“Così organizzeremo il grande Giubileo” Intervista a Monsignor Rino Fisichella

Mons. Fisichella con Papa Francesco

Mons. Fisichella con Papa Francesco

Dopo l’annuncio del Papa sul Giubileo della misericordia, è arrivato il momento di rimboccarsi le maniche e mettersi al lavoro per organizzare il grande evento. Francesco ha affidato tutto nelle mani di Mons. Rino Fisichella, Presidente del Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione, che, in questa intervista che ho realizzato per Il Giornale subito dopo l’annuncio del Pontefice, racconta cosa dobbiamo aspettarci.

Mons. Fisichella, il Papa quindi affida alla sua guida l’organizzazione di questo Giubileo straordinario della misericordia…
E’ un atto di fiducia da parte di Papa Francesco: lo ha spiegato anche lui il motivo perché lo affida a noi, perché dice che questo Giubileo dev’essere un cammino di nuova evangelizzazione per la Chiesa: dobbiamo portare l’annuncio essenziale del Vangelo, dobbiamo presentare ancora il volto misericordioso di Gesù.

Come sarà strutturato questo grande evento che coinvolgerà tutta la Chiesa?
Adesso il Papa ha dato l’annuncio, abbiamo le prossime settimane per prepararci, per studiare tutte le iniziative da avviare e soprattutto per comprendere come quest’Anno Santo possa esser vissuto qui a Roma, come possa diventare concretamente un segno della misericordia. Il primo pensiero che mi viene in mente è che la Chiesa dovrà adesso riscoprire le opere di misericordia corporale e spirituale, che sia pane quotidiano nella vita dei credenti, per le persone più vicine al Vangelo e per questo privilegiate.

Nel 2000 ci furono tanti eventi, ad esempio il Giubileo degli sportivi o quello degli artisti. Con questo Papa ci potrà essere un Giubileo dei poveri o dei senzatetto?
Dobbiamo pensarci, ma certamente il Giubileo deve dare un’espressione alla Chiesa perché concretamente vada incontro a tutti. Dev’esserci un’attenzione verso le persone più lontane o più deboli. Dobbiamo comunque verificare tutto ciò che potremo fare, per il momento credo sia importante capire come il Papa intenda realizzare questo Giubileo della misericordia. Vorrei precisare comunque che questo evento non avrà compiti strutturali, l’unico compito è quello della conversione spirituale, su come essere testimoni dei Signore. Le cose strutturali e organizzative verranno dopo.

Il Giubileo si aprirà nel 50° anniversario della chiusura del Concilio Vaticano II. Perché questa scelta?
Il Papa ha voluto dare questo annuncio all’inizio del terzo anno del suo pontificato e credo che sia intanto una scelta significativa. Poi certamente il Papa ha pensato di aprire la Porta Santa nel giorno di quell’anniversario speciale, perché il Concilio è stato il momento in cui la Chiesa si è rivolta al mondo, in cui ha iniziato a parlare un nuovo linguaggio che è ovviamente il linguaggio del Vangelo, una lingua della misericordia.

Fabio Marchese Ragona

(intervista per Il Giornale del 14.03.2015)

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

6 risposte a ““Così organizzeremo il grande Giubileo” Intervista a Monsignor Rino Fisichella

  1. “Fisichella: Giubileo della Chiesa di tutti”. Carissimo Fisichella, non faccia confusioni e a scanso di equivoci, visto che sembra (!?) che una parte della chiesa di Roma si sia adagiata su uno “scivolo” che molti cristiani, un po’ in confusione, si stanno dimandando: dove ci stanno portando? Prego incominci a mettiamo in chiaro che sarà (Speriamo) Giubileo della chiesa di Cristo. E tutti noi sappiamo, che la chiesa è di Cristo e di nessun altro.

  2. Buonasera.
    Mi piacerebbe sapere, dopo i fatti incresciosi della Tunisia se l’idea di papa Francesco riguardo la sua decisione di organizzare il Giubileo è ancora valida. Credo che, rivedere la decisione sia un atto dovuto. Esporre il mondo Cristiano a una concreta eventualità di attacchi terroristici, nei loro confronti, mi sembra un fatto terribile e allo stesso tempo, incoscente. Capisco che, gli interessi economici sono da sempre, prioritari ma, mettere su un piatto d’argento la vita delle persone come fosse, carne da macello, mi sembra un comportamento pazzesco. Purtroppo gli interessi economici, molto spesso vengono prima di tutto. Anche della stessa vita.
    Cordialmente.

  3. … chiedo scusa… mi è partito un clic ;(

    “Nessuno può servire a due padroni: o odierà l’uno e amerà l’altro, o preferirà l’uno e disprezzerà l’altro: non potete servire a Dio e a mammona”. (Matteo 6:24 CEI)

    Noto che, in questi argomenti non si tiene in nessun conto ciò che disse e fece il Figlio di Dio, fondatore del cristianesimo e salvatore del genere umano. La Bibbia, Specchio e lettera che Dio ci ha donato, contiene ogni comando, principio e consiglio in merito… ma…

    … le cose devono andare così.

  4. Spero che Giubileo sia rivolto a tutti specie alle perone in difficoltà sotto ogni profilo, siano poveri malati, fedeli che si avvicinano per la prima volta a questo evento epocale per la cristianità.
    Credo ce l’organizzazione debba essere del Vaticano senza intromissioni di enti e soggetti pubblici e privati che sperano in un buon affare

  5. Io sono fiduciosa. E’ un anno fondamentale. E’ quello della svolta…e svoltare non e’ facile…Sono felice per questo potente e portentoso evento, che sicuramente organizzera’ il Vaticano (non possono piu’ sbagliare, pena una rivoluzione mondiale!). I segnali ci sono! E’ l’anno della Misericordia! Si ricorda l’anno in cui Maria ricevette l’Annuncio dall’Angelo, (aveva 15anni!) e l’anno in cui nacque Gesu'(l’anno succcessivo, quindi il 16!…2015 sul 2016. Ringrazio Dio per aver fatto compiere questo miracolo nella persona di S.E. Papa Francesco, perche’ come dice la Madonna, “la santita’ opera miracoli” E noi dobbiamo appunto pregare per la santita’ dei ns. pastori, affinche’ nel nome di Gesu’, possano operare miracoli in Terra, per la realizzazione del Grande e Promesso Regno di Dio. Risvegliatevi e agite! Non c’e’ alternativa..e cmq e’ piu’ facile di quanto si creda. Pace 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *