“Mandate una forza di pace in Siria”

Card. Leonardo Sandri intervistato da Tgcom24

Pochi minuti prima della veglia in San Pietro per la pace, ho intervistato il cardinale argentino Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali. Il porporato lancia un appello ai grandi della terra.

“In quel Paese si dovrebbe mandare una forza di pace per aiutare i siriani a trovare, nel dialogo e nel negoziato, una soluzione a questo conflitto”, chiede il card. Sandri, e racconta come il Papa sta vivendo questo delicatissimo momento.

GUARDA QUI L’INTERVISTA 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

9 risposte a ““Mandate una forza di pace in Siria”

  1. Il porporato fa bene a lanciare appelli, e dovrebbe anche digiunare un po’ di più, perché la questione è più complicata di come lui vorrebbe farla apparire. Con quella stazza deve fare una faticaccia anche a cambiare canale per informarsi.

    Sembra che Kerry, l’inviato di Obama, ha chiesto alla Siria di (ri)consegnare il loro arsenale chimico, e malgrado il parere favorevole della Russia, Assad non sembra sia disposto a questo piccolo sacrificio. Bisognerebbe allora che il cardinale andasse personalmente a convincere Assad ad essere conciliante anziché ribellarsi pure ai consigli della madre Russia altrimenti la Siria sarà ridotta al lumicino.
    Purtroppo ora la proposta del Cardinale (istituire una forza di pace) è pura utopia perché Obama non può perdere la faccia non facendo nulla, dopo essersi abbassato a fornire ad Assad il modo di uscirne indenne. Purtroppo senza armi chimiche il regime di Assad sarà comunque spazzato via dagli indipendentisti. Brutto affare. Magari il cardinale può andare a piantare bandiera bianca sul cupolone perché dopo questa intrusione nella politica internazionale non gliela faranno passare liscia.
    Di solito i cristiani veri sono neutrali, non parteggiano in favore o contro. Pensano al paradiso non all’inferno terreo. Almeno dovrebbero.

  2. Pace, pax, peace, paix
    -dai telegiornali francesi , che io vedo tutti i giorni, tira aria di guerra…
    (la quarta mondiale la combatteremo con le pietre…detto non da me…)
    -i primi ad usare le armi chimiche(prima guerra mondiale…siamo stati noi italiani…e il napalm in vietnam..e il fosforo bianco in africa…)
    -pretesto morale per interessi economici (2 uomini soli su un’isola deserta..uno vorrebbe prevaricare l’altro)
    -arabi e israeliani sono lo stesso popolo diviso dalla religione (arafat invitava i bambini palestinesi a tirare le pietre e li pagava…se cresci con l’odio dentro dall’infanzia, non te ne libererai mai)
    e i musulmani ci conquisteranno con i matrimoni.. la storia si ripete..
    -proveniamo tutti dall’africa, ma un’africa verde (abbiamo distrutto gli alberi…bruciandoli) e ora nevica nel sahara (primavera 2012) e vi crescono strane piante, in amazzonia c’è un fungo che distrugge la plastica, il ghiaccio diminuisce al polo nord e si espande in antartide..
    graziella

  3. “Mandate una forza di pace in Siria”

    Mah…..???? La pace si può imporre con la forza ? C’è proprio bisogno che ci sia una forza armata per imporre la pace ? Ma se la impone…. è un imposizione !

    Non dovrebbero essere pacifisti ? Perché invocano i fucili ? Si sarà mica sbagliato il sig. Leonardo ? Come si fa a fare la pace con la minaccia delle armi ?
    Troppo fumo d’incenso o troppo vin santo ?

  4. ““Mandate una forza di pace in Siria”” dice il Cardinale.
    L’espressione “forza di pace” è un modo meno aggressivo per dire “istituzione militare atta alla guerra per la difesa del proprio territorio”, visto che il suo scopo senza troppi eufemismi è questo.
    Il Cardinale oltre ad esperire la solita propaganda mediatica che sta ritagliando scrupolosamente al Papa, ci deve anche spiegare le modalità con cui la presunta “forza di pace” si dovrà presentare in un paese dove c’è un conflitto. Forse lui vorrà intendere l’intervento come un gruppo militare armato di sole speranze che davanti ai rivoltosi alzerà le mani invitandoli alla pace e aspettandosi una insolita sottomissione di quest’ultimi? Che favola ragazzi!
    Mi domando quali saranno le cause celate in questo conflitto che tanto preoccupano i potenti della chiesa, fin tanto da promuovere l’intervento di una “forza di pace”, sotto mentite spoglie.
    E qui, trova il vero ciò che ho scritto nel precedente blog, cioè che la chiesa cattolica pur di rimanere in auge si dimostra sempre incline all’utilizzo della forza militare atta al ripristino dell’ordine sociale attraverso l’uso delle armi.
    Ma io dico! Basta a prendere in giro la gente e fate il vostro lavoro solo nelle chiese davanti ad un numero contenuto di persone e lasciate perdere la telecamera che un tempo avete considerato strumento del demonio.

  5. Caro Joab,

    continui ad essere solo ironico. Con la tua intelligenza potresti veramente creare qualcosa da potere ulteriormente elaborare. Il tuo modo di esprimerti vuole entusiasmare. Un pò come fanno i politi italiani. Tanto fumo e niente ciccia.

    Mi dispiace deluterti ma, per come si sono messe le cose, non c’è aria di guerrra. E hai ragione quando parli di (ri)consegna. Definiamola pure una speranza fallita per gli Israeliani (o un regalo non riuscito degli Americani) che dovranno ancora per molto convivere con la guerra di frontiera.

    Credimi, la ciccia del Cardinale non va giudicata. C’è già chi ci pensa.

    Scrive bene Graziella … se cresci con l’odio dentro dall’infanzia, non te ne libererai mai. Questo vero problema, vissuto personalmente (giro da quelle parti da oltre 40 anni) è il vero e unico dramma dell’umanità. E non saranno gli uomini a debellarlo se non l’opera Superiore.

    Ti saluto cordialmente

  6. @ Umberto
    “se cresci con l’odio dentro dall’infanzia, non te ne libererai mai.”

    Davvero impressionante sig. Umberto. Per essere uno che vuol difendere la Verità, dimentica troppo facilmente ciò che la Verità insegna.
    Non rimanga ancorato a vecchi e inutili schemi. E’ la Verità che va difesa, non il sentimentalismo.

    “Non odio io quelli che ti odiano intensamente, o Jehovah,
    E non provo nausea per quelli che si rivoltano contro di te?
    Li odio con odio completo.
    Mi sono divenuti veri nemici.
    Davvero odio quelli che mostrano riguardo a idoli vani, inutili;”
    (Sl. 139.21-22: Sl 31.6)

    Perchè dovrei liberarmene.
    Stia bene.

  7. Gent. Joab,

    Condivido quanto Le ha scritto il Sig. Umberto. Dall’alto della Sua sapienza Lei si permette di giudicare persone in modo rozzo e dozzinale: cerchi di dimostrare il disappunto con una maggiore acutezza.

    Mi permetta inoltre di farLe notare che Jehovah, come scrive Lei che, viste le citazioni, si reputa un buono studioso di Scrittura, è un errore di confusione tra il tetragramma YHWH e Elohim. D’altronde, chi ha inventato il suddetto nome, non conosceva né greco, né ebraico, ed ebbe la pretesa di tradurre le Sacre Scritture ignorando 1800 anni di studi, ricerche…

    Prima di giocare con quella che per alcuni è veramente Parola di Dio, è opportuno pensarci. I testi sacri (per chi li riconosce tali) non sono frasi da usare a proprio piacimento.

    Almeno per rispetto di coloro i quali ci credono.

    Cordialmente,

    Emanuele

  8. @ Emanuele
    Distinto sig. Emanuele , quanto a giudicare, forse non ha avuto modo di leggere il mio precedente commento:”non si tratta di giudicare, c’è chi lo sa fare meglio di me e lascio a Lui l’incombenza, ma costatare significa osservare il fenomeno.”( Joab Scrive: 9 settembre 2013 alle 13:08 – Chi vuole la guerra è strumento di Satana.)

    Lei ha ragione però sostenendo che il mio modo è rozzo e dozzinale e perdoni se non sono sufficientemente raffinato per i suoi gusti. Ma in questo modo si evitano incomprensioni e inutili fraintendimenti; inoltre, lei deve aver dimenticato ciò che il Signore disse al suo schiavo : “‘Esci nelle strade e nei luoghi recintati, e costringili ad entrare, affinché la mia casa sia piena.” ( Lc.14.23) Non credo che i modi raffinati siano i più adatti, credo invece che quelli rozzi sono più efficaci.

    Quanto al Tetragramma, posso suggerirle questo filmato su Alfonso di Zamora che trova a questo link, http://www.youtube.com/watch?v=uz-YTeN7B9Q e per ulteriori può consultare Wikipedia : “La Bibbia Poliglotta Complutense è la prima edizione stampata multilingue dell’intera Bibbia, iniziata e finanziata dal cardinale castigliano Francisco Jiménez de Cisneros, arcivescovo di Toledo e primate di Spagna. L’opera, interamente dedicata a papa Leone X, contiene la prima edizione del Nuovo Testamento in greco, la Septuaginta e il Targum Onkelos.”

    E se Zamora, il più esperto erudito rabbino ed ebraista, del 1500 professore di ebraico a Salmanca usò quel Nome non mi sento di contraddire l’esperto professore di ebraico traduttore del Targum in latino. Ma lei può non tenerne conto. E’ sua facoltà. Però credo che lo stia confondendo con qualcun altro riferendosi “a chi non conosceva né l’ebraico né il greco”.
    Non credo che sia appropriato il termine “giocare con le scritture” perché se ha curiosità, può digitare “Jehovah” su Google e troverà anche un infinità di fotografie che testimoniano ‘esistenza di quel Nome anche in molte chiese cattoliche, inclusa la basilica vaticana. Può anche consultare anche Wikipedia alla voce Tetragramma. E non credo nemmeno che informare qualcuno di ciò che ignora sia mancanza di rispetto, bensì un utile stimolo ad informarsi meglio e trarne le conclusioni. In fondo lo scopo del blog è proprio questo. Scambiarsi informazioni. Non c’è alcuna mancanza di rispetto in questo. Almeno mi pare.
    Ricambio le cordialità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *