Francesco non è Charlie

Il Papa in volo verso Manila (accanto a lui, Alberto Gasbarri e P. Federico Lombardi)

Il Papa in volo verso Manila (accanto a lui, Alberto Gasbarri e P. Federico Lombardi)

“In nome di Dio non si uccide, ma non si può provocare, non si può insultare la fede degli altri”. Papa Francesco non è Charlie; mentre il mondo si schiera al fianco del settimanale satirico francese, attaccato lo scorso 7 gennaio dai terroristi islamici, il Papa condanna la violenza fondamentalista ma va in controtendenza e chiarisce “che non ci si prende gioco della religione degli altri”.

Prima le vignette contro la religione cattolica, poi quelle contro il profeta Maometto, Francesco, sul volo che dallo Sri Lanka lo ha portato ieri nelle Filippine, ha parlato con i giornalisti delle violenze contro il giornale Charlie Hebdo, rispondendo, senza giri di parole, ad una domanda di un cronista de La Croix: “Parliamo chiaro, andiamo a Parigi”, ha detto il Papa, “se un amico dice una parolaccia contro mia mamma, gli spetta un pugno! Sulla libertà di espressione ognuno ha non solo la libertà e il diritto ma anche l’obbligo di dire ciò che pensa per aiutare il bene comune. Ma non si può provocare, non si può insultare la fede degli altri”.

Nel corso della conferenza stampa durata oltre 45 minuti, Francesco ha parlato della libertà religiosa e di quella d’espressione, dei kamikaze (“Forse è una mancanza di rispetto, ma mi viene da dire che dietro ogni attentato suicida c’è un elemento di squilibrio umano, non so se mentale, ma umano”) e della sicurezza in Vaticano, puntando il dito però ancora una volta contro le chiacchiere e le offese contro le religioni: “c’è tanta gente che sparla, prende in giro, si prende gioco della religione degli altri. Questi provocano e può accadere quello che accadrebbe, ad esempio, qui al dottor Gasbarri (lo storico organizzatore dei voli papali internazionali, ndr) se dicesse qualcosa contro mia mamma”, ha continuato Francesco, “C’è un limite, ogni religione ha dignità, ogni religione che rispetti la vita umana, la persona umana, io non posso prenderla in giro, ma non si può uccidere in nome di Dio, questa è una aberrazione”.

Una risposta al Papa, purché indiretta, è subito arrivata, però, dal ministro francese della Giustizia, Christiane Taubira che ha attaccato: “In Francia possiamo disegnare di tutto, anche un profeta. Siamo la patria di Voltaire, possiamo ironizzare su tutto” appellandosi quindi alla laicità della nazione e alla “libertè” repubblicana, dimenticando però il caso del comico Dieudonné, arrestato qualche giorno fa per apologia di terrorismo, dopo un post su Facebook nel quale scriveva di sentirsi “Charlie Coulibaly”, cioè il nome della testata attaccata dai fondamentalisti islamici e il cognome di uno dei terroristi.

Nel corso dell’incontro con i giornalisti, Il Pontefice ha risposto anche ad una domanda sull’allarme di questi giorni su un possibile attacco terroristico in Vaticano da parte dell’ISIS, dopo la notizia del rapporto top secret inviato da Cia e Mossad ai servizi segreti italiani: “A me preoccupano i fedeli, davvero, e su questo ho parlato con la sicurezza vaticana”, ha spiegato il Papa al giornalista di Panorama che aveva posto la domanda, “qui sul volo c’è il dottor Giani (il capo della Gendarmeria vaticana, ndr), incaricato di questo, lui è aggiornato. Questo a me preoccupa abbastanza. Ma lei sa che io ho un difetto, una bella dose di incoscienza. Alcune volte mi sono chiesto: ma se accadesse a me? Ho soltanto chiesto al Signore la grazia che non mi faccia male perché non sono coraggioso davanti al dolore, sono molto timoroso”.

(Articolo per Il Giornale)

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

3 risposte a “Francesco non è Charlie

  1. NON E’ GIUSTO OFFENDERE IL CREDO E LA DIGNITA’ DI CHI PROFESSA LA SUA FEDE, LA CHIESA HA SBAGLIATO NEL TEMPO DELL’ INQUISIZIONE E DELLE CROCIATE, ORA L’ ISLAM NON RISPETTA IL CRISTIANO CHIAMANDOLO INFEDELE. SE NON CI REGOLIAMO, I TEMPI CHE SI PROSPETTANO SARANNO TERRIBILI. !! LA LIBERTA’ DI STAMPA E DI ESPRESSIONE E’ SACROSANTA , MA SI DEVE RISPETTARE TUTTO E TUTTI.

  2. Buonasera.
    Infedeli. Questo è quello che da sempre, dicono di noi i Musulmani. Questa, secondo voi non è una provocazione ? nonostante tutto, non andiamo a bruciare le moschee o le facciamo saltare per aria. Ma non ci rendiamo conto, di chi stiamo parlando ? personaggi che obbligano un bambino a premere il grilletto di una pistola, uccidendo in modo infame, delle persone che, non hanno la possibilità di difendersi. Più che un gruppo di terroristi, un gruppo di vigliacchi senza attributi. Non posso condividere le parole del buon Francesco. Mettere sullo stesso piano, la mamma e la religione, mi sembra azzardato. Alla religione, puoi non crederci ma, la mamma è la persona che, ti ha messo al mondo e ha rischiato la vita per farlo. Uccidere o essere uccisi per un credo religioso, mi sembra una cosa inaudita e da veri invasati. Sono pronto a morire per la Patria, la famiglia, non certamente per altri motivi. Nel caso specifico, dell’attentato di Parigi, abbiamo assistito all’omicio a sangue freddo, di un poliziotto di origini arabe e Musulmano. Freddato, dagli stessi fratelli. Pazzesco.
    La rivista satirica Francese, spesso ha ironizzato su Dio e sul Cristianesimo ma, non per questo è stata oggetto di attentati. Anche se, mio padre passato a miglior vita, spesso mi ricordava di “Scherzare con i fanti e mai con i santi”. Che avesse ragione ?
    Cordialmente.

  3. Una provocazione provoca una reazione. La reazione può essere sbagliatissima ma anche la provocazione, se non è costruttiva, è sbagliata.
    Se altri sbagliano non per questo dobbiamo sbagliare anche noi…
    Il rispetto invece porta al rispetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *