“Mahony non vada al conclave”

Il Card. Roger Mahony

In queste ore il sito del settimanale Famiglia Cristiana sta lanciando QUI un sondaggio: “Mahony sì o no al conclave?”. La domanda nasce dopo lo scandalo che ha coinvolto il cardinale americano, colpevole di aver insabbiato 119 casi di pedofilia nella sua diocesi, Los Angeles. E spunta anche una petizione contro di lui.

Sul sito Catholics United si chiede infatti a gran voce che il porporato 76enne non partecipi all’elezione del nuovo Papa il prossimo marzo. L’arcivescovo emerito di Los Angeles era stato infatti sospeso da ogni incarico lo scorso 31 gennaio dal suo successore, Mons. Josè Gomez (che ha dovuto risarcire le famiglie delle vittime con 600 mila dollari): l’accusa è quella di aver nascosto per anni casi di abusi sessuali, soprattutto quelli di Don Nicolas Aguilar Riveira, sacerdote poi fuggito in Messico.

Il prossimo 23 febbraio il Card. Mahony, che non ha ammesso le proprie colpe ma che chiede “la grazia di sopportare le umiliazioni”,  dovrà presentarsi in tribunale per rispondere ai giudici. Nonostante ciò il porporato i primi di marzo, se tutto rimane invariato, volerà a Roma per le congregazioni e il conclave. Parteciperà insomma regolarmente alle votazioni, anche se in tanti negli Stati Uniti (oltre alle petizioni) hanno chiesto al Card. Dolan, presidente della conferenza episcopale americana, di prendere provvedimenti d’accordo con la Santa Sede.

In realtà in Vaticano si è già parlato del caso Mahony: come riferisce Vatican Insider “alla vigilia delle dimissioni papali, il decano del Sacro Collegio, Angelo Sodano tentò invano di  chiedere al Pontefice una linea «soft» nei confronti dell’arcivescovo emerito di Los Angeles”.

Questo il testo della lettera che Mons. Gomez ha scritto ai fedeli della diocesi:

“Questa settimana rendiamo pubblici i documenti sui sacerdoti che abusarono sessualmente di minori mentre erano al servizio dell’arcidiocesi di Los Angeles. Sono fatti successi decenni or sono, ma questo non li rende meno gravi.

Leggere questi documenti è stata per me un’esperienza brutale e dolorosa. Il comportamento in essi descritto è terribilmente triste e maligno. Non c’è modo di scusare né di spiegare quanto fu fatto a quei bambini. I sacerdoti coinvolti avevano il dovere di essere per loro veri padri spirituali, e hanno fallito. Un fallimento che oggi abbiamo il dovere di riconoscere.

Abbiamo bisogno di pregare per tutti coloro che sono stati feriti da esponenti della Chiesa. E dobbiamo continuare ad aiutarli nel lungo e doloroso processo di guarigione dalle ferite e di ricostruzione della fiducia che fu così terribilmente tradita. Non posso cancellare i misfatti che troviamo in questi documenti. Leggerli, riflettere sul dolore inflitto a quelle persone, è stata la più triste esperienza da quando sono diventato il vostro arcivescovo nel 2011.

Il mio predecessore, l’arcivescovo emerito cardinal Roger Mahony, ha espresso il proprio rincrescimento per non essere stato capace di garantire la giusta protezione ai giovani affidati alle sue cure. Con effetto immediato, ho informato il cardinale Mahony di averlo privato di qualunque incarico amministrativo o pubblico. Anche il vescovo ausiliare Thomas Curry ha manifestato dispiacere per le decisioni prese mentre serviva copme vicario per il clero. Ho accettato la sua richiesta di essere sollevato dalla responsabilità di vescovo di Santa Barbara.

A tutte le vittime di abusi sessuali da parte di esponenti della nostra Chiesa dico: voglio aiutarvi e sono profondamente addolorato dai peccati commessi contro di voi. A tutti i cattolici dell’arcidiocesi di Los Angeles dico: come ormai facciamo da diversi anni, continueremo anche in futuro a denunciare alle autorità di polizia qualunque credibile informazione su ulteriori abusi e a rimuovere dal ministero tutti coloro che saranno credibilmente accusati. Continueremo a lavorare ogni giorno affinché i nostri ragazzi siano amati e protetti nelle nostre parrocchie, nelle scuole e in qualunque luogo riconducibile all’arcidiocesi.

Nelle prossime settimane fornirò altre informazioni con maggiori dettagli. Ora è tempo di pregare e riflettere e abbracciare le vittime degli abusi sessuali. Affido tutti noi, i nostri figli e le nostre famiglie alla Santa Madre Maria”. 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

24 risposte a ““Mahony non vada al conclave”

  1. Considerato che il Cardinale di Boston Sean Patrick O’Malley si è distinto per aver fatto pulizia nella diocesi simbolo degli scandali degli abusi sessuali, tra l’altro progressista e molto popolare, ben venga come nuovo Pontefice, perché è quello che ci vuole di questi tempi. Lo Spirito Santo illumini i Cardinali elettori.

  2. Nulla di strano se per secoli la policy della chiesa è stata quella di auto proteggersi, come fa ogni altra organizzazione piramidale, cercando di nascondere ciò che è indegno e vergognoso, e parlando solo di cose belle ed edificanti.

    Nulla di strano quindi se la chiesa decide di ricompensare Mahony che ha seguito la prassi di proteggere in tutti i modi gli interessi della chiesa. Lo fanno tutti. In più “Mahony , che non ha ammesso le proprie colpe dovrà presentarsi in tribunale per rispondere ai giudici.” E’ quindi strano che Gomez pur ammettendo che le colpe erano “gravi” e confermando che” non ci fu alcun intervento per modificare la vergogna” ora faccia il pesce in barile dicendo “continueremo anche in futuro a denunciare alle autorità di polizia qualunque credibile informazione su ulteriori abusi e a rimuovere dal ministero tutti coloro che saranno credibilmente accusati.”
    Chi stabilisce chi è credibile ? E Quale credibilità può essere attribuita al ladro che dice “non lo farò più” solo dopo che è stato beccato con la refurtiva ? Avrebbe dovuto dirlo prima. Le vie dell’inferno si sa, sono lastricate di buoni propositi, non quelle del paradiso al quale si accede solo dopo aver dato prova. In questo caso non c’è nemmeno la consapevolezza della colpa e del male commesso.
    Lo dice il Testo : “perché Jehovah vostro Dio vi prova per sapere se amate Jehovah vostro Dio con tutto il vostro cuore e con tutta la vostra anima.”
    Quale credibilità può essere nuovamente concessa a chi dice : “Abbiamo bisogno di pregare per tutti coloro che sono stati feriti da esponenti della Chiesa.” Perché, prima non pregavano ? Se magari l’hanno fatto anche prima, evidentemente quella preghiera non è servita dato il risultato, a che servirebbe quindi continuare a farlo ora ?

  3. Non penso ci sia bisogno di un sondaggio. Le Sacre Scritture sono chiare e semplici. Il vescovo (o sorvegliante) deve essere irreprensibile e che “goda buona reputazione presso quelli di fuori, per non cadere in discredito e in qualche laccio del diavolo”. 1Timoteo 3:2-7 Ne va da sé che, alla luce di questo passaggio biblico, più di qualcuno dovrebbe rivalutare il suo incarico sacerdotale entro la Chiesa.
    Le Sacre Scritture danno sempre la giusta direttiva. (2Timoteo 3:16-17) Perché non leggerla e seguirla e vedere cosa realmente Dio desidera che facciamo?
    Saluti a tutti.

  4. Isaia 57:11-13: “Chi hai temuto? Di chi hai avuto paura per farti infedele? E di me[Dio] non ti ricordi, non ti curi? Non sono io che uso pazienza e chiudo un occhio? Ma tu non hai timore di me. Io divulgherò la tua giustizia e le tue opere, che non ti saranno di vantaggio. Alle tue grida ti salvino i tuoi guadagni. Tutti se li porterà via il vento, un soffio se li prenderà.” (Bibbia di Gerusalemme)

  5. Scusate ma state perdendo il volume della ragione!……………signori questa è religione per voi,ma scusate è un conclave e debbono decidere la nuova guida per la chiesa.Certi personaggi devono star fuori da questo!.

  6. La contraddizione:
    “Papa: sondaggio Famiglia Cristiana, stravincono i ‘no’ a conclave per Mahony”
    Se i “bravi”cristiani sono concordi nel dire che Mahony non deve partecipare all’elezione del nuovo papa per aver protetto i suoi “fratelli pedofili”, perché mai hanno beatificato GPII amico di Maciel e sono tutti compassionevolmente ben disposti con BXVI che ne è maggiormente responsabile per aver protetto e non solo quelli americani ma quelli di tutto il mondo e beatificato GPII ?

    La contraddizione:
    “Intervista a padre Miguel De Salis, professore di ecclesiologia alla Università della Santa Croce: “La nostra fede è in Dio, non nei papi”….. “Le dimissioni di Benedetto XVI ci fanno sentire orfani” – Perché orfani ? Non dovrebbe essere Dio il loro padre ? E Se la fede non è nei non è nei papi com’è che lo chiamano ancora “santo padre” ? (Vatican Insider)

    La contraddizione :
    La profezia dimenticata di Ratzinger
    “Una Chiesa ridimensionata, con molti meno seguaci, costretta ad abbandonare anche buona parte dei luoghi di culto costruiti nei secoli. Una Chiesa cattolica di minoranza, poco influente nella scelte politiche, socialmente irrilevante, umiliata e costretta a “ripartire dalle origini”.
    – Lo sapeva già 40 anni fa. Aveva saldamente in mano il timone , ma non ha timonato pur sapendo dove andare. Link

    Nel libro di Geremia vi è la narrazione di una situazione del passato simile a quella odierna, che dimostra come, al passare del tempo la storia si ripete e quale sarà l’esito finale.

    “La parola che fu rivolta a Geremia da parte di Jehovah dopo che il re Sedechia aveva concluso un patto con tutto il popolo..per proclamare loro la libertà, perché ciascuno facesse andare libero il suo servo e ciascuno la sua serva, ebreo ed ebrea, per non impiegarli come servitori,… Tutti i principi dunque ubbidirono,… e [li] lasciavano andare. Ma dopo ciò si volsero e riconducevano i servi e le serve che avevano lasciato andare liberi, e li assoggettavano come servi e serve. Di conseguenza la parola di Jehovah fu rivolta a Geremia da parte di Jehovah, dicendo:
    “Jehovah l’Iddio d’Israele ha detto questo: ‘Io stesso conclusi un patto con i vostri antenati … dicendo: “… dovete lasciar andare ciascuno il suo fratello, ebreo, che ti fu venduto e che ti ha servito sei anni; e devi lasciarlo andare libero dall’essere con te”. Ma i vostri antenati non mi ascoltarono, né porsero orecchio. E voi stessi vi volgete oggi e fate ciò che è retto ai miei occhi, proclamando la libertà ciascuno al suo compagno,… Quindi vi rivoltate e profanate il mio nome e riconducete ciascuno il suo servo e ciascuno la sua serva, che avevate lasciato andare liberi col consenso della loro anima, e li assoggettate perché vi divengano servi e serve’.
    “Perciò Jehovah ha detto questo: ‘Voi stessi non mi avete ubbidito continuando a proclamare la libertà ciascuno al suo fratello e ciascuno al suo compagno.… E certamente darò gli uomini che trasgrediscono il mio patto,… sì, di sicuro li darò in mano ai loro nemici e in mano a quelli che cercano la loro anima; e i loro corpi morti devono divenire pasto per le creature volatili dei cieli e per le bestie della terra.”
    . ( Ger.34.8-22)

    Come Sedechia, Gesù era venuto “a proclamare la libertà ai prigionieri e a renderli liberi, ” “Se perciò il Figlio vi rende liberi, sarete realmente liberi.” (Isa 61.1; Gv 8.36) Ma i principi religiosi li hanno nuovamente costretti ad essere schiavi di superstizioni, di misteri, di riti, “drogandoli con il profumo delle candele e dell’incenso”, sottomettendoli a quante altre contraddizioni sono state alimentate, con la paura della morte, del fantastico e irreale. Nessuna meraviglia dunque se le parole riferite da Geremia trovano riscontro e adempimento nei fatti che stanno accadendo.
    “ Di sicuro li darò in mano ai loro nemici e in mano a quelli che cercano la loro anima; e i loro corpi morti devono divenire pasto per le creature volatili dei cieli e per le bestie della terra.” Era scritto !

    Vatican Insider:
    “stiamo vivendo gli atti finali di una Chiesa di matrice culturale prevalentemente europea, che ci porterà in un terreno che non è molto conosciuto, ma in cui Dio è presente – e agisce – da molto tempo” (Vatican Insider). Link

  7. Vi avevo parlato di questo caso qualche giorno fa, dicendovi, perchè informato, che questa storia aveva turbato Benedetto XVI perché, non solo questo prelato aveva peccato di omissione, ma soprattutto si era scatenato negli USA un movimento di preti a sostegno di Mahony contro la decisione del papa di farlo sospendere da tutte le sue funzioni della Diocesi. Qualcuno ha ironizzato in questo blog sulle mie informazioni…oggi a distanza di pochi giorni tutto esce fuori. Adesso rido io.

    Mahony ha peccato in parole, opere e soprattutto omissioni, coprendo a suo modo gli orrori. Ma purtroppo la politica che i panni si sporchi si devono lavare in famiglia appartiene o apparteneva al Vaticano. Quanti casi come questo sono successi nel mondo (Irlanda, Australia, Italia….) e l’atteggiamento della gerarchia cattolica è sempre stato lo stesso: silenzio e al massimo trasferimento.

    E’ stato un errore strategico e morale, avallato anche dalle piú alte/altissime cariche che pensavano che lo scandalo fosse ristretto a piccoli eventi e non globale.

    Ratzinger ha fatto quello che poteva e con i mezzi che aveva e con la politica del Vaticano e della Curia Romana che imponeva questo tipo di atteggiamento e si opponeva.

    Il Vaticano deve cambiare, lo ha detto anche il Papa, e non si deve usare Dio per raggiungere potere e onori. Purtroppo anche i cardinali sono uomini e sono tentati e adulati ogni giorno.

    Adesso il Vaticano deve scaricare tutti: preti, vescovi e cardinali complici di queste derive e non proteggerli con l’omertà o con una semplice inchiesta interna. Il rischio è che non sia Mahony a pagare….ma l’intera Chiesa Cattolica, che altrimenti perderà di credibilità.

    Per chi crede in Cristo, questi ha detto: Tutto quello che farete al più piccolo tra i miei fratelli, l’avrete fatto a me (Mt. 25, 40), che chiaramente non riguarda solo i bambini, ma anche i piú fragili ed indifesi.

    Dio non dimentica…l’uomo e il Vaticano forse possono, ma certamente non Dio.

  8. se a tutti icardinali che hanno scheletri(di qualsiasi tipo) negli armadi fosse impedito di partecipare ai conclavi,ci il Papa sarebbe eletto da quattro gatti…

  9. Va bene “chi è senza peccato scagli la prima pietra” ma il cardinale protettore dei pedofili MAHONY
    dovrebbe vergognarsi non solo di voler andare ad eleggere il nuovo papa, ma di apparire in pubblico.
    Un uomo di tale specie dovrebe pentirsi di essere nato, in quanto complice di coloro che si sono
    macchiati di infami reati su minori
    L’attuale papa Benedetto XVI ha la facoltà di ordinargli di NON partecipare al conclave e spero che
    lo farà, se è coerente con se stesso e il suo pontificato

  10. Buon giorno a tutti. Non entro nel merito della campagna mediatica posta da Famiglia Cristiana – che è stato pure il primo magazine (cattolico?) ad iniziare un “totopapa”… – ma desidero porre solamente una puntualizzazione a ciò che si dice qui e altrove. Un cardinale ha il dovere – giuridicamente fondato, perché fa parte del suo stato canonico – non solo il diritto di entrare in Sistina. Un eventuale passo indietro spetta, casomai, a lui o potrebbe essere intimato solo dalla Santa Sede. Io, da canonista, non lo vedrei opportuno… Quanti di noi possono giudicarlo? Spero di non essere ingenuo se vi dico che cerco di vivere questi giorni nella fede e nella preghiera, pregando – come fa bene la liturgia – che al gregge non manchi la sollecitudine del pastore e al pastore la docilità del gregge… Dio ci accompagni come – ne son certo – accompagnerà i nostri fratelli cardinali. Grazie per i vostri commenti!

  11. Uno tsunami di sciocchezze. Sono quelle che si leggono – incredibilmente, anche su organi di stampa cattolici – a proposito del cardinale Roger Mahony, arcivescovo emerito di Los Angeles, cui si chiede di non partecipare al Conclave perché è tuttora coinvolto in processi in cui lo si accusa di avere protetto preti pedofili.

    Link: http://www.lanuovabq.it/it/articoli-conclave-attaccano-mahony-per-punire-la-chiesa-5847.htm

    C’è un proverbio antico dei nostri Avi che recita più o meno così; “ride bene chi ride ultimo” – potrebbe andar bene ma io ve ne propongo un altro che è più adatto per la situazione…
    “Attacca il ciuccio dove vuole il padrone”
    Ora il padrone/principe di questo mondo lo sappiamo tutti chi è come pure che fine farà! Adesso – forse – prima di ridere nella massa senza pensiero vi fermerete a discernere!

    Pace e Bene

  12. Dunque i votanti avrebbero dovuto essere 117 ma il numero comincia ad assottigliarsi, Uno è malato, Mahony non ce lo vogliono e dovrà testimoniare in tribunale, , Dolan si è fregato i soldi…. Godfired Danneels, è sotto inchiesta per occultamento, Sean Brady, è contestato, Justin Rigali,è stato dimissionato, vediamo cos’altro esce !
    Ma i quasi 3 miliardi pagati solo per gli Usa sono veramente una grande sorpresa per una chiesa dei poveri.
    http://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/un-papabile-azzoppato-sullarcivescovo-di-new-york-dolan-entrano-a-gamba-tesa-gli-avvocati-51366.htm

  13. Se lo dice Introvigne siamo obbligati a crederci, no? Eh già… Mi viene in mente Giannino, “sbattuto” in prima pagina per aver inventato lauree e master e qui c’è gente che ritiene credibile un avvocato specializzato in diritto d’autore che si è auto-dichiarato sociologo e storico, senza avere alcuna laurea in merito.
    O forse è la “Transylvanian Society of Dracula”, di cui è presidente in Italia, a renderlo più credibile?

    http://www.kelebekler.com/cesnur/foto/vamp1b.gif

    Oltretutto, nell’articolo non si nega che Mahony abbia evitato di denunciare casi di pedofilia a lui noti, anzi, si tenta addirittura di giustificarlo utilizzando l’improbabile scusa dell'”ingenuità di aver creduto a presunti centri di recupero per pedofili”.

    Vale la pena ricordare una cosa: la pedofilia non è un peccato, ma è un reato. E chi, essendo a conoscenza di casi di abuso, non sporge denuncia, è anch’egli un criminale.

    Nessuna confessione potrà mai cancellare gli orrori delle violenze subite. Mai.

    Vergogna! Sempre dalla parte dei bambini.

  14. Certo che deve presenziare!
    Si è attenuto al De delictis gravioribus firmato dall’ormai ex-pontefice, quindi in perfetta linea con le direttive vaticane.

  15. Mi fa ridere come un BURATTINO che si nasconde dietro un nome SENZA SOSTANZA abbia il coraggio di infamare chi dice cose diverse dalle sue sciocchezze.
    Mi sembra Hitler..

    Aprite gli occhi… La Verità ha sempre la sostanza e non la VIGLIACCHERIA di chi sa solo parlare nascosto dietro il Pc

  16. Ok domenico x mi spieghi secondo tè questa chiesa quando la dice la verità………………..visto che è la tua prerogativa?.Per mè la fede di una volta non esiste più perchè si guarda più al denaro e lo ior ne è l’esempio visto che dopo aver lasciato il pontificato si son preoccupati del grano!.

  17. Caro Gianfranco,

    ..anche lei cade in un errore fondamentale.
    Mi spiego brevemente… La domanda che ci interessa non è chi dice la Verità ma dov’è la Verità, Cristo.
    Infatti i detrattori della Chiesa Cattolica pongono sempre in “luce” alcuni fatti, molti gonfiati ad arte, ed affermano che visto che non c’è santità questa non è la Chiesa di Cristo.
    Bene, tralasciando che molti di questi IGNORANTI non conoscono cosa significhi il termine Santo, mi indichi qual è allora la Chiesa santa?

    La anticipo perché in questo contesto abbiamo poco spazio…nessuna!
    Perché nessuno può dirsi GIUSTO (cioè l’equivalente di Santo) davanti a Dio. Come ha detto Benedetto XVI la Chiesa Cattolica Testimonia la Verità attraverso l’ortodossia delle Sacre Scritture
    Quindi la Verità la inizi a trovare nelle Scritture ma poi la approfondisci incontrando Cristo vivo!

    Pace e Bene

  18. @ Domenico X Meridio
    “Aprite gli occhi… La Verità ha sempre la sostanza e non la VIGLIACCHERIA di chi sa solo parlare nascosto dietro il Pc”

    Vorrebbe forse scontrarsi, a singolar tenzone, in un torneo di cappa e spada per difendere un cupolone crollato ? Le suggerisco il film “Le Crociate” di Ridley Scott. Magari imparerà a capire quando conviene combattere e per chi e quando chiedere la pace.

    “Quale re, andando incontro a un altro re in guerra, non si mette prima a sedere e non prende consiglio se può con diecimila soldati contendere con quello che viene contro di lui con ventimila? Se infatti non può, mentre quello è ancora lontano gli manda un corpo di ambasciatori e chiede la pace. Così, potete essere certi che nessuno di voi che non si separi da tutti i suoi averi può essere mio discepolo.” ( Mt .14.31-33)

  19. Presto, molto presto, Joab lei sarà accontentato e quel giorno è meglio che non sia mai nato!

    “Deus non irridetur.. Quae enim seminaverit homo, haec et metet…” (Galati VI,7)

    “Mi-ka-El”

  20. @ Domenico X Meridio
    “Presto, molto presto, Joab lei sarà accontentato e quel giorno è meglio che non sia mai nato!”
    Pensavo che avrebbe dovuto essere dispiaciuto…. invece ci mette anche il carico ! Non è amorevole !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *