La diplomazia segreta di Francesco

Papa_Fra
Jorge Bergoglio è ormai per tutti il Papa della Misericordia. Ma non c’è solo la bontà: nella testa di questo Pontefice argentino c’è anche una chiara strategia diplomatica. Il peso della Santa Sede è cresciuto vorticosamente negli ultimi anni e oggi stanno cadendo altri muri: la diffidenza di Mosca, i contatti con gli ayatollah iraniani e gli imam sunniti.

E ancora il grande disgelo tra Stati Uniti e Cuba, gli accordi con il Vietnam e i primi timidi segnali diPotere vaticano apertura da parte della Cina. Non è un mistero che alla base della “diplomazia della tenerezza” di Francesco ci sia anche il voler far fronte comune con gli altri Paesi dell’area orientale per sconfiggere il terrorismo ed evitare stragi di cristiani o civili musulmani. In questo progetto Francesco è affiancato da una squadra di diplomatici di razza, che tengono contatti segreti con le cancellerie di tutto il mondo, soprattutto quelle dei Paesi spesso considerati nemici.

Il racconto della diplomazia di Francesco lo trovate in “Potere Vaticano” un mio piccolo pamphlet in edicola da oggi in allegato a “Il Giornale“.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

3 risposte a “La diplomazia segreta di Francesco

  1. Gent.mo dott. Fabio Marchese Ragona
    mi chiamo Gabriele Marchegiani e sono un diacono transeunte della Diocesi di Teramo-Atri, frequento l’ultimo anno di teologia presso il Seminario Regionale di Chieti. Le scrivo per chiederle come acquistare il suo volume sulla diplomazia di papa Francesco, giacché nelle edicole del mio paese non è arrivato e non saprei come altrimenti acquistarlo, visto che sul sito del Giornale non c’è la possibilità di un acquistarlo on -line, almeno io non sono riuscito farlo.
    Per questo mi rivolgo a lei chiedendole cortesemente se può vendermi lei una copia e poi gentilmente spedirmela all’indirizzo che le segnalerò.
    Resto in attesa di un suo cortese riscontro e, ringraziandola, le invio cordiali saluti
    don Gabriele Marchegiani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *