“No alle nozze gay, aperture per omosex e divorziati”. Verso il Sinodo sulla famiglia

sinodo ottobre
Accoglienza per gli omosessuali ma “no” alle nozze gay, aperture per i divorziati risposati, processi gratis per l’annullamento delle nozze, no ad aborto ed eutanasia, attenzione all’ecologia, più spazio alle donne, che possano avere un ruolo nell’educazione dei seminaristi. C’è tutto questo nell’”instrumentum laboris”, il lungo documento presentato ieri in Vaticano e che sarà sottoposto al giudizio di 300 vescovi di tutto il mondo che si ritroveranno a Roma dal 4 al 25 ottobre per il prossimo Sinodo sulla Famiglia, alla presenza di Papa Francesco. Il testo arriva dopo l’assise straordinaria del 2014 e dopo il questionario inviato a tutte le diocesi del mondo.

DIVORZIATI RISPOSATI.  Allo scorso Sinodo straordinario sulla famiglia, la possibilità per i divorziati risposati di accedere al sacramento della comunione era stata messa ai voti e non aveva ottenuto la maggioranza qualificata dei due terzi (i “non placet” dei vescovi erano stati 74 contro i 104 “placet”). Nel documento presentato ieri si afferma che su di loro c’è “un comune accordo all’interno dell’Assemblea sull’ipotesi di un itinerario di riconciliazione o via penitenziale, sotto l’autorità del vescovo, verso una loro maggiore integrazione nella vita della comunità cristiana, tenendo conto della diversità delle situazioni di partenza”. L’attenzione principale però dev’essere rivolta ai figli di queste coppie: “La Chiesa”, si legge sempre nel documento, “ha il dovere di chiedere ai coniugi separati e divorziati di trattarsi con rispetto e misericordia, soprattutto per il bene dei figli”.

 COPPIE DI FATTO. Sull’argomento la proposta ai padri sinodali è che “tutte queste situazioni vanno affrontate in maniera costruttiva, cercando di trasformarle in opportunità di cammino verso la pienezza del matrimonio”. Si parla quindi di accoglienza per le coppie di fatto: “Accoglierle e accompagnarle con pazienza e delicatezza”, si legge, “la scelta della convivenza molto spesso non è motivata da pregiudizi nei confronti dell’unione sacramentale, ma da situazioni culturali contingenti. Da qui può innestarsi un cammino di crescita aperto alla possibilità del matrimonio”.

“Il problema per me è la giustificazione del rapporto sessuale all’interno di una coppia non sposata in Chiesa”, dice a Il Giornale il Card. Velasio De Paolis, porporato che già lo scorso ottobre aveva sollevato perplessità su alcune possibili aperture. “Sull’argomento si dovrà discutere e vedere cosa dice il Sinodo”, spiega, “perché il rapporto sessuale si giustifica solo tra coniugi; se mancano queste basi, non ci può essere matrimonio”.

 GAY. Ampio spazio dell’”instrumentum laboris” è dedicato all’attenzione pastorale “verso le persone con tendenza omosessuale”. Viene aperta una porta all’accoglienza per i gay (lo stesso Papa Francesco aveva ribadito “Chi sono io per giudicare”): “Ogni persona”, si legge nel documento, “indipendentemente dalla propria tendenza sessuale, va rispettata nella sua dignità e accolta con sensibilità e delicatezza, sia nella Chiesa che nella società. Sarebbe auspicabile che i progetti pastorali diocesani riservassero una specifica attenzione all’accompagnamento delle famiglie in cui vivono persone con tendenza omosessuale”. Un secco “no” invece per le unioni omosessuali, per le quali si ritiene “inaccettabile che i Pastori della Chiesa subiscano pressioni in materia e che gli organismi internazionali condizionino gli aiuti finanziari ai Paesi poveri per l’introduzione di leggi che istituiscano il “matrimonio” fra persone dello stesso sesso”.  Sull’argomento era intervenuto anche il Segretario di Stato, Pietro Parolin, che aveva definito le nozze gay “una sconfitta per l’umanità”.

 PROCESSI MATRIMONIALI. L’instrumentum, come auspicato più volte da Papa Francesco, propone di “Rendere più accessibili e agili, possibilmente gratuite, le procedure per il riconoscimento dei casi di nullità matrimoniale”. Nel documento sinodale viene suggerito anche di istituire “nelle diocesi un servizio gratuito di consulenza e mediazione collegati alla pastorale familiare”.

(Articolo per Il Giornale)

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a ““No alle nozze gay, aperture per omosex e divorziati”. Verso il Sinodo sulla famiglia

  1. IO che sono divorziata ( dopo una serie indecifrabile di corna) e poi risposata spero di avere la possibilità dell’annullamento in chiesa del mio primo matrimonio gratuitamente si intende e di avere così la nuova possibilità di risposarmi anche in chiesa

  2. ma se negli ospedali i medici spingono le coppie senza contratto di lavoro e ai cristiani di non tenere i bambini, il papa e’ nulla in confronto a quello che succede

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *