“Chi sono io? Giuda?”


“Siamo forse Pilato? Siamo Giuda? O i farisei? Dove sta il nostro cuore? Facciamoci questa domanda in questa settimana”. E’ questo uno dei passaggi salienti dell’omelia di Papa Francesco per la celebrazione della domenica delle Palme.

Il Pontefice ha presieduto la solenne celebrazione in Piazza San Pietro, aprendo le cerimonie per la Settimana Santa. Poco prima dell’Angelus il Papa ha annunciato che Karol Wojtyla, Giovanni Paolo II, che sarà canonizzato il prossimo 27 aprile, sarà il patrono delle Giornate Mondiali della Gioventù.

A commentare le parole del Papa, il Rettore della Pontificia Università Lateranense, Mons. Enrico dal Covolo e Don Stefano Cascio della Diocesi di Roma che ha anche presentato un video realizzato in occasione della canonizzazione di Wojtyla e Roncalli.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

5 risposte a ““Chi sono io? Giuda?”

  1. L’uomo può essere diverso, o è costretto dalla sua condizione ad essere o Giuda o Pilato o un Fariseo?
    Ho questo drammatico dubbio………….

  2. Papa Bergoglio ha dimenticato San Pietro .anche lui tradi’ Gesu’ rinnegandolo ben tre volte,come
    preannunciato dallo stesso Gesu’,ma non si ricorda mai questo tradimento compiuto dal suo
    discepolo piu’ vicino

  3. Gentile Sig. Luigi,
    Mi permetto di ricordarle che “siamo stati creati a Sua immagine e somiglianza” (Genesi 1:26-27). Se a questo, si aggiungono le parole di Efesini 5:1-2 dove si legge: “Siate dunque imitatori di Dio, perché siete figli da lui amati; e camminate nell’amore come anche Cristo vi ha amati e ha dato se stesso per noi in offerta e sacrificio a Dio quale profumo di odore soave”, ne va da sé che, come figli, abbiamo l’obbligo di ricercare Dio e imitarlo con la nostra condotta. È vero, a volte i tratti simili a Pilato, Giuda o addirittura quelli di un fariseo, possono manifestarsi in noi, ma possiamo sempre scegliere chi imitare; se Dio Padre oppure lasciare che i tratti peggiori della nostra personalità si manifestino in modo sempre più grave. Questa scelta comporta l’ottemperanza delle Sacre Scritture. (Salmo 119:97)
    Nella speranza di averle lasciato un buon spunto di riflessione, allego pure i miei più cordiali saluti assieme ad alcuni link per approfondire l’argomento.
    Felici saluti.

    Lettura in altre Bibbie
    Scritture con biblioteca

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *