Ecco perché Francesco non chiuderà lo IOR

Papa Francesco non chiuderà lo IOR. Ne sono convinti in molti nel torrione di Niccolò V in Vaticano, sede dell’Istituto per le Opere di Religione, la cosiddetta “Banca di Dio”.

Se c’è qualcosa di risaputo in quei misteriosi corridoi, è, infatti, il fortissimo legame che intercorre tra Bergoglio e la potente struttura finanziaria d’Oltretevere, molto apprezzata dal Pontefice sin da quando era arcivescovo a Buenos Aires, quando insomma doveva ogni giorno far fronte al risanamento dei conti della diocesi e alla cura dei poveri e degli ammalati.

L’istituto guidato oggi dal banchiere tedesco Ernst Von Freyberg, inviava, infatti, in Argentina, quasi ogni anno, all’allora Mons. Bergoglio donazioni per migliaia di euro, proprio per far fronte a queste emergenze umanitarie (l’assistenza ai “cartoneros” in primis) e per aiutare l’arcivescovo a rimettere in sesto i conti disastrati della Chiesa locale, ereditati dalla passata gestione. Un rapporto, questo, nato nel lontano 1998, quando lo IOR aveva offerto importanti consulenze finanziarie al monsignore appena insediatosi a Baires e con il quale i contatti son rimasti strettissimi fino all’elezione al soglio di Pietro.

A testimoniare il legame del Papa con lo IOR e con i suoi vertici c’è anche una breve telefonata fatta da Francesco: la stessa sera dell’elezione, esattamente un mese fa, il Pontefice, dalla sua camera del residence Santa Marta, oltre a chiamare parenti e amici italiani e argentini, avrebbe chiamato anche Paolo Cipriani, dal giugno 2007 direttore generale dell’Istituto per le Opere di Religione, artefice delle donazioni alla diocesi di Bergoglio. “La stimo molto e vi seguo sempre” avrebbe detto il Pontefice al manager finanziario che ieri mattina, insieme al presidente von Freyberg, ha assistito alla messa di Francesco nella cappella della sua attuale residenza.

Una chiamata in amicizia che secondo molti in Vaticano spazza via definitivamente ogni voce su una possibile chiusura dell’Istituto: era stato l’ex portavoce argentino di Bergoglio, Federico Wals, a parlare inizialmente di “possibile chiusura dello IOR da parte del nuovo Papa”. Dopo qualche ora però, l’ex braccio destro del Pontefice, aveva raddrizzato il tiro, precisando che in realtà più che chiudere la banca vaticana, Francesco potrebbe applicare in Vaticano gli stessi metodi amministrativi utilizzati a Buenos Aires (e quindi azzerare ogni partecipazione della Santa Sede negli istituti finanziari).

Una sorta di riforma delle finanze d’Oltretevere che potrebbe arrivare però dopo l’attesa visita degli ispettori Moneyval, la struttura del Consiglio d’Europa che valuta le misure adottate per il contrasto al riciclaggio di denaro e del finanziamento del terrorismo. Come annunciato nei giorni scorsi da Radio Vaticana, inoltre, slitterà a dicembre anziché a luglio la consegna da parte della Santa Sede del “Progress Report”, il rapporto che presenterà i progressi fatti dal Vaticano dopo la valutazione Moneyval dello scorso anno: la Santa Sede aveva soddisfatto pienamente 9 punti sui 16 previsti per l’adeguamento agli standard finanziari internazionali, mentre i 7 punti ritenuti insufficienti saranno adeguati entro la fine del 2013.

C’è attesa quindi nelle sacre stanze per la visita degli ispettori europei, anche se, per i dipendenti dell’Istituto per le Opere di Religione, si tratta di un’ispezione che passa subito in secondo piano: nel torrione di Niccolò V si aspetta una visita ben più importante: quella di Papa Francesco. Come fatto ieri con i circa 300 dipendenti della Segreteria di Stato, il Pontefice potrebbe presto decidere di visitare anche la Banca Vaticana, accompagnato dal cardinal Bertone, presidente della commissione cardinalizia di vigilanza dello IOR, per benedire e salutare, uno per uno, dipendenti e vecchi amici.

(Articolo scritto per Il Giornale)

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Ecco perché Francesco non chiuderà lo IOR

  1. “Ecco perché Francesco non chiuderà lo Ior”

    E’ del tutto ovvio. Perché servono i soldi. Perché dovendo fare il pastore con l’odore delle pecore addosso, gli servono un sacco di soldi. Talmente tanti che non rispetta 7 punti su 16 delle norme antiriciclaggio essendo la Banca di Dio. Se lo può permettere !

    Perché “avendo ricevuto gratuitamente e dovendo dare gratuitamente” (Mt 10.8) e dovendo lavorare con le proprie mani (1Tess. 4.11) ha deciso che si fa meglio con una banca che senza.
    Perché, dovendo conservare +1/3 di tutto l’oro del mondo (v. L’oro del Vaticano – c. Rendina) Hanno bisogno di una banca. Altrimenti dove lo metterebbero tutto quell’oro ? Ecco perché non la chiudono.

  2. Pingback: Banco Vaticano ¿obstáculo para Francisco? : Diócesis de Querétaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *