Ratzinger critica Bergoglio? Parola a Padre Georg

Il Papa emerito e il suo segretario Mons. Georg Gänswein

“Stanno cercando di strumentalizzare il Papa Emerito in chiave anti-Francesco”. Monsignor Georg Gänswein, Prefetto della Casa Pontificia e segretario particolare di Benedetto XVI non ha alcun dubbio: qualcuno sta cercando di mettere ancora una volta in contrapposizione la figura Joseph Ratzinger a quella di Jorge Bergoglio.
Continua a leggere

Francesco incalza Trump sul clima


Papa Francesco lo aspettava al varco, pronto a consegnargli una copia della sua enciclica ecologica «Laudato Sì» e, tra le altre cose, il messaggio 2017 per la Giornata Mondiale della Pace, intitolato: «La non violenza, stile di una politica per la pace». Un chiaro messaggio per Donald Trump: rivedi le tue posizioni sul cambiamento climatico e niente guerre, aiutaci a garantire la pace.
Continua a leggere

“Nessuna pressione per far dimettere Ratzinger”. Parola di Padre Georg

In occasione dei 90 anni del Papa Emerito Benedetto XVI, (ricorrono il prossimo 16 aprile), ho realizzato per Matrix una lunga intervista al suo più stretto collaboratore, Mons. Georg Gänswein, Prefetto della Casa Pontificia e segretario particolare di Ratzinger.
Continua a leggere

“Il Vaticano non è contro Trump”

Il cardinale Peter Turkson

Dopo le dichiarazioni del Card. Peter Turkson, a capo del dicastero dello Sviluppo Umano Integrale, su Donald Trump, ieri pomeriggio ho sentito il porporato al telefono per chiarire cosa intendesse con quelle frasi sulla “lobby della Chiesa americana” che potrebbe contrastare il Presidente USA sulle politiche migratorie. Ho anche chiesto se fosse vero che il Vaticano “è contro Donald Trump”. Il cardinale ghanese è stato molto chiaro e ho riportato le sue dichiarazioni questa mattina su Il Giornale

Continua a leggere

“Macché punizione del Papa! Guam non è un confino” Intervista al Card. Raymond Leo Burke

Il Card. Raymond Leo Burke

Il cardinale Raymond Leo Burke è il Patrono dell’Ordine di Malta. Da qualche giorno il porporato americano, 68 anni, considerato da molti un oppositore di Papa Francesco per via delle sue posizioni tradizionali, è stato inviato a 12.000 km da Roma, sull’Isola di Guam per indagare su un caso di pedofilia risalente agli anni 70. Secondo alcuni si tratta di una punizione del Pontefice nei confronti del cardinale, ma a quanto risulta a Stanze Vaticane – Tgcom24, il Papa è stato informato dell’incarico affidato al card. Burke dalla Congregazione per la Dottrina della Fede soltanto a cose fatte, quando il porporato era già sull’isola del Pacifico.
Continua a leggere