“Paolo, hai fatto soffrire la Chiesa”

Mons. Rino Fisichella

Paolo Gabriele, l’ex assistente di camera del Papa è stato condannato a 18 mesi di carcere per il furto dei documenti di Benedetto XVI. All’indomani della sentenza ho intervistato per il programma di Tgcom24 “Top Secret”, Mons. Rino Fisichella, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della Nuova Evangelizzazione (impegnato in questi giorni per l’apertura del Sinodo).
L’arcivescovo si rivolge direttamente a Paolo Gabriele e dice: “Hai fatto soffrire la Chiesa, avresti dovuto riflettere o consigliarti con qualcuno prima di agire…” Ma il prelato è convinto che l’ex maggiordomo del Papa abbia capito, seppur in ritardo, di aver sbagliato.

Guarda QUI l’intervista a Mons. Rino Fisichella

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

7 risposte a ““Paolo, hai fatto soffrire la Chiesa”

  1. Stando a Fisichella, Paolo ha fatto soffrire la chiesa, e lui non è contento. Strano ! Dovrebbe essere felice perché solo attraverso la sofferenza si vince il male, parola di GPII :
    “ LETTERA APOSTOLICA – SALVIFICI DOLORIS -DEL SOMMO PONTEFICE – GIOVANNI PAOLO II”
    ” § 19 Ogni uomo ha una sua partecipazione alla redenzione. Ognuno è anche chiamato a partecipare a quella sofferenza, mediante la quale si è compiuta la redenzione. E’ chiamato a partecipare a quella sofferenza, per mezzo della quale ogni umana sofferenza è stata anche redenta. Operando la redenzione mediante la sofferenza,[…] Cristo non nascondeva ai propri ascoltatori la necessità della sofferenza .[…]

    http://www.vatican.va/holy_father/john_paul_ii/apost_letters/documents/hf_jp-ii_apl_11021984_salvifici-doloris_it.html

    Si lamenta forse perché sono aumentati i meriti della chiesa ?

  2. A mè sinceramente la chiesa non è che soffra tanto perchè sono tutti belli pieni e invece ci sono i poveri che hanno fame!, a parte gli scherzi………la chiesa di oggi ha più soldi dell’italia e adesso se arriva l’imu da pagare pure a loro staranno un pò maluccio………….con gli arretrati poi!.Per mè se dovessero aprire tutte le porte ai fedeli la gente vedrebbe che poi male non stanno,solo tutte le ricchezze accumulate e l’oro di tutti i papi………che riposino in pace, la chiesa penso che sfamerebbe in parte o quasi l’africa e altri paesi che soffrono!.La mia piccola opinione è la chiesa aiuti i più deboli e non faccia politica perchè già abbiamo stì personaggi che fanno zero!.

  3. Un appunto a Gianfranco;

    San Francesco insegna.
    Ma San Francesco era tutto fuorché il “sempliciotto” che la società moderna vorrebbe dare ad intendere. Era innanzitutto un Cavaliere e come tale educato in tal senso, quindi colto.
    Ora Ti domando (Gianfranco), ha mai detto di vendere i beni terreni della Chiesa al Sommo Pontefice del suo tempo?
    (a qualche “pasciuto” vescovo forse, ma si trattava di ricchezze “personali”)
    Ha detto in realtà una cosa molto più profonda ..
    Tanto che si può esser ricchi ma ciò che salva realmente è la Carità. Infatti, come dice San Paolo, puoi fare tutta la beneficenza che vuoi, ma se non hai Carità non Ti salverai!!!
    (ricordo a quei cattolici “ignoranti” – cioè che non conoscono cosa professano – che il bene inteso nella Sacra Scrittura non è il mero buonismo ma prende spunto dal latino bonum facere, cioè FARE BENE tutte le nostre azioni. Tanderle cioè a Gloria di Dio)

    Detto questo, una SEMPLICISSIMA considerazione (rivolta più ai provocatori ed ai protestanti):
    Se nel passato tanti, nel pieno libero arbitrio hanno voluto far dono dei loro beni per costruire Cattedrali e quant’altro, chi siamo noi per non rispettare la loro volontà?
    (uno SCACCO MATTO, cari provocatori – quello che mi fa realmente ridere di voi, è che siete uguali al vostro padre, il demonio, conoscete alla perfezione ogni singola vocale o consonante della Scrittura, ma il bello è che non la capite!)

    Pace e Bene

  4. È sempre triste essere traditi nella fiducia, chiunque esso sia.
    La Chiesa non può sentirsi offesa e colpita da un gesto piccolo in paragone alle grandi sofferenze causate dalla Chiesa stessa nei secoli e per di più in nome di Dio (poi quale nome se “Dio” è generico?) a persone innocenti.
    Se ora, il prelato, rivolgendosi a Paolo, dice che ha fatto soffrire la Chiesa, come si deve esprimere Dio che si vede rappresentato da una Chiesa dedita più a gestire ricchezze materiali invece delle ricchezze spirituali a lei affidate? Come dovrà sentirsi Dio vedendo “uomini di fede” che slealmente offendono la sua fiducia quando sono coinvolti in scandali morali, economici e politici? Come potrà la Chiesa, nel suo insieme, proferire (in parole o azioni) ai suoi fedeli le parole che si leggono in 1Tessalonicesi 2:10 che dice “Voi siete testimoni, e Dio lo è pure, del modo santo, giusto e irreprensibile con cui ci siamo comportati verso di voi che credete”?

  5. Beh,anche i preti pedofili americani e nostrani,i Marcinkus,quelli che a Potenza hanno coperto con il loro silenzio miseri resti di Elisa Claps avrebbero dovuto far soffrire qualcuno,ma vai a toccare gli assegni del papa…e la sofferenza aumenta!!!

  6. Ma è proprio Paolo che ha fatto soffrire la chiesa ?
    Iil sig. Paolo Morocutti è amico della famiglia Di Gabriele. Presenta a Paolo Gabriele un amico, il sig. Giovanni Luzi. Perché ?

    Forse perché lui Morocutti, benchè amico di famiglia non voleva essere coinvolto nella vicenda e voleva rimanerne fuori ? Ma anche così è complice, ha coperto l’amico, ha taciuto. Ha fatto il palo. Così passa la palla a Luzzi, il quale accetta il rischio, però non si capisce che ruolo svolga. Si dice per “distrugge i documenti che ha ricevuto da Gabriele”. Ma per distruggere i documenti bastava l’amico di famiglia Morocutti perché doveva farlo un altro ? Li avrà bruciati tutti o solo alcuni ? Ne avrà fatto una copia ?

    La partecipazione dell’amico Luzzi serviva proprio a distruggere i documenti ? o doveva fare qualcosa d’altro ? E poi, come avrà fatto a “bruciarli” se ne hanno sequestrati 82 scatoloni ? Allora non li ha bruciati e ne ha bruciato solo uno o due ? O doveva scoprire cosa avrebbe potuto esser davvero pericoloso ?
    E’ davvero strano. Perché mai Luzzi ha accettato di essere presentato a Gabriele ? solo per dissuaderlo dal danneggiare la chiesa ? Gabriele diceva invece che voleva aiutare il papa e la chiesa e il tribunale gli ha creduto riducendogli la pena. Perché quindi Luzzi ha accettato di incontrare Gabriele ? Si deve dedurre che Luzzi ha forse bruciato qualche documento compromettente per qualcuno (e che potrebbe anche aver conservato come assicurazione sulla vita v. esempio di Gotti Tedeschi) che avrebbe potuto danneggiare qualcuno…. Che impicci Vaticani….
    Di certo si è sbagliato il sig. Fisichella dicendo a Gabriele che ha fatto soffrire la chiesa. Non si è sbagliato lui a svelare gli intrighi, ma chi gli intrigi ha commesso. La vertà non fa mai male. le bugie si. Wikipedia la mette cosi:

    “Nel corso dei primi mesi del 2012 si è verificata una sistematica fuga di documenti riservati vaticani riguardanti i rapporti all’interno e all’esterno della Santa Sede. Tali documenti hanno, tra l’altro, portato ad evidenza 1.le lotte di potere all’interno del Vaticano2. “alcune irregolarità nella gestione finanziaria dello Stato e nell’applicazione delle normative antiriciclaggio. Nel marzo 2012 ha destato attenzione sui media il fatto che il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti ha aggiunto per la prima volta il Vaticano alla lista di Paesi monitorati perché 3. potenzialmente suscettibili di essere luoghi di riciclaggio del denaro[…] Tra i documenti che più hanno fatto scalpore, vi è quello in cui si alludeva a un presunto complotto di morte nei confronti di Papa Benedetto XVI, da attuarsi entro un anno, che doveva preludere alla prossima ascesa al soglio pontificio del cardinale Angelo Scola”– Wikiepdia

    Lotte di potere, riciclaggio di denaro, paese monitorato, complotto per uccidere … e questi dovrebbero essere i rappresentanti di Dio e avere la fiducia del Padre Eterno ? Ma neanche la madonna potrà più salvarli dalle ire… Certamente il Padre Eterno dovrà salvaguardare la sua reputazione, mica potrà farsi mettere in piazza come protettore di riciclatori di denaro sporco, sorvegliati speciali complottisti e protettori di bambini…… non c’ è proprio fine al peggio !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *