Medjugorje, “Sì ai pellegrinaggi ma non per le apparizioni”

L’inviato del Papa a Medjugorje, monsignor Hoser

“E’ vero quello che ho detto, anche se forse è stato un po’ esagerato nei toni, ma è assolutamente autentico che si possono organizzare i pellegrinaggi di preghiera a Medjugorje senza alcun problema, purché siano spirituali e non riguardino le apparizioni della Madonna ai veggenti”.
Continua a leggere

La svolta a Medjugorje

Fedeli radunati in preghiera a Medjugorje

Una svolta storica, passata quasi sotto silenzio, senza troppi clamori. Il culto di Medjugorje è autorizzato ufficialmente e da oggi tutte le diocesi e istituzioni del mondo potranno organizzare pellegrinaggi verso la piccola città della Bosnia-Erzegovina dove dal 1981 la Madonna apparirebbe ai sei veggenti, finiti spesso nella bufera per i loro raduni che da anni attirano milioni di persone da tutto il mondo.
Continua a leggere

I fedelissimi di Medjugorje: “frenate il business, non la fede”

Una statua della Madonna di Medjugorje

L’arrivo dell’inviato papale a Medjugorje sarà il primo passo verso qualcosa di grande. Ma attenzione al business, non è giusto che si speculi sulla fede. La pensa così la maggior parte dei pellegrini che da anni visita la piccola cittadina bosniaca, dove dal 1981 alcuni veggenti riceverebbero messaggi dalla Madonna.
Continua a leggere

Medjugorje, “la mangiatoia d’Amore” (ma attenti al business e ai “religiosi distratti”…)

La veggente di Medjugorie, Mirijana Dragicevic Soldo

Ho ricevuto una bella testimonianza da Medjugorje. A scriverla è “Rosellinadiluna“, consacrata laica di origini sarde che vive in Bosnia-Erzegovina e che appartiene al movimento degli “Apostoli di Maria”. Francesca, questo il suo nome, ci racconta la vita a Medjugorie, la grandissima fede di chi arriva lì ma anche i problemi di quella terra: troppo business e spesso anche religiosi “in vacanza”. Continua a leggere