Il Papa: “Chi sperimenta la fine dell’amore non dev’essere condannato”

“In Ucraina superare le incomprensioni, preghiamo per questo popolo”. Questo l’appello di Papa Francesco all’Angelus della Domenica.
Ne parliamo a Stanze Vaticane con il Card. Elio Sgreccia, Presidente Emerito della Pontificia Accademia per la Vita. Con il porporato 85enne abbiamo commentato anche le parole di Francesco alla Messa mattutina a Santa Marta: “Chi sperimenta la fine dell’amore non dev’essere condannato, ma accompagnato”. Oltre a questo un accenno anche al caso del bambino vestito da Papa che il Pontefice ha potuto salutare e benedire mercoledì in piazza San Pietro. Bel segnale o esagerazione dei genitori?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Il Papa: “Chi sperimenta la fine dell’amore non dev’essere condannato”

  1. Mi auguro proprio che il Santo Pontefice porti avanti questa idea. Io sono sposata con un uomo divorziato ed entrambi siamo visti come degli appestati dal nostro parroco; oltre al fatto poi che io soffro particolarmente il non poter fare la comunione!! siamo persone normali! la comunione viene concessa anche a chi uccide…..ed a noi no!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *