“I preti pedofili saranno puniti”

papa philadelphia

“Prometto una zelante vigilanza della Chiesa per proteggere i minori e prometto che i responsabili ne renderanno conto”. Un anatema fortissimo di Papa Francesco contro i preti che si sono macchiati di pedofilia.

Per la seconda volta, durante il viaggio negli Stati Uniti, e per la seconda volta di fronte ai vescovi americani, Bergoglio ha voluto parlare degli abusi del clero su minori, dopo aver incontrato un gruppo di vittime, scagliandosi direttamente questa volta contro i colpevoli che, assicura il Papa, la pagheranno. Un mea culpa ma allo stesso tempo un grido di battaglia, una promessa che la grande guerra contro la pedofilia nella Chiesa continuerà: “Provo vergogna per gli abusi sessuali”, ha detto Francesco di fronte a 300 vescovi ospiti a Philadelphia dell’incontro mondiale delle famiglie, “Questi crimini non possono esser mantenuti in segreto per molto tempo”.

Tra i prelati presenti all’incontro c’era anche il cardinale Sean Patrick O’Malley, che il Papa ha chiamato a presiedere la commissione vaticana per la tutela dei minori e che guida l’arcidiocesi di Boston, città dove nel 2002 era esploso lo scandalo pedofilia che aveva portato alle dimissioni del Card. Bernard Law, trasferito poi da Giovanni Paolo II a Roma. O’Malley ieri mattina ha organizzato un incontro fuori programma tra Francesco e alcune vittime di pedofilia, al seminario San Carlo Borromeo di Philadelphia: secondo quanto raccontato da Padre Federico Lombardi, direttore della Sala Stampa Vaticana, il Papa ha ricevuto “cinque persone adulte – tre donne e due uomini – che hanno subito abuso da parte di membri del clero o di membri delle loro famiglie o loro educatori, quando erano minori di età”. Francesco per trenta minuti ha voluto ascoltare le storie di queste persone, le ha salutate singolarmente, ha pregato con loro, assicurando il massimo impegno della Chiesa e dicendo di provare vergogna nel caso di ferite arrecate da ecclesiastici o collaboratori ecclesiali.

In quella sala del seminario è risuonato ancora una volta il motto “tolleranza zero” contro quegli atti già definiti da Bergoglio “simili ad una messa nera”. E infatti la sua battaglia contro la pedofilia, Francesco, la sta combattendo sin dall’inizio del suo pontificato: soltanto venti giorni dopo la sua elezione aveva voluto incontrare il Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, il Card. Gerhard Ludwig Müller per “raccomandare che, continuando nella linea voluta da Benedetto XVI, si agisca con decisione per quanto riguarda i casi di abusi sessuali”.

Qualche mese fa inoltre il Papa, su proposta di due membri della commissione per la tutela dei minori, Mary Collins e Peter Saunders, che da bambini furono abusati da alcuni sacerdoti, aveva istituito un nuovo tribunale per giudicare anche i vescovi che hanno insabbiato o sottovalutato le denunce contro i preti pedofili. Non è un caso che Francesco sia ieri che qualche giorno fa a Washington si sia rivolto proprio a vescovi e cardinali dicendo: “So quanto ha pesato in voi la ferita degli ultimi anni, e ho accompagnato il vostro generoso impegno per guarire le vittime e per continuare a operare affinché tali crimini non si ripetano mai più”.

Nel suo discorso ai vescovi americani però il Pontefice ha toccato anche un altro tema, quello del matrimonio, invitando i prelati alla cura e al sostegno della famiglia, sottolineando la sempre maggiore resistenza dei giovani a sposarsi: “Ci sono tanti che rimandano il matrimonio in attesa delle condizioni di benessere ideali”, ha ricordato Francesco, “Intanto la vita si consuma, senza sapore”. Prima della celebrazione della messa conclusiva dell’incontro mondiale delle famiglie (il prossimo appuntamento è fissato per il 2018 a Dublino) il Papa ha incontrato cento detenuti dell’Istituto di Correzione Curran-Fromhold di Philadelphia: “E’ penoso”, ha tuonato Bergoglio, “riscontrare a volte il generarsi di sistemi penitenziari che non cercano di curare le piaghe, guarire le ferite e generare nuove opportunità”.

Articolo per Il Giornale del 28.09.2015

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

3 risposte a ““I preti pedofili saranno puniti”

  1. Buonasera.
    Combattere e punire la pedofilia, all’interno della chiesa è sicuramente una cosa, non certamente facile da attuare. Sappiamo tutti molto bene, che la stessa è radicata da sempre in tutti gli ambienti, ecclesiasitici e non. E’ palese che nella chiesa il fenomeno è più accentuato, per svariati motivi che non stò ad elencare. Il principale è sicuramente il contatto diretto con i minori, che la stessa chiesa, condivide da sempre. Purtroppo, non ho mai visto un prelato colpevole di pedofilia, finire dietro le sbarre e tutto questo, porta inevitabilmente a pensare, che manchi la voglia da parte del Vaticano di procedere in maniera seria e incisiva. Obbligo di dimissioni dall’incarico e trasferimenti a Roma, non servono a nulla. Ci vuole la galera. E questo, credo che non lo vedremo mai. E’ impensabile che papa Francesco, possa controllare l’intero sistema ecclesiastico, a meno che non crei una vera e propria squadra investigativa che si occupi, solo ed esclusivamente di questo problema. Da una ricerca fatta da un gionalista Inglese e mandata in onda su Sky è venuto alla luce, quanto segue. La chiesa Americana, paga miliardi di dollari all’anno, ai genitori dei figli che hanno subito un abuso sessuale da parte di un prete, per fa si che i genitori, non si rivolgano ai tribunali. Questa trasmissione è andata in onda, qualche mese fa e le cose dette dal giornalista, erano seguite da prove alla mano. Le parole del buon Francesco, sono encomiabili. Il problema è trovare i pedofili che si annidano ovunque e questo non è e non sarà mai, una cosa semplice. La pedofilia, esiste da sempre e sempre esisterà. Sconfiggerla è praticamente impossibile. Il macchinoso sistema che protegge certi personaggi è fatto da omertà e sotterfugi. Difficilmente vedremo un Vescovo o un Cardianale che ammetta l’esistenza di un pedofilo, all’interno della sua diocesi. E’ impensabile. Molto spesso, gli stessi genitori del minore, coprono l’accaduto per non creare uno scandalo. Ovviamente questo atteggiamento, colpisce psicologicamente, in maniera irreversibile lo stesso minore che ha subito un abuso. Sono padre e mi auguro che si colpisca in maniera severa il pedofilo. La “Tolleranza zero” non deve essere solo un motto. Deve essere un fatto concreto e messo in opera. Chi abusa di un minore, deve pagare in modo esemplare e in nessun caso può esercitare pressioni, solo per il fatto che indossi un abito talare. Deve essere consapevole di quello che le succederà. Buona serata.
    Cordialmente.

  2. PAPA FRANCESCO FAI SUBITO QUESTO, I PRETI DEVONO SPOSARSI PER CAPIRE LE FAM: I PEDOFILI IN PRIGIONE.
    SE FAI LA LEGGE SUL MATRIMONIO DEI PRETI NON PRETI GAY ,,GAY

  3. Purtroppo la pedofilia è una piaga che attraversa probabilmente ogni tempo e popolo della storia, nessuno escluso, infatti ne viene fuori un giudizio negativo (proprio per questo Dio distrusse Sodoma e Gomorra per ogni devianza sessuale Genesi 19:5 B. J.)

    Neanche il popolo di Dio rimase immune da questa situazione, se nella Legge data a Mosè si può leggere l’avvertimento:
    “Non porterai nella casa del Signore tuo Dio il dono di una prostituta né il salario di un cane, qualunque voto tu abbia fatto, poiché tutti e due sono abominio per il Signore tuo Dio.” (Deuteronomio 23:18,19 B. J.)

    E’ rincuorante sapere che Dio, non essendo cambiato (Malachia 3:6) la pensa ancora come allora, infatti possiamo leggere la Sua condanna riportata in Rivelazione 22:15 (B. J.):
    “Fuori i cani… e chiunque ama e pratica la menzogna!”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *