, lesioni, diminuzioni quantitative o qualitative” Diz. Treccani

    Le persone integre sono capaci di motivare il proprio convincimento e disposte a rinunciare, quelle fanatiche, incapaci di ragionamento invece no, perché mancanti di “libero arbitrio e responsabilità” si fanno guidare da altri. Hanno scordato che l’insegnamento del vangelo è : “Poiché, sebbene io sia libero da tutti, mi sono reso schiavo di tutti, per guadagnare il maggior numero di persone. .. Ai deboli divenni debole, per guadagnare i deboli. Son divenuto ogni cosa a persone di ogni sorta, per salvare a tutti i costi alcuni. Perciò, se il cibo fa inciampare il mio fratello, non mangerò mai più carne, per non far inciampare il mio fratello. Poiché se a causa del cibo il tuo fratello è addolorato, tu non cammini più secondo l’amore. Non rovinare per il tuo cibo uno per il quale Cristo morì. “ ( 1Cor 9.19-23;1 Cor 8.13; Rm 14.15)

    Senza dimenticare che spesso chi vuole dimostrare di essere più zelante degli altri cade nell’errore opposto mostrando un falso zelo o esagerato che è proprio l’errore in cui caddero i giudei che custodivano gelosamente la Legge e le loro tradizioni.
    Nel tentativo di difendere la Legge stabilirono innumerevoli regole e restrizioni dettagliate che finirono per diventare un gravoso peso per il popolo. (Matteo 23:4) Non potendo o non volendo riconoscere che Dio aveva sostituito la Legge, la loro gelosia li spinse erroneamente a sfogare ira incontrollata sui seguaci di Gesù Cristo.(intolleranza) L’apostolo Paolo, che un tempo era stato anche lui leale alla Legge mosso da questo tipo di gelosia, fece notare che quelli che difendevano la Legge avevano “zelo [gelosia] verso Dio; ma non secondo accurata conoscenza”. — Romani 10:2; Galati 1:14.

    Si può ricordare anche la questione della circoncisione che era una regola per i giudei ma ci volle un concilio per far loro capire che non era più necessario farsi circoncidere. Sa come succede quando qualcuno vuole apparire più bravo degli altri dimentica che siamo tutti schiavi dello stesso Padrone e che Gesù disse : “ Quando sei invitato da qualcuno a una festa nuziale, non giacere nel posto più eminente. Forse qualcuno più ragguardevole di te è stato invitato da lui nello stesso tempo, e colui che ha invitato te e lui verrà e ti dirà: ‘Lascia che quest’uomo abbia il posto’. E allora andrai con vergogna a occupare il posto più basso. Ma quando sei invitato, va a giacere nel posto più basso, affinché quando viene l’uomo che ti ha invitato ti dica: ‘Amico, sali più in alto’. Allora avrai onore davanti a tutti quelli che sono ospiti con te.”(Lc 14.8-10)
    Credo si possa dire : modestia e tolleranza con un pizzico di umiltà condito di un pò di ragionevole rinuncia.
    Stia bene

  29. @ Vale;
    Mi permetto di darle un consiglio, spero apprezzi almeno la mia buona intenzione.
    Fa molto bene a informarsi. Infatti la Sacra Scrittura consiglia: “Accertatevi di ogni cosa, attenetevi a ciò che eccellente” (1Tessalonicesi 5:21) Ma se si tratta di religione, chi può stabilire qual è quella giusta? Noi, i nostri amici, internet o Dio stesso? Gesù disse di “adorare Dio con spirito e verità” e “la tua parola è verità” (Giovanni 4:24; 17:17) Perciò se vuole trovare la vera felicità, si affidi alla sua Parola perché “Felice chi legge ad alta voce e quelli che odono le parole di questa profezia e osservano le cose in essa scritte.” (Rivelazione o Apocalisse 1:3; 2Timoteo 3:16-17)
    Voglia gradire pure i miei cordiali saluti.

  30. @ Vale
    “@Joab sono sempre stata curiosa di conoscere altre religioni.. Gli unici che non ho mai capito sinceramente sono i testimoni di Geova,”

    Mi scuso per il fuori tema, ma le domande fatte lo richiedono.

    Distinta sig.ra/ina Ho l’impressione che abbia fatto confusione. Deve avermi scambiato per qualcun altro. Dal mio punto di vista, nella vita, non si dovrebbe parlare di “religione” ma di modo di vivere. “Secondo Cicerone (106 a.C.-43 a.C.), la parola [religione] originerebbe dal verbo relegere, ossia “ripercorrere” o “rileggere”, intendendo una riconsiderazione diligente di ciò che riguarda il culto degli dèi: “ – Wikipedia Troverà Quì una serie di definizioni e spiegazioni

    La religione non dovrebbe essere “appartenenza” a qualcuno, quanto piuttosto responsabilità e libertà da qualcuno. Lei ha ragione dicendo che “Dio lascia libero l’uomo – Dio deve essere anche gioia e felicità.” E’ proprio ciò che la Bibbia raccomanda a dicendo :” Foste comprati a prezzo; smettete di divenire schiavi degli uomini.-“Se rimanete nella mia parola, …conoscerete la verità, e la verità vi renderà liberi”… Per ogni cosa c’è un tempo fissato,.. un tempo per piangere e un tempo per ridere; un tempo per fare lamento e un tempo per saltare;- Siate sempre allegri. Non spegnete il fuoco dello spirito. Accertatevi di ogni cosa;” (1Cor 7.23-24; Gv 8.31-36; 1Tess.5.16; 1 Tess.5.19-21; Eccl 3.1-8 )

    Che la religione non è un rito, una funzione o una cerimonia è confermato da Gesù che disse “Ma tu, quando preghi, entra nella tua stanza privata e, chiusa la porta, prega il Padre tuo che è nel segreto; allora il Padre tuo che vede nel segreto ti ricompenserà. Ma nel pregare, non dite ripetutamente le stesse cose, come fanno le persone delle nazioni, poiché esse immaginano di essere ascoltate per il loro uso di molte parole”( Mt 6.6-7)

    La questione investe la maturità e responsabilità di ciascuno che come dice il testo “sono come pecore senza pastore” incapaci di responsabilità e autonomia, incapaci di giudizio indipendente per cui si affidano sempre a qualcun altro invece di affidarsi all’Unico che può realmente sostenerli e guidarli. Lo disse Gesù dicendo :“Voi siete il sale della terra; ma se il sale perde il suo sapore, come sarà ristabilita la sua salinità? Non serve più a nulla se non a essere gettato fuori perché sia calpestato dagli uomini.” (Mt 5.13) Invece di usare il proprio sale, molti preferiscono usare il sale degli altri che approfittano della mancanza di conoscenza e di autonomia. Si può dire che molti seguono lo spot o la pubblicità di abili manipolatori e rimangono intrappolati in un orizzonte limitato, mentre ciascun uomo dovrebbe essere in grado di discernere il vero dal falso, il buono dal cattivo, ciò che è giusto da ciò che è sbagliato.

    Dio stesso disse : Ecco l’uomo è divenuto simile a uno di noi conoscendo il bene e il male” ( Gn 3.22) Ma quasi nessuno utilizza le proprie capacità per esplorare, capire, conoscere, trarre conclusioni personali. si affida ad altri pensando che siano esperti dimenticando il fai da te oggi così di moda. In molte religioni ci sono riti e credenze diverse. Per es. alcuni sacrificavano i loro figli nel fuoco per essere simpatici al dio, altri si cibano di lui per divenire come lui, altri rifiutano la trasfusione, come lei ricorda e ce ne sono molte altre. La questione è che in regime di libertà, ciascuno agisce come gli pare, e non sarebbe utile contestare gli uni o gli altri per le loro credenze, mentre è imbarazzante (per loro) quando per giustificare le proprie pratiche pretendono di manipolare il testo dicendo che sono comandi di Dio anche quando il Dio non ha mai detto quelle cose.
    Per es. i nazisti uccidevano gli ebrei dicendo che Dio era con loro, i cattolici uccidevano i pagani con la stessa motivazione, come fanno oggi i talebani, alcuni praticano il celibato mentre il libro ricorda che “alcuni si allontaneranno dalla fede, prestando attenzione a ingannevoli espressioni ispirate e a insegnamenti di demoni, mediante l’ipocrisia di uomini che diranno menzogne, segnati nella loro coscienza come da un ferro rovente; i quali proibiranno di sposarsi, comandando di astenersi da cibi che Dio ha creato per essere presi con rendimento di grazie da quelli che hanno fede e conoscono accuratamente la verità.- viene l’ora in cui chiunque vi ucciderà immaginerà di avere reso sacro servizio a Dio. Ma faranno queste cose perché non hanno conosciuto né il Padre né me” (1Tim 4.1-3; Gv 16.2-3)

    Sull’altro fronte Dio aveva fatto scrivere : “In quanto a qualunque uomo della casa d’Israele o a qualche residente forestiero che risiede come forestiero in mezzo a voi il quale mangi qualsiasi sorta di sangue, certamente porrò la mia faccia contro l’anima che mangia il sangue, e in realtà la stroncherò di fra il suo popolo.” ( Lev 17.10)
    Si può facilmente concludere, che è questione di responsabilità, maturità e di conoscenza e ciascuno deve prendersi la propria anche fino alla morte se ci crede veramente. Così in fondo fece Gesù ed è ricordato proprio per questo. Altrimenti non c’è nessun obbligo di appartenenza come dicevo all’inizio. Ma non bisognerebbe mai fare come quello che non sapendo e non volendo sapere si dice: Vado in chiesa… “Non si sa mai !” Non ha nessun valore.

    p.s.
    Se è interessata ai TdG Qui troverà il loro sito per informarsi personalmente. A volte scoprire personalmente è diverso da ciò che la gente racconta in favore o contro. La scelta è sempre personale. Magari le piaceranno alcune cose e ne rifiuterà altre. Decide sempre lei, sia il ristorante ove mangiare sia la scelta dal menù. Non è questione di “insegna esterna” quanto di sostanza interna.
    Stia bene

  31. X Giusepppe70

    Wojtyla può vantare le stesse credenziali?..si e ci domanda e ovviamente la risposta è SI in virtù di quel mandato “pasci le mie pecorelle” che Gesù ha consegnato a Pietro.

    La saluto cordialmente

  32. Gentile Domenico X Meridio;
    Mi preme ricordarle che in quell’occasione Gesù non gli conferiva alcun ruolo di prestigio nella suo gregge ma semplicemente manifestava il suo perdono per averlo rinnegato. Tale perdono risollevava Pietro a una buona reputazione davanti a Gesù e soprattutto davanti agli altri apostoli e discepoli. Gli unici “titoli” che Pietro riconosceva erano “apostolo” e “anziano” (o presbytèrous vedi 1 Pietro 1:1; 5:1)
    Le ricordo, inoltre, che durante le numerose discussioni che gli apostoli facevano su chi di loro fosse il più grande, Gesù non diede mai a nessuno gradi di importanza ma, piuttosto, insegnò l’umiltà e la modestia evitando nomi e posizioni prestigiosi. (Lu 9:46-48; 22:24-27) Quella di avere il primato prestigio era piuttosto potere era piuttosto una caratteristica legata alla classe religiosa giudaica che più volte Gesù condannò. (Matteo 23:1-12; Marco 12:38-40). Lascio a lei, nella sua capacità di discernere in base agli esempi citati, qualificare il ministero dei papi.
    Per me nuova occasione per aggiungerle ancora i miei migliori saluti.

  33. Come lei sa, caro Giuseppe70, rispetto la sua visuale ma ancora una volta mi duole correggerla. L’episodio che anche lei cita ha un significato chiaro. Inoltre tutto il contesto va letto proprio alla luce del triplice richiamo. Essendo lei di confessione TdG, ha per input (mi consenta la parola) tralasciato quella che lei chiama “abitudine” e noi Cattolici chiamiamo Traditio. E come sempre, tralasciando una parte si perde di vista qualcosa. Se poi, come lei ben conosce per i suoi studi, mette in conto come la tradizione Midrashica spiega la Sacra Scrittura vedrà che chiude il cerchio e arriva ancvhe lei al senso reale del brano.
    Ricambio di vero cuore i suoi saluti ed a presto per questo nostro bel “conforto” che aiuta entrambi

    Pace e Bene

  34. Ringrazio pubblicamente papa Giovanni Paolo ii se sono diventata mamma di uno splendido bimbo dovevo fare la fivet ma leggendo le controindicazioni che avrei potuto avere io e il feto decisi di rinunciare ero sconvolta perché desideravo da troppo tempo avere un bimbo, pochi minuti prima che suonasse la mia sveglia x andare al lavoro sogno lui che mi telefona e mi dice le fiale mi anno fatto bene le punture mi anno fatto benissimo grazie ! Salto giù dal letto piena di gioia e senza esitazione faccio la fivet, sono subito rimasta incinta gravidanza stupenda parto stupendo grazie papa Woityla

  35. Un grande ed unico miracolo sarebbe inculcare nell’uomo l’amore e il rispetto per il prossimo , sia esso a due o a quattro zampe .Fargli capire che siamo TUTTI qui in questo puntino , sperduto nell’universo.

  36. Caro santo Padre sei stato come un padre per noi oggi mi rivolgo a te affinche’ mio fratello potra avere la vista perche’ soffre di una grave malattia, agli occhi, ti ringrazio e poi per mio padre e mia mia madre possano avere una lunghissima vita sempre in buona salute.

  37. Sono felicissima proprio in questo momento che ho bisogno della sua protezione. Santo padre intercedi per la guarigione di mia sorella. non dimentichero mai quando 10 anni fa lo vidi ad una sua consueta udienza di mercoledì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *