Ior, cacciati in due. L’ombra di Milone e la “cattiva condotta”

L’ingresso principale dello IOR

Una nuova bufera sullo IOR e sulle finanze vaticane, mentre Papa Francesco è impegnato nel delicato viaggio apostolico in Myanmar e Bangladesh.

Nonostante l’importante rivoluzione e l’operazione trasparenza che da oltre tre anni, il presidente Jean-Baptiste De Franssu, sta portando avanti all’interno dell’istituto per le Opere di Religione (su richiesta di Bergoglio), la “Banca di Dio” continua a far parlare di sé. Il vice direttore generale, Giulio Mattietti, lunedì scorso è stato “allontanato” dallo IOR e ha concluso così il suo incarico, venendo accompagnato fuori dallo Stato della Città del Vaticano. La notizia è stata confermata all’Ansa dalla Sala Stampa della Santa Sede, anche se i motivi della cacciata restano ancora top secret.

Dalle sacre stanze filtra soltanto la conferma del fatto che si tratta di un vero e proprio licenziamento in tronco, un “allontanamento”, dovuto a motivi sconosciuti persino ai più stretti collaboratori dello stesso Mattietti. Potrebbe trattarsi comunque di una decisione non legata a un’inchiesta penale in corso, bensì a un provvedimento amministrativo interno allo IOR. Bocche cucite, insomma, dentro le mura, anche se la vicenda del numero 2 dell’Istituto potrebbe essere in qualche modo collegata a quella delle dimissioni del revisore generale dei conti del Vaticano, Libero Milone, accusato Oltretevere di aver “spiato” le vite e i conti di alti vertici della Santa Sede.

Mattietti era stato nominato braccio destro del direttore generale Mammì nel 2015 dopo una carriera ventennale all’interno della banca vaticana: arrivato nel 1997 allo IOR come project manager e sviluppatore, nel 2006 era diventato Chief Information Technology Office, capo del dipartimento informatico dell’Istituto, promosso in tale ruolo dall’ex dg, Paolo Cipriani, condannato lo scorso febbraio (insieme al suo vice dell’epoca Massimo Tulli) a 4 mesi e 10 giorni di reclusione per aver violato, secondo il giudice monocratico del tribunale di Roma, le norme antiriciclaggio.

Ma oltre alla vicenda Mattietti, a scuotere lo IOR è anche un’altra storia: da quanto risulta a Il Giornale nelle scorse settimane oltre al vice direttore generale è stato cacciato anche un altro dipendente, questa volta per “cattiva condotta”: l’uomo, la cui identità rimane riservata, avrebbe tenuto all’interno dell’Istituto per le Opere di Religione e nei confronti dei colleghi, degli atteggiamenti e dei comportamenti poco consoni a quell’ambiente di lavoro.

Articolo pubblicato nell’edizione odierna del quotidiano “Il Giornale”

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *