“Chi vuole la guerra è strumento di Satana”

Padre Gabriele Amorth

Su un possibile blitz in Siria da parte delle forze americane, interviene anche Padre Gabriele Amorth, l’esorcista più famoso al mondo. Il sacerdote paolino non vuole far nomi, ma il suo pensiero è molto chiaro.

“Questi che vogliono la guerra sono strumenti del demonio”, dice l’esorcista a Stanze Vaticane – Tgcom24, “Il Signore è un Dio di pace, vuole la pace, vuole l’amore tra gli uomini, vuole la solidarietà e l’aiuto, in modo che chi è ricco aiuti chi è povero. E’ Satana che vuole la morte e la guerra”.

Un blitz però, dice Obama, servirebbe per eliminare la possibilità di utilizzo di armi chimiche sul popolo da parte del regime di Assad…
Non lo giustifico, perché tengo presente quella frase che disse Pio XII per evitare la seconda guerra mondiale: “Tutto è perduto con la guerra, tutto può esser salvato con la pace”. Tutti i sistemi violenti sono tutti da condannare.

Pensa che la veglia organizzata dal Papa darà fastidio al demonio?
Altroché se darà fastidio al demonio, e non solo a lui. Preferisco però non far nomi…

La veglia di sabato sera servirà a qualcosa?
Penso che il Papa abbia provveduto a questa veglia di preghiera per anticipare e per influire su quello che dirà il Congresso americano. Il Papa ha lo scopo di influenza. In che modo? Da Papa, pregando l’aiuto di Dio, questo è il nostro modo di agire da cristiani. Non con bombe per contrastare altre bombe, ma con preghiere per contrastare le bombe.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

74 risposte a ““Chi vuole la guerra è strumento di Satana”

  1. “Chi vuole la guerra è strumento di Satana” Amorth se la prende con il vaticano e con i suoi stessi correligionari. Strano ! Lo storico cattolico E. I. Watkin scrive: “Per quanto sia doloroso ammetterlo, non possiamo, negli interessi di una falsa edificazione o di una disonesta lealtà, negare o ignorare il fatto storico che i vescovi hanno regolarmente sostenuto tutte le guerre combattute dal governo del loro paese. In effetti non conosco un solo caso in cui la gerarchia di una nazione abbia condannato una guerra dichiarandola ingiusta . . . Quale che sia la teoria ufficiale, in pratica la norma seguita in tempo di guerra dai vescovi cattolici è stata ‘Il mio paese ha sempre ragione’”. — Morals and Missiles, a cura di Charles S. Thompson, Londra, 1959, pp. 57, 58.

    Infatti Il 3 ottobre 1935 l’Italia invase l’Abissinia, definita “una terra barbara e Anthony Rhodes scrive: “In una lettera pastorale datata . . . 19 ottobre [1935], il vescovo di Udine scriveva che non era opportuno né corretto pronunciarsi in qualche modo sui torti o sulle ragioni della vicenda. Il dovere degli italiani e in particolare quello dei cristiani era di contribuire al successo delle armi patrie. Il 21 ottobre, a sua volta, il vescovo di Padova scriveva che nelle ore difficili che si stavano attraversando occorreva aver fede nei reggitori e nelle forze armate del paese. Pochi giorni dopo, il 24, il vescovo di Cremona, dopo la benedizione di alcune bandiere reggimentali, diceva che la benedizione divina andava anche ai soldati che in terra africana avrebbero conquistato nuovo e fertile suolo per il genio italiano portandolo nel seno della cultura di Roma e del cristianesimo. Che l’Italia potesse dunque risorgere quale nuovo mentore cristiano per il mondo intero”. — Il Vaticano e le dittature, cit., p. 82.

    Hanno pure inventato la madonna del manganello protettrice dei fascisti. “rientrò in un insieme di rappresentazioni, principalmente in forma di statue e santini, diffuse negli anni trenta del XX secolo, nell’ottica dello spirito clerico-fascista voluto da settori della Chiesa cattolica e dal regime stesso. Nell’ambito di questa corrente, si arrivò nel 1926 a definire san Francesco “precursore del Duce”, o l’icona di santa Chiara in trionfo sui fasci littori” http://it.wikipedia.org/wiki/Madonna_del_manganello

    Si sbaglia Amorth, avranno cambiato opinione o sono cambiati gli interessi ?

  2. Pingback: 23 marzo: alleanza USraeliana; i “falsi” Papi si incontrano; 5 Stelle assediano Val di Susa; Giudici asserviti alla Rosa Rossa | Escogitur.it

  3. Buongiorno sono d’accordo con Padre Amorth. Chi vuole la guerra è strumento di Satana.
    Gli Arcangeli Gabriel, Michael e Raphael sono i custodi della pace. Preghiamo.

  4. Il giudizio di Padre Amorth e più in generale del Vaticano è del tutto condivisibile dal punto di vista storico, politico, sociale, etico.
    La guerra non risolve alcun problema, caso mai ne crea di enormi in termini di ulteriori stragi, distruzioni e miseria.
    E’ da chiedersi piuttosto quando la comunità internazionale sarà capace di interdire i produttori di morte che alimentano di continuo il sorgere di nuovo conflitti.
    Chi fornisce alla Siria missili, gas tossici e armi di ogni tipo? Chi: gli USA? la Russia? la Cina? l’Inghilterra? la Germania? la nostra stessa Italia? Al di là di ogni ipocrisia ci sarà mai il momento in cui si dirà “BASTA” di fronte alla spirale del male, della violenza, della più spregevole speculazione economica?
    Che Dio ci illumini e ci perdoni!
    Saluti.
    Sergio Sparacio

  5. Si potrebbe anche dire che satana è la guerra!,in questo caso che ricorda molto Saddam Hussein con stragi su civili e indifesi.In dio tutti possiamo pregare ma in siria vi è il dio danaro a farla da padrone e le forniture di armi abbiano una certa importanza.

  6. Pio XII disse: “Tutto è perduto con la guerra, tutto può esser salvato con la pace”.

    Ma purtroppo l’uomo è duro di Cuore! San Galgano, già nel 1180, di ritorno dalle campagne di difesa della Terra Santa conficcò la sua spada nella roccia in cime a Montesiepi.. Il suo gesto è purtroppo rimasto un mito (vedi Re Arthù e la spada nella roccia) ma che non capiamo..

    Concordo con Mascia, uniamoci in preghiera. AMeN

  7. @Joab
    La Chiesa è una vita di uomini e quindi anche una storia, che ha sbagliato (anche molto) ed è cambiata con la storia stessa. Leggere le posizioni attuali attraverso citazioni del ’35 credo sia improprio, se non altro manifestano non tanto un interesse verso questa imminente tragedia siriana quanto lo sfogo di personali delusioni o rancori (che comunque rispetto). Padre Amorth si schiera con Papa Francesco contro la guerra? E ben venga… Lui e chiunque abbia a cuore che anche un solo uomo possa morire da persona libera e non come carne da macello.

  8. Comunque sia:
    Nostra aderenza,uniti Spiritualmente in preghiera e digiuno dalle ore 19.30 alle ore 23 con P.za S.Pietro sabato 07/09/2013 a Papa Francesco I.

    Complimenti per la votra Tv.
    L’occasione è gradita per porgere cordiali saluti.

    Roma,04 settembre 2013

  9. “Alla fine dei giorni, il monte del tempio del Signore sarà eretto sulla cima dei monti e sarà più alto dei colli; ad esso affluiranno tutte le genti. Verranno molti popoli e diranno: “Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio del Dio di Giacobbe, perché ci indichi le sue vie e possiamo camminare per i suoi sentieri”. Poiché da Sion uscirà la legge e da Gerusalemme la parola del Signore. Egli sarà giudice fra le genti e sarà arbitro fra molti popoli. Forgeranno le loro spade in vomeri, le loro lance in falci; un popolo non alzerà più la spada contro un altro popolo, non si eserciteranno più nell’arte della guerra”.(Isaia 2:2-4)

    Ci vogliono queste condizioni e… se l’Apocalisse non può essere cambiata, c’è spazio solo per una guerra, quella dove ogni cristiano dimostrerà davvero se lo è: dove solo la fede e l’amore saranno le armi usate nella “guerra del gran giorno di Dio onnipotente. … Armaghedòn”. (Apocalisse 16:14,16)
    … manca poco…

  10. Grazie Padre Amorth, Sei UN dono di Dio. Parole sante semplici e schiette.
    Santo Rosario, preghiera e digiuno : queste sono le nostre potentissime armi.
    A buon intenditore poche parole.
    E che Dio ci benedica

  11. Non mi interessa ciò che riporta Joab. Anche se fosse tutto vero a che serve OGGI parlare di questo?
    Guardiamo avanti e davanti a noi c’è un possibile conflitto che non può che generare morte su morte.
    Nient’altro. Da qualunque parte la si guardi.
    Per questo motivo accolgo l’invito di Padre Amorth e rigetto qualunque forma di guerra, fatta da chiunque, in nome di qualunque cosa.
    No alla morte. Sì alla vita e all’Amore.

  12. @ Francesca
    “Leggere le posizioni attuali attraverso citazioni del ’35 credo sia improprio, se non altro manifestano non tanto un interesse verso questa imminente tragedia siriana quanto lo sfogo di personali delusioni o rancori (che comunque rispetto).”

    La ringrazio per la sua comprensione. Lei rivela una animo gentile e compassionevole, ma credo che non sia questo il caso, perché non prende in esame il fatto che Gesù rivelò che “quando aprì il secondo sigillo, udii la seconda creatura vivente dire: “Vieni!” E uscì un altro cavallo, color fuoco; e a colui che vi sedeva sopra fu concesso di togliere la pace dalla terra affinché si scannassero gli uni gli altri; e gli fu data una grande spada.” (Apoc 6.3-4)

    I cavalieri galoppano per la terra, e nessuno li fermerà. La verità è che la profezia spiegava : “sarete divorati dalla spada; poiché la medesima bocca di Jehovah ha parlato”. perché “la città fedele è divenuta una prostituta! Era piena di equità; in lei albergava la stessa giustizia, ma ora gli assassini. Il tuo argento stesso è divenuto scorie schiumose. La tua birra di frumento è diluita con acqua. I tuoi principi sono ostinati e compagni di ladri. Ognuno di loro ama il regalo e insegue i doni… Mediante la spada cadranno i tuoi propri uomini, e mediante la guerra la tua potenza..” ( Isa 1.20-23; 3.25)
    Per quanto si possa invocare la pace, “Non c’è pace”, ha detto Jehovah, “per i malvagi”.(Isa 48.22)
    Quindi non è una questione personale, è il rammemoratore della Verità. Ma lei può anche non farci caso. Stia bene.

  13. l’invito è chiarissimo e non consente interpretazioni o dietrologie, semmai quelle lasciamole ai politici che sono esperti in materia, a noi è chiesto di pregare e digiunare.
    Se riteniamo che questo possa servire a fermare un insano progetto quale la guerra allora facciamolo con convinzione seguendo in questo l’invito di papa Francesco e…speriamo che questo possa servire quantomeno a far riflettere coloro che ritengono che l’unica strada da percorrere e l’unica alternativa alla violenza sia la guerra.

  14. Le armi chimiche devono essere tolte al regime di Assad , senza fare guerre con armi e senza fare guerre diplomatiche….Gli Americani e i finti nemici Russi puntano al Gas Naturale, in caso di guerra i russi staranno a Guardare. Dio e Puro amore IMPERTURBABILE , Dio non e Bene, Dio non e Male…DIO E IMPERTURBABILE, QUESTA E LA VERITA .

  15. …..,amen!
    -POICHE’ VI E’ RIMASTA UNA SCELTA SOLA DA FARE.E QUELLA SCELTA E’ L’AMORE-

  16. Quando la finiremo di ucciderci gli uni e gli altri? Quando finiremo di accaparrarci i posti di potere per arricchirci sempre di più? Quando metteremo fine alla parola fame? Purtroppo la guerra gran parte dell’ umanità la vive ogni giorno. Nelle terre aride dell’Africa e di tanti altri paesi dove milioni di esseri umani muoiono, ogni minuto nell’indifferenza generale di tutti. Nelle stesse nostre città, dove la situazione economica sta mietendo vittime, con suicidi e morti violente. Perché non ascoltiamo la voce della nostra coscienza, che non può ignorare tanto male. Eppure il messaggio d’amore che Cristo è venuto a portarci tutti lo conosciamo, e i mezzi per sconfiggere tutto questo li abbiamo, Unirci nella preghiera universale,certo. Ma nella Fede (qualsiasi essa sia) ci vogliono le opere, che sono il solo mezzo sicuro che ci lega a tutti nella fratellanza universale.

  17. Mi chiedo quante volte la chiesa cattolica nel lungo trascorrere del suo tempo sia stata adoperata quale “strumento del demonio” per guadagnarsi l’affermazione di cui tanto oggi ne va orgogliosa e senza la quale il papa attuale non avrebbe nemmeno potuto parlare di pace, confermando quindi la locuzione latina: Si vis pacem para bellum.
    Ma è sempre tutto normale alla fine, certo, perchè la chiesa nonostante il suo olocausto (spalmato certamente sui quasi 2000 anni e non su dieci, venti o trenta come le altre dittature o monarchie assolute) tra guerre sante e risorgimentali, vantando inoltre anche una moltitudine di persecuzioni con relative condanne al rogo di eretici (secondo la loro modesta opinione) e streghe (senza considerare che chi faceva parte delle prime comunità cristiane quando erano ancora delle sporadiche sette era perseguito perchè considerato alla stesso modo) viene sempre e sistematicamente riabilitata, quasi come se “niente fosse successo” o dai più temerari, sfiorando per un pelo la scomunica, “ha sbagliato ma è cambiata con la storia stessa”.
    E’ facile sollevare le mani al cielo proclamando la pace quando ormai nel contesto storico in cui ci si trova non c’è più bisogno di sfoderare la propria aggressività per riaffermare la propria autodeterminazione, come quando nella storia più recente ha dovuto difendersi in maniera spregiudicata a spada sollevata dalla minaccia comunista oppure quando ha dovuto assistere come spettatore silenzioso al genocidio degli ebrei, i quali rappresentavano una minaccia geopolitica in quel momento storico.
    Albert Einstein sul tema si domandò: “Perché la guerra?”. Freud rispose alla sua domanda affermando l’impossibilità della fine delle guerre, in quanto l’aggressività, fondamento di ogni guerra, è radicata nell’uomo.
    Risposta giusta, anche se, nello spietato gioco della guerra dei potenti, chi ne fa le spese sono sempre i più deboli, i bambini e per loro già basterebbe la frase “basta, è il caso che si discuta a tavolino, onde evitare di distruggere quanto di più importante sarà per il nostro futuro, i nostri figli.”
    Quanto a Papa Francesco, che sollevi le mani al cielo e proclami pure la pace, è comunque un atto simbolico di democrazia frutto del colore bianco della sua veste che guarisce sempre tutte le ferite del passato, inebriando le menti di coloro che hanno sempre bisogno di reggersi per non cadere.

  18. L’unico Papa è Benedetto XVI°.
    Ci sono stati tanti Papi che hanno benedetto la guerra e che sono andati in guerra. La storia insegna.
    Nella Bibbia, Dio non è sempre contro la guerra, anzi.

  19. Sono D’accordo con te Graziella.
    Nessun uomo hai il potere di rimettere a posto le cose e porre fine alle sofferenze, “Geremia 10:23 dice che non appartiene all’uomo che cammina nemmeno di dirigere il suo passo” ma presto Dio interverrà per porre fine al malvagio mondo di satana.
    Invece di vagare come ciechi e prestare ascolto alle parole di “falsi profeti”, dovremmo farci guidare dall’ unica vera fonte di verità e sapienza, la parola di Dio..la Bibbia.
    LUCA 21:34-36 :“Ma prestate attenzione a voi stessi affinché i vostri cuori non siano aggravati dalla crapula nel mangiare e nel bere e dalle ansietà della vita* e quel giorno non piombi all’improvviso su di voi come un laccio. Poiché verrà su tutti quelli che abitano sulla faccia di tutta la terra. State svegli, dunque, supplicando in ogni tempo affinché riusciate a scampare da tutte queste cose destinate ad accadere, e a stare in piedi dinanzi al Figlio dell’uomo.
    PRESTIAMO ATTENZIONE AGLI AVVERTIMENTI CONTENUTI NELLA PAROLA DI DIO.

  20. Per favore basta ,ancora con satana…se fosse vero i primi a sparire dovrebbero essere gli uomini di chiesa , il vero male dell’umanità sempre accanto e sempre succubi dei potenti .

  21. Strano, molto strano, che i radical-chic dei salotti (con erve moscia) con tasche e conti ( all’estero pero) pieni di soldi, non hanno ordito manifestazioni di massa contro gli USA.
    Probabilmente perche’ c’e’ un loro beniamino..o forse ex..Obama alla testa dell’esercito del male imperialista!!!
    Ricordate la sua elezione? ( di Obama), tutte le donne radical-chic sbavavano e godevano, gli uomini( sempre chic) erano arci- contenti..ora..SILENZIO TOMBALE!! non un minimo segno di disapprovazione.
    Se ci fosse stato un Bush qualsiasi…bombe in piazza, attacchi alle ambasciate( USA)e via discorrendo.
    Ora questi finti buonisti, pseudo-democratici e politically- (s)correct…dove sono???

  22. NON SONO MAI RIUSCITO A OTTENERE LA COMPLETA IMPERTURBABILITA , SUPREMO AMORE PURO E IMPERTURBABILE, SUPERIORE AL BENE E AL MALE , AMORE INFINITO E INCONDIZIONATO VERSO TUTTI GLI ESSERI VIVENTI ….DIO STARA A GUARDARE, GRANDIOSO REGISTA DI AMORE PURO E IMPERTURBABILE SUPERIORE AL BENE E AL MALE ::) PADRE AMORTH PARLA CON IL DIAVOLO , DIO NON HA MAI PARLATO A PADRE AMORTH….LA RISPOSTA E SEMPLICE….DIO E SUPREMO AMORE PURO IMPERTURBABILE….SE RIESCO A OTTENERE L IMPERTURBABILITA TOGLIENDOMI DI DOSSO TUTTA LA MIA NEGATIVITA….SONO SICURO SONO CERTO CHE RIUSCIRO A PARLARE CON DIO CHE E….COSCIENZA SUPREMA DI PURO AMORE IMPERTURBABILE, SUPERIORE AL BENE E AL MALE.:::::)

  23. @ Grazie Giuseppe…. due sono meglio di uno 😉
    @ Eugenio
    Una delle menzogne meglio riuscite del Diavolo, potente creatura paragonata ad un cherubino (Ezechiele 28:13-19), è convincere le persone della sua inesistenza. Se Cristo, fondatore e capo dei cristiani ne parlò come di una persona reale, perché mettere in dubbio la sua parola? Dopotutto lo conosce da mooolto più tempo di noi, ultimi arrivati. Occhio quindi: “Il grande drago, il serpente antico, colui che chiamiamo il diavolo e satana e che seduce tutta la terra, fu precipitato sulla terra e con lui furono precipitati anche i suoi angeli.” (Apocalisse 12:9) Quindi abbiamo diversi nemici contro cui combattere con le armi dello spirito, prime fra tutte la spada, la Parola di Dio, e lo scudo, la nostra fede.

  24. le parole di padre amorh suggeriscono frasi positive all’80% ma ad un’attenta analisi nè gabriel amorth, nè il papa, nè vescovi, nè cardinali o prelati possono fare niente se dovesse scoppiare la guerra, ma solo l?iddio d’Israele come personalità immortale e creatrice e padre di gesù cristo può prendere provvedimento di fermare la guerra del nuovo millennio e dirigere le sorti del mondo incatenando lo spirito dell’oppositore l’oppositore che pure ha creato e che adesso con tutta la sua schiera stà dirigendo le sorti della terza guerra mondiale o provocando un armaghedonn universale. Quindi relegando lo stesso e inctenandolo per 1000 anni onde Cristo possa preparare la restaurazione di ogni cosa per giudizio di tutta l’umanità questa è la BUONA NOTIZIA di tutte le genti quindi il diavolo si affretta a portare avanti l’ultima guerra contro la soffrenza umana è solo Dio decide

  25. Quello di papa Francesco mi sembra sia un gesto nobilissimo ed anch’io,pur essendo spesso critico nei confronti della chiesa cattolica,parteciperò,se pur idealmente,all’invito alla preghiera.Quello che invece ritengo non essere un gesto nobile,perché strumentale e partigiano,riguarda i commenti di Graziella,Joab e Giuseppe, chiaramente testimoni di geova,che della pace in Siria credo siano poco interessati .

  26. La cosa che più mi incuriosisce: capire perché degli atei tipo Joab perdano tempo e scrivano filippiche noiosissime e inutili (per far cambiare idea a chi????) su delle cose verso le quali non dovrebbero provare nessun interesse…….Seconda cosa: perché queste filippiche le riservano solo a blog cattolici e non vanno ad annoiare anche siti islamici…boh

  27. galaverno Scrive:
    5 settembre 2013 alle 11:56
    L’unico Papa è Benedetto XVI°

    Dove nell’universo alternativo dove probabilmente vive lei?

  28. @ Giuseppe Santori;
    Gentile omonimo, posso dirle in verità che mi piange il cuore alla lettura e visione delle notizie che arrivano dalla Siria. Non solo; posso dirle che la rabbia, lo sdegno, la tristezza sono i sentimenti che per primi mi assalgono nel conoscere quali ingiustizie vengono perpetrate a persone innocenti totalmente estranee alla guerra, alla violenza sulle donne e ai bambini di ogni nazione e dei reati di presunzione esercitati dai vari “potenti” di questo sistema di cose.
    Ma sono capace anche di fede, speranza e amore raggiunti con il difficile esercizio delle Sacre Scritture.
    Posso dirle che anch’io, come Testimone di Geova, soffro come lei delle ingiustizie e non ne sono indifferente ma ho fede e speranza che “il Padre delle tenere misericordie e l’Iddio di ogni conforto” conforterà sia lei che me nella nostra sofferenza attraverso la preghiera. (Voglia leggere questo passo biblico 2Corinti 1:3-7) Come vede, siamo accomunati dalle sofferenze e abbiamo in comune il nemico “che ha i mezzi per causare la morte cioè il Diavolo”.(Ebrei 2:14).
    Con cordialità.

    Se mi vuole scrivere in privato mi trova QUI

  29. Ma di che pace stanno parlando? No, perchè esiste anche una pace luciferina! Quella imposta dalle armi, quella stabilita a tavolino dalle fila della progenie di Belial, dei banksters.
    E’ possibile accettare gli inviti del vescovo Bergoglio alla pace quando egli dovrebbe finalmente dire che NON prega per questa pace (fatta di futuri F35, di Eurogendfor, di controllo delle masse) ma per la rimozione dei motivi per cui la VERA PACE possa imporsi.

    Ovvero: denaro strumentalizzato al controllo dei ceti bassi e strumento della rimozione delle libertà individuali, debito che incatena a vita vecchie e nuove generazioni.
    Ovvero: energia libera negata.
    Ovvero: controllo delle nascite e incentivazione della sessualità privata dello scopo riproduttivo.
    E quante altre cose che ora non mi sovvengono!

    Un papa vero (e forse dal CVII non ne abbiamo mai avuti) ha il compito di OSTACOLARE anche con veemenza tutto quanto è in contrasto con gli insegnamenti di Gesù. Ricordo che l’unico atto di “violenza” perpetrato da nostro Signore fattoSi carne è stato contro coloro che al tempio speculavano sul denaro! Oggi chi lo fa?

    Questo vescovo è solo un nastro che ripete frasi che sono anche santissime ma il resto è VUOTO , è il nulla.

  30. ……,se satana è potente…..,il Padre,nostro Dio (!) è ONNIPOTENTE.

    Un fraterno abbraccio a Giuseppe & Graziella.

  31. …..,il mondo è pieno di odio.Voi riconoscerete il momento del Mio RITORNO quando vedrete scoppiare le guerre di religione.Quando vedrete accadere questo,sappiate che sto per arrivare!

    – 1981 / 1988, messaggio di Jesus a Emmanuel,Kibeho Ruanda-

    Ho detto che verranno disastri,catastrofi naturali; ho detto che I GRANDI DELLA TERRA SARANNO IN DISACCORDO TRA DI LORO.Ho detto che il mondo E’ SULLA VIA DELLA ROVINA,ecco perchè il Padre & il Figlio (!) ORA mandano LA SIGNORA DEL MONDO.La Signora che una volta era conosciuta come MARIA! Il mondo è sulla strada della rovina,E’ GIA’ NELLA ROVINA.

    -15 Agosto 1951,messaggio della Madonna a Ida Peerdeman,Amsterdam-

    (Sia Lodato Gesù Cristo)

  32. @ roberta
    “La cosa che più mi incuriosisce: capire perché degli atei tipo Joab perdano tempo e scrivano filippiche noiosissime e inutili”

    Distinta sig.ra Roberta, la sua domanda è rivelatrice, dimostra la sua poca conoscenza del Vangelo. Dovrebbe sapere che il vangelo invita i cristiani a “predicare la buona notizia del regno, insegnando loro ad osservare tutte le cose che vi ho comandato” ( Mt 28.20) Quindi non deve sorprendersi se alcuni prendono a cuore il comando di Gesù e insegnano che per es. la religione non consiste in riti superstiziosi e quelli sì, inutili, ma in un modo di vivere che non include una classe clericale, perché ciascun componente è in sè stesso, tempio di Dio nel quale tempio esercita l’Unico Sacerdote costituito, che non ha altri successori nè intermediari. (1Cor. 3.16; Ebr 7.21-25)

    Giusto per fare un altro esempio, è sorprendente che la Religione che sostiene di rappresentare il Dio, debba brigare e governare questo povero paese chiamato Vaticalia. http://www.tmnews.it/web/sezioni/top10/nell-archivio-gotti-tedeschi-trattative-segrete-tra-vaticano-e-pdl-20130905_083755.shtml come è altrettanto strano e inaccettabile che proprio coloro che dicono di aver dedicato la vita al servizio della divinità, siano potuti cadere in un errore tanto vergognoso come la pedofilia.

    Quindi, la motivazione è quello di mostrare alle persone intelligenti quale profonda differenza esista tra chiacchiere piene di ipocrisia e il Vangelo. Tra le azioni di una classe clericale che per così lungo tempo ha usato ed abusato della fiducia che persone semplici hanno accordato loro e la Verità. Ma la profezia l’aveva previsto in anticipo “La loro fine sarà secondo le loro opere.” (1Tim 4.1;2Cor 11.13-15)
    Spero di non averla annoiata. Stia bene.

  33. @giuseppe santori
    A te interessa solo la pace in Siria? Non so agli altri 2 citati da te… Giuseppe credo la pensi come me… a me preme che la pace sia da un’estremità all’altra della terra e Dio sa se prego e mi adopero per essa ogni istante della mia esistenza.
    UN SUGGERIMENTO: Comincia a vincere il pregiudizio, come indicato dal moderatore di questo blog.

  34. ”Chi vuole la guerra è strumento di Satana.

    Il sig. Amorth rivela scarsa conoscenza delle Scritture e della storia. Dimostra di volersi schierare, di essere parte in causa. Nell’ambito del G20 si sono delineate due fazioni, capi di stato e di governi, che si sono detti a favore dell’intervento contro Assad, per aver usato armi chimiche, e altri contrari all’intervento. Schierandosi a favore dei contrari all’intervento militare, il papa ha dimostrato di essere parte in causa, si è schierato; come capo di un governo, ha cercato di coagulare un consenso non interventista contro la parte interventista. Una vera posizione politica che inasprisce la controversia. Mentre invoca la pace, getta i semi della discordia.

    Non era questo che Gesù disse e insegnò. Quando vennero per farlo re, (Gv 6.15) egli rifiutò e insegnò che i suoi discepoli non avrebbero fatto parte del mondo( Gv 17.14). Non facendo parte del mondo si sarebbero astenuti da qualunque posizione politica sapendo che questo mondo è governato da un’altra forza a Lui opposta e contraria.( Mt 4.8-10) Schierandosi per una parte ha dimostrato di non voler essere neutrale mentre la posizione dei “veri” cristiani è la neutralità, perché i cristiani “non fanno parte del mondo come io non faccio parte del mondo.”<(Gv 17.16; 15.19)

    Hubert Butler, scrittore irlandese lo definisce : “clericalismo militante e politico”.e dice “Quasi sempre il cristianesimo in politica, è anche cristianesimo militarista e quando statisti ed ecclesiastici vengono a patti succede sempre che, in cambio di certi privilegi, la Chiesa benedice le forze militari dello stato”.

    Come accadde tanto per fare un esempio fra tanti nella questione Croata il Cardinale e arcivescovo Alojzije Viktor Stepinac fu accusato di collusione con il regime ustascia http://it.wikipedia.org/wiki/Alojzije_Viktor_Stepinachttp://it.wikipedia.org/wiki/Ustascia_e_Chiesa_cattolica.
    O come ricorda l’Osservatore romano (16-17 Maggio 1994) nel caso del genocidio degli Utsi e Hutu in Uganda di cui l’Onu si disinteressò: “Si tratta di un vero e proprio genocidio, di cui purtroppo sono responsabili anche dei cattolici.” Vi parteciparono anche vescovi cattolici. Si calcola che siano morti circa mezzo milione di uomini, donne e bambini, mentre quasi due milioni hanno perso la casa o sono stati costretti a fuggire ma in quel caso il sig. Amorth non disse nulla.
    http://abateoimpertinente.wordpress.com/2008/08/29/ma-i-vescovi-hanno-scelto-loblio/

  35. Cari amici,ho appena terminato di ascoltare le parole di papa Francesco dalla tv e ne sono rimasto positivamente soddisfatto perché,penso,sia uno dei pochi uomini della terra dalla cui bocca escono parole di pace e di speranza per tutti i popoli.Se in un mio precedente commento ho fatto riferimento ai testimoni di geova ciò non ha niente a che fare con il pregiudizio e chiedo scusa se sono stato frainteso.Un’ultima osservazione:non mi sembra corretto citare la bibbia come uno spezzatino e prendere solo quello che serve per sostenere le proprie tesi perché nella bibbia troviamo “tutto e il contrario di tutto”. Buona serata.

  36. “Papa Francesco: “La guerra affare per commercio illegale di armi””

    Così l’adnkronos. Cambierebbe qualcosa se il commercio fosse legale ? Le armi sempre cadaveri fanno a prescindere da come sono vendute. Qual è dunque il problema ? che lui non ci guadagna ?
    UN po’ come l’opposizione alle armi chimiche, anche quelle fanno cadaveri uguali a quelli fatti con armi non chimiche. Dov’è dunque la differenza ? E perché tanta manfrina per le une e non le altre ?

  37. Io credo che bisognerebbe insistere di più con il digiuno, se fosse metodico (ogni sabato o venerdì) , di sicuro la risposta del Signore non si farebbe più di tanto attendere a fronte di milioni che digiunano.
    Il digiuno è sottovalutato ma davanti a Dio è una preghiera molto potente e efficace. Diciamo che è una delle “armi” di un pacifista.

  38. “Cristiani-musulmani pregano insieme: è «miracolo Papa»” (Vatican insider)

    Quindi adesso Bergoglio lo faranno santo subito. Ha già fatto il miracolo.

    Però è strano, dice l’Insider: “Musulmani e cristiani insieme che pregano in piazza San Pietro, ognuno con le parole della propria religione.”

    Significa che non c’è più necessità di avere religioni diverse ? Ci sarà l’unica religione universale ? Ma chi sarà il capo ? Il papa o l’Iman di Al Azhar ?

  39. Il fatto non è solo che la guerra è strumento del demonio (la guerra non per giusta causa, andrebbe specificato, come del resto sono tutte le guerre moderne),
    ma che è condotta su falsità, e vengono ribaltate le responsabilità.
    Qui abbiamo un Paese straziato da una carneficina provocata da fondamentalisti della peggior specie (quaedisti internazionali) inoculati dalla cordata Usraeliano-Saudita; con un governo legittimo (laico, e pluralista) che sta difendendo la propria gente dai massacri di quei cannibali, cannibali che sono i SOLI responsabili delle esplosioni di agenti chimici, falsamente attribuiti al governo legittimo con la solita tattica del FALSE FLAG. Cioè l’esatto contrario di quello che ci viene raccontato, la versione unica imposta dagli sceriffi del mondo (e che i nostri media ripetono servilmente).
    Diciamola tutta, perciò. Limitarsi a dire “No alla guerra” è riduttivo. Bisogna dire: “No alle menzogne, No alle stragi false flag, No all’alleanza usraeliano-saudita, no ai mass media in servizio americano permanente!”

  40. Caro Joab,
    lei è molto bravo a giudicare gli altri, in particolare Papa Bergoglio. Potrebbe senz’altro tenere conferenze sulle Sacre Scritture (che lei non ha scritto) ma dovrebbe avere almeno l’ 1% della cultura ed esperienza (le assicuro possente) di Padre Amorth per poterle interpretare.
    Lei è uno strumento di Arimane e me ne rendo conto da ciò che scrive. Ma non tema. Il mondo dei pochi fatto di Amore e di Verità non potrà essere scalfito o sopraffatto dalle inutili parole che lei professa. La preghiera ha una potenza incredibilmente superiore a tutte le armi di questo mondo perchè arriva all’Altissimo al quale lei, come tutti, dovremo, presto o tardi, chinare il capo.
    La Verità e la Fede non si barattano a colpi di scoop o con la voce dell’arroganza. A ciò non può esserci seguito. Ma solo un posto nella sua personale mail box. Da qui in poi il nulla.

  41. @ Umberto
    Distinto sig. Umberto, non si tratta di giudicare, c’è chi lo sa fare meglio di me e lascio a Lui l’incombenza, ma costatare significa osservare il fenomeno. Fino ad ora e sono almeno duemila anni che si fanno molte preghiere e non hanno cambiato nulla, la guerra è sempre attuale, le malattie colpiscono pure i neonati, la fame aumenta. Tragga lei le conclusioni. Nulla è cambiato in meglio. O Dio è sordo o non è interessato alle preghiere e ai digiuni.
    Stia bene

  42. For little Joab.
    Il caso vuole,che non sia tu a dare ordini al tuo immenso Creatore.Se fosse è il Padre Tuo,Onnipotente e Santo a darne a te!!! Ed il luogo,l’ora e i tempi, li conosce solo Lui.E così sia.

  43. Caro Joab,
    “agisca” anzichè “constatare”. Le farà bene.
    Ripercorra la storia, scenda tra la gente e scoprirà, forse, che in duemila anni molto è già cambiato.
    Presto avrà modo di “constatare” altri “cambiamenti”.
    Buona fortuna

  44. @ Umberto
    “Caro Joab, “agisca” anzichè “constatare”. Le farà bene.”

    Distinto sig. Umberto ottimo consiglio il suo, tutto sta a sapere come agire. Io faccio ciò che ritengo giusto e seguo la mia coscienza. Lei forse ha una coscienza diversa che le impone di fare altre cose. Il mondo è bello perchè è vario. Se tutti si vestissero col saio sarebbe una noia. Addio diversità mentre Dio ha voluto molti colori e molti modi.

    “scenda fra la gente” – Non penserà che io vivo sulla luna vero ?
    Stia bene.

  45. @ Fabio Marchese Ragona;
    Sarebbe così gentile di spiegarmi, anche via mail, la motivazione per non aver pubblicato il commento scritto il 8 settembre 2013 alle 15:06? Mi pareva perfettamente in linea con le considerazioni del Sig. Gabriele Amorth.
    Ringraziando anticipatamente per una sua eventuale risposta, porgo i miei cordiali saluti.

  46. Ma dai ragazzi… La chiesa per millenni ha fatto i propri interessi, ha benedetto le armi e chi andava in guerra… Va a braccetto con i politici da sempre…e ora che i governi non ascoltano piu l’ipocrisia delle religioni, tutti, vescovi e papa proclamano la pace…. Svegliamoci!! Politici e religione sono tutti uguali… Che schifo!

  47. Caro Joab,
    cominci con l’accorciare le distanze eliminando le parole “distinto signore”.
    Dio ci vuole belli dentro. Del saio non gliene importa nulla. La diversità sta proprio qui.
    Stia bene anche lei.
    Cordialmente

  48. sulla luna no ma nascosto bene dietro il suo Pc si! 😉

    (E non accetta confronti perché sa perfettamente che sarebbe facilmente azzittito)

    Ma come ha scritto, il mondo è bello perché è vario e io, aggiongo, sarebbe noioso se non ci fossere persone come lei che vagano nella nebbia più assoluta

  49. Vorrei condividere questa esperienza con tutti voi. Penso faccia riflettere.

    Un oratore, prima di pronunciare un discorso, portò con sé una gabbia arrugginita e la sistemò vicino al podio. Gli astanti erano alquanto incuriositi…Come risposta alla motivazione, l’oratore cominciò a parlare… «Ieri stavo passeggiando quando vidi un ragazzo con questa gabbia. Nella gabbia c’erano tre uccellini, tremavano dal freddo e per lo spavento. Fermai il ragazzo e gli chiesi: “Cos’hai lì, figliolo?” “Tre vecchi uccelli” fu la risposta. “Cosa farai di loro?” chiesi “Li porto a casa e mi divertirò con loro” ripose il ragazzo. “Li stuzzicherò, strapperò le piume, cosi litigheranno. Mi divertirò tantissimo”. “Ma presto o tardi ti stancherai di loro. Allora che cosa ne farai?”. “Oh, ho dei gatti… – disse il ragazzo – A loro piacciono gli uccelli, li darò a loro”. L’uomo rimase in silenzio per un momento… “Quanto vuoi per questi uccelli, figliolo?” “Cosa??!!! Perché li vuoi, signore, sono uccelli di campo, niente di speciale. Non cantano. Non sono nemmeno belli!” “Quanto?” chiese di nuovo l’uomo. Pensando fosse pazzo, il ragazzo disse, “Dieci dollari” L’uomo prese dieci dollari dalla sua tasca e li mise in mano al ragazzo. Come un fulmine il ragazzo sparì. L’uomo prese la gabbia e con delicatezza andò in un campo dove c’erano alberi ed erba. Aprì la gabbia e con gentilezza lasciò liberi gli uccellini. Così si spiega il motivo per la gabbia vuota accanto al podio .

    Poi iniziò a raccontare questa storia. «Un giorno Satana e Gesù stavano conversando. Satana era appena ritornato dal Giardino di Eden, era borioso e si gonfiava di superbia. “Sì, Signore, ho appena catturato l’intera umanità. Ho usato una trappola che sapevo non avrebbe trovato resistenza, ho usato un’esca che sapevo ottima. Li ho presi tutti!” “Cosa farai con loro?” chiese Gesù. Satana rispose: “Oh, mi divertirò con loro! Gli insegnerò come sposarsi e divorziare, come odiare e farsi male a vicenda, come bere e fumare e bestemmiare. Gli insegnerò a fabbricare armi da guerra, fucili e bombe e ad ammazzarsi fra di loro. Mi divertirò un mondo!” “E poi, quando avrai finito di giocare con loro, che cosa ne farai?” chiese Gesù. “Oh, li ucciderò!” esclamò Satana con strafottenza. “Quanto vuoi per loro?” chiese Gesù. “Ma va, non la vuoi questa gente. Non sono per niente buoni, sono cattivi. Li prenderai e ti odieranno. Ti sputeranno addosso, ti bestemmieranno e ti uccideranno. No, non puoi volerli!!” “Quanto?” chiese di nuovo Gesù. Satana guardò Gesù e sogghignando disse: “Tutto il tuo sangue, tutte le tue lacrime e la tua vita!” Gesù disse, “AFFARE FATTO!” E poi pagò il prezzo.

    Non servono spiegazioni; perciò, nel scusarmi con il Signor Fabio per la lunghezza del messaggio e ringraziandolo per la disponibilità, lascio a lui e a tutti voi un caro saluto.

  50. @ Umberto
    “cominci con l’accorciare le distanze eliminando le parole “distinto signore”.”

    Di questi tempi distinto sig. Umberto scrivere sui blog frequentati da cattolici è complicato perché prendono subito d’aceto, devono avere un nervo scoperto. Meglio seguire le consuetudini per mantenere l’ufficialità richiesta. Sembra che sono diventati come i Farisei del Sinedrio: “gridano a gran voce e con le mani si coprirono gli orecchi” ( Atti 7.57) Non vogliono sentire la Verità. Sa, è questione di carriera e la moderazione è una mannaia.

    E’ vero che come dice lei “Dio ci vuole belli dentro”, ma prima dobbiamo metterci d’accordo sul “bello”. Cos’è bello ? Come si valuta ? Come diventa, “bello” ? Cose semplici. La diversità sta proprio qui.

  51. @ DomenicoXMeridio
    “(E non accetta confronti perché sa perfettamente che sarebbe facilmente azzittito)”

    Distinto Domenico, non sarei dispiaciuto se lei mi azzittisse, significherebbe che avrei preso un granchio e dovrei ringraziarla.

    Ma il punto è che nessuno deve zittire nessuno, tutti devono poter esprimere le proprie convinzioni anche se errate. Fa parte della diversità della Creazione. Per questo motivo è stato enunciato il principio di non accettare sfide, non è evangelico. Lei ricorda la questione della guancia vero ?
    “ma a chi ti schiaffeggia sulla guancia destra, porgi anche l’altra. E se uno vuole farti causa per impossessarsi della tua veste, lascia che ti prenda anche il mantello; e se qualcuno che ha autorità ti costringe a prestare servizio per un miglio, va con lui per due miglia.” (Mt 5.39-41) – Strano che non l’abbia ricordato.. !
    Stia bene

    p.s
    Konrad Raiser, segretario generale del Consiglio Ecumenico delle Chiese ha detto : “ la cristianità… contribuisce tuttora a causare il problema più che a risolverlo. Non abbiamo ancora trovato il sistema per vivere come vicini gli uni accanto agli altri senza continuare a vedere l’altro, il diverso da noi per convinzione e pratiche religiose, come una minaccia anziché come . . . una possibile fonte di arricchimento”. – (ENI Bulletin, periodico del Consiglio Ecumenico delle Chiese)

  52. @ Graziella Roggiolani,
    Appena l’ho sentita ho pensato di pubblicarla subito perché molto attinente all’argomento. Spero faccia riflettere molti su quale prezzo sia stato pagato per poterci liberare dalla gabbia della guerra e da ogni penosa ingiustizia. Inoltre rende ben chiaro che dietro il molto male del mondo, c’è proprio il Diavolo e non Dio, altrimenti non si spiegherebbero certe efferatezze del comportamento umano.
    Vivi saluti.

    jw.giuseppe@gmail.com

  53. @ Giuseppe70
    Distinto sig. Geiuseppe70, dopo aver letto il suo esempio, la mia conclusione è la seguente: – Non c’è alcuna differenza con l’insegnamento cattolico, ambedue contengono un risvolto sentimentale atto a suscitare compassione e pena, non molto dissimili dai messaggi della gospa di medgiugore, o dal lamentoso buonismo che traspare dalle predice cattoliche, tutte volte ad impietosire, facendo leva sul sentimentalismo dei più, incapaci di azione, ma commossi e felici di versare lacrime di approvazione.
    Praticamente “un ottima esca” per accontentare i semplici. Non meraviglia che Satana abbia potuto dire : “li ho presi tutti e mi divertirò con loro” .

    Non è Satana che insegna a costruire fucili con cui giocare, non è Satana che insegna a sposare e divorziare o come farsi male a vicenda, perché se così fosse , l’uomo non avrebbe nessuna responsabilità potendo giustificarsi dicendo come disse Eva “il serpente mi ha ingannato” o come si giustificò Adamo : “La donna che desti perché fosse con me mi ha dato ..“ ( Gen 3.1) Satana si limitò a far notare un albero fra i molti altri “desiderabili alla vista” e indicare una possibilità, ma poi la scelta fu loro. Se invece la colpa è sempre di un qualcun altro, come mai Dio punisce anche quelli che sono stati incauti e ingenui ? Sarebbe ingiusto, dovrebbe punire solo l’attore dell’inganno, non coloro che ne sono stati vittime. Invece non è così !
    Non si fa la guerra con i ramoscelli di ulivo. Ma con la spada, l’elmo, la corazza, i calzari e lo scudo (grande e piccolo)
    Ricambio il saluto.
    p.s.
    A Graziella Roggiolani ricordo che “il cuore è ingannevole”( Get 17.9)

  54. @ Joab;
    Ognuno di noi è condottiero dei propri pensieri ed è il generale dei suoi sentimenti. Quello che cambia è il campo di battaglia. Nel caso di Adamo ed Eva erano nel pieno delle loro facoltà intellettive e non hanno scusanti per la loro scelta in quanto hanno desiderato fare così piuttosto che ricercare la guida divina. Nel nostro caso viviamo nella condizione che “tutto il mondo giace nel potere del malvagio” (1Giovanni 5:19) Ne ha tenuto conto?

    Inoltre, è vero che il cuore è ingannevole ma chi lo scruta e ne fa una stima, è Dio (Geremia 17:10) Lei ne è capace? Pensi; Dio si pregia di scrivere la sua perfetta legge nel cuore, anche se è ingannevole (Geremia 31:33) Forse sbaglia?
    Non si fa la guerra con i ramoscelli di ulivo e neanche con la spada ed il resto. Infatti sa molto bene che la guerra del cristiano è spirituale “perché abbiamo un combattimento non contro sangue e carne, ma contro i governi, contro le autorità, contro i governanti mondiali di queste tenebre, contro le malvage forze spirituali [che sono] nei luoghi celesti.” (Efesini 6:12)
    Perciò, come vede, caro Joab, il campo di battaglia è diverso perché più affollato e il nemico “ha tutti i mezzi per causare la morte”. (Ebrei 2:14)
    Vivi saluti.

  55. @ Giuseppe70
    “rende ben chiaro che dietro il molto male del mondo, c’è proprio il Diavolo e non Dio, altrimenti non si spiegherebbero certe efferatezze del comportamento umano.”

    Se le efferatezze sono “del genere umano” perché le attribuisce a Satana ? Ma se fossero di Satana perché le attribuisce al genere umano ? Se il prezzo pagato è alto, perché c’è ancora la gabbia ?
    Giusto per riflettere.

  56. @ Giuseppe70
    Distinto sig. Giuseppe rispondo con piacere alle sue obiezioni:
    1.“Adamo ed Eva erano nel pieno delle facoltà e non hanno scusanti… ne ha tenuto conto ?”
    Beh si, è vero che “il mondo giace nel potere del malvagio” ed era vero anche ai tempi degli apostoli e dei discepoli, ma su di loro non ha avuto presa benché imperfetti e senza essere nel pieno delle facoltà, pur nel medesimo campo di battaglia hanno fatto scelte diverse. Si può concludere che gli imperfetti furono migliori dei perfetti. Quindi la sua differenzazione non produce effetti.

    2.“Dio si pregia di scrivere la sua perfetta legge nel cuore, anche se è ingannevole (Geremia 31:33) Forse sbaglia?”
    No sig. Giuseppe, Dio non si sbaglia mai, a volte sbagliamo noi se riflettiamo poco.
    “Nella stragrande maggioranza dei casi, la parola “cuore” nelle Scritture è usata in senso simbolico. Si dice che rappresenti “la parte centrale in generale, l’intimo, e quindi l’uomo interiore come si manifesta in tutte le sue varie attività, nei suoi desideri, affetti, emozioni, passioni, proponimenti, pensieri, percezioni, immaginazioni, sapienza, conoscenza, abilità, credenze, ragionamenti, memoria e consapevolezza”. — (Journal of the Society of Biblical Literature and Exegesis, 1882, p. 67.)
    “Perciò nelle Scritture il cuore simbolico non rappresenta semplicemente la sede degli affetti e dei motivi, né si limita all’intelletto…. Il cuore è “l’insieme di tutto ciò che compone l’uomo interiore in contrapposizione alla carne, la quale costituisce la parte esteriore e tangibile dell’uomo”. — E. Dhorme, L’emploi métaphorique des noms de parties du corps en Hébreu et en Akkadien, Parigi, 1963, pp. 113, 114, 128.
    “Per questo le Scritture consigliano: “Più di ogni altra cosa che si deve custodire, salvaguarda il tuo cuore [l’uomo interiore nella sua totalità], poiché da esso procedono le fonti della vita”. (Pr 4:23) (v. http://wol.jw.org/it/wol/d/r6/lp-i/1200001948)

    La conclusione è che la legge è scritta nel cuore ingannevole, perché in questo modo Colui che scruta i cuori può mettere alla prova (Eso 16.4; 20.20) a secondo della scelte che il cuore porta a compiere. Il cuore va salvaguardato, non perché la legge venga disattesa, ma perché essendo più facile essere sedotti dal sentimento (dal cuore sede del sentimento) che dalla severità dell’autodisciplina, dovendo fare la scelta difficile è più facile cedere al sentimento, piuttosto che alla durezza della (auto)disciplina, evitando di far prevalere la Ragione.

    “Le tue frecce sono aguzze — sotto di te continuano a cadere popoli — Nel cuore dei nemici del re.” (Sl 45.5-6)
    E’ stato un buon tentativo il suo sig. Giuseppe.
    Stia bene.

  57. @ ultima
    “sig. joab ha mai preso in considerazione l’ idea di una seduta con padre Amorth ?”

    Distinta sig.ra ultima, non ho mai preso in considerazione una seduta con il sig. Amorth.
    Sarebbe un guaio per lui se convertendosi alla Verità dovesse perdere le sue fonti di reddito. Ed io non desidero il male di nessuno. Credo che sia un problema suo investigare le contraddizioni della sua religione con la verità e trarne le conseguenze.
    Le auguro ogni bene.

  58. @ Joab;
    Ottima disquisizione sul cuore; complimenti. Nel suo discorrere ha detto cose esatte e precise.
    Resta il fatto che l’esempio della gabbia per spiegare le intenzioni del Diavolo è valido anche se può avere un impatto emotivo. (Perché è da questo che e partita la sua requisitoria sul sentimentalismo, ricorda?) Se contesta me, deve contestate il profeta Natan per aver usato lo stesso sistema per indurre Davide alla consapevolezza del suo errore (2Samuele 12:1-13). Dovremmo riscrivere la Bibbia senza le preziose parabole di Gesù affinché i semplici di quel tempo e di oggi giungano all’accurata conoscenza con la sola autodisciplina? Con il solo esercizio della mente? No! L’efficacia delle istruzioni è importante e chiunque voglia far conoscere le profonde verità delle Sacre Scritture non può fare a meno di sfruttarne l’efficacia.
    Per avere un buon raccolto, non si semina solo buon seme (la parola), ci vuole anche un buon terreno (il cuore). Le illustrazioni sono i mezzi per rassodarlo e prepararlo per la semina. (Matteo 13:1-9) È d’accordo?

    … restando in-topic Non è Satana che insegna a costruire fucili con cui giocare, non è Satana che insegna a sposare e divorziare o come farsi male a vicenda, perché se così fosse , l’uomo non avrebbe nessuna responsabilità…
    Gesù Cristo disse ai farisei (che avevano la Legge e sostenevano di conoscerla ed applicarla) che erano “figli del loro padre il Diavolo” (Giovanni 8:44). Se ne deduce che chi persegue i stessi obiettivi e produce i stessi frutti del Diavolo, ne diventa suo “figlio” (oppure strumento, come preferisce il Sig. Amorth).
    Ma a chi disse Gesù “Va dietro a me Satana”? Ai farisei o a Pietro che lo seguiva e gli dimostrava affetto? (Matteo 16:23; Marco 8:33) Come vede, ognuno di noi deve fare attenzione da che parte sta “guardando attentamente nella legge perfetta” (Giacomo 1:25; Salmo 19:7) E, come da lei ben ricordato, custodendo il proprio cuore.
    Vivi saluti, di cuore. 🙂

  59. @ Giuseppe70
    Distinto sig. Giuseppe, la sua argomentazione è attraente, e concordo con lei sulla validità dell’esempio della gabbia, io non contesto lei e nemmeno Natan, ma un certo modo di argomentare per essere attraenti.
    Lo fanno bene anche i pubblicitari quando vogliono promuovere il loro prodotto. Dicono “soddisfare il cliente” – offrire ad ogni potenziale cliente ciò che maggiormente gradisce. Lei vuole forse imitarli ? Preferisce il risultato di Francesco, apprezzato dalle folle giulive ? O preferisce :“Dovunque qualcuno non vi riceva o non ascolti le vostre parole, uscendo da quella casa o da quella città scuotete la polvere dai vostri piedi.”(Mt 10.11-15) Natan ha presentato il suo caso con un esempio, schietto e senza alcun orpello adulatorio. Anche Gesù ha impiegato la stessa tecnica senza cercare di addolcire il suo messaggio, per renderlo più appetibile o più attraente, quindi non credo che sia necessario riscrivere la Bibbia, ma di far tesoro degli esempi e insegnamenti in essa contenuti . Non c’è nulla da aggiungere nulla da togliere.
    “Non aggiungere nulla alle sue parole, affinché egli non ti riprenda e affinché tu non sia trovato bugiardo”(Prov 30.6; Deut 4.2).

    Concordo con lei : “Per avere un buon raccolto, non si semina solo buon seme (la parola), ci vuole anche un buon terreno (il cuore).” Ma la concimazione non si fa con i dolci e le caramelle. Il genere il concime puzza. Non è attraente ma utile.

    Ricambio i suoi saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *