“Ecco le sorprese del Papa per il Giubileo”

Nella puntata Mons. Rino Fisichella, Presidente del Pontificio Consiglio per la Nuova Evangelizzazione e “regista” del Giubileo della Misericordia, parla di cosa ci aspetterà nel corso dell’Anno Santo e di tutte le sorprese del Papa.

A Stanze Vaticane, Fisichella racconta di come si svolgerà la cerimonia e delle novità che ci saranno: tanti i gesti simbolici che Francesco compirà: ad esempio, venerdì 18 dicembre, il Papa aprirà una “Porta della carità” alla Stazione Termini di Roma…

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

3 risposte a ““Ecco le sorprese del Papa per il Giubileo”

  1. salve a tutti!
    volevo lasciare il mio commento in merito all’evento straordinario che vivremo con questo anno santo della Misericordia.. da credente vorrei benedire e ringraziare il Signore per averci donato come Papa un uomo straordinario come Francesco! Attingiamo tutti dalla sua semplicità ed umiltà e preghiamo perchè la Misericordia Divina si riversi sull’umanità intera così tanto bisognosa..

  2. Buongiorno Sua Santità

    Le auguro un Giubileo straordinario della Misericordia pieno di gioia,complimenti per tutto quello che fa per l’umanità tutti noi abbiamo bisogno della Sua preghiera che con gioia ricambiamo

  3. “Presso gli Ebrei antichi, festività che ricorreva ogni cinquantesimo anno, santificata con il riposo della terra (per cui erano vietati semina e raccolto), con la restituzione della terra al primitivo proprietario, quando un ricco se ne fosse impossessato, e con la liberazione degli schiavi.”(Vocabolario Treccani)

    Per quanto riguarda il giubileo cattolico, dal suo inizio, anno 1300, questo fu osservato per i primi centocinquanta anni, a distanza di cinquanta anni l’uno dall’altro secondo la disposizione originaria… poi, dopo si è perso il senso autentico di questo evento. Dalla lettura del libro di Levitico, si capisce che questo provvedimento serviva a mantenere il popolo in un benessere “standard”, in modo da evitare che si creassero classi sociali troppo distanti fra loro, che, nel corso della storia, hanno fatto tanto male…
    Se, su un comandamento cosi importante ed evidente, fu travisato il senso più autentico, non potrebbe essere successo lo stesso con altri insegnamenti?

    Questo mi ricorda l’avvertimento che si trova nella Parola di Dio:
    “Guai a coloro che chiamano bene il male e male il bene, che cambiano le tenebre in luce e la luce in tenebre, che cambiano l’amaro in dolce e il dolce in amaro.” (Isaia 5:20, B.J.)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *