S.O.S. esorcisti a Milano

Un’immagine del film “L’Esorcista”

Nella diocesi di Milano cresce il bisogno di esorcisti: da 6, i sacerdoti autorizzati a svolgere questo ministero, da qualche giorno sono diventati 12 e verrà attivato anche un centralino telefonico (n. 02.8556457 dal lunedì al venerdì) per rispondere alle domande di chi ha bisogno di informazioni più precise.

Sia chiaro: dall’altro lato della cornetta non ci sarà un esorcista pronto a praticare un esorcismo per telefono, ma degli incaricati della Curia di Milano che indicheranno i nomi dei sacerdoti più vicini da raggiungere e che daranno informazioni più dettagliate in base alle domande di chi chiama. Insomma, l’obiettivo è ascoltare le richieste dei fedeli e cercare di aiutare chi si trova in difficoltà anche semplicemente con un consiglio. Su qualche forum ho letto delle critiche a questa iniziativa che a mio parere invece aiuterà tantissimo chi ha bisogno anche solo di un po’ di conforto. Perché, come racconta Padre Gabriele Amorth, l’esorcista più famoso e autorevole al mondo,  molto spesso chi chiama pensando di essere indemoniato ha in realtà bisogno di un medico o di un vero amico che aiuti a superare un momento di depressione o di difficoltà interiore.

I fenomeni di reale possessione diabolica “sono molto rari” spiega Mons. Angelo Mascheroni, vescovo ausiliare di Milano e responsabile del Collegio esorcisti dal 1995, “quando mi capita chiedo se sono andati da specialisti, perché talvolta si tratta di fenomeni mentali, psichici e psichiatrici. Poi bisogna difendersi anche dai parenti, perché a volte sono più accaniti loro dei fratelli, figli, genitori, insistono nel dire: ‘C’è di mezzo il diavolo!’. Il ministero fondamentale degli esorcisti è quello dell’ascolto e della consolazione, perché arrivano persone disfatte che maledicono il prossimo. Vanno accolti tutti con grande serenità e non bisogna smarrirsi di fronte alle parole che sentono, perché il Signore è sempre più forte del demonio”.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

26 risposte a “S.O.S. esorcisti a Milano

  1. Lodevole iniziativa che dovrebbe esser presa ad esempio in ogni diocesi italiana!

    ..una voce autorevole a cui ogni Cattolico si possa rivolgere evitando “maghi e maghetti” dell’ultima ora. Tenendo conto che, come Fabio spiega nell’articolo, i fenomeni di reale possessione diabolica “sono molto rari”!!!
    ..e che..
    “Il ministero fondamentale degli esorcisti è quello dell’ascolto e della consolazione, perché arrivano persone disfatte che maledicono il prossimo. Vanno accolti tutti con grande serenità e non bisogna smarrirsi di fronte alle parole che sentono, perché il Signore è sempre più forte del demonio”

    Pace e Bene

  2. Dice il testo : I fenomeni di reale possessione diabolica “sono molto rari” spiega Mons. Angelo Mascheroni, vescovo ausiliare di Milano e responsabile del Collegio esorcisti dal 1995, “quando mi capita chiedo se sono andati da specialisti, perché talvolta si tratta di fenomeni mentali, psichici e psichiatrici.”

    Occorre prima stabilire cos’è un esorcismo e un enciclopedia dice : “Per esorcismo si intende un insieme di pratiche e riti volti a scacciare una presunta presenza demoniaca o malefica da una persona, un animale o da un luogo. […] L’esorcista utilizza preghiere, formule prestabilite, gesti, simboli, e anche icone, reliquie, oggetti benedetti. […] la possessione diabolica fece parte del credo del Cristianesimo fin dal suo inizio; l’esorcismo, come pia pratica di liberazione dal demonio è stata ed è ancora una pratica riconosciuta e promossa dalla Chiesa cattolica. […] La pratica dell’esorcismo è diminuita in tempi recenti in molti gruppi religiosi, anche a motivo di una più attenta diagnostica di problemi di carattere psichico e psicologico. […] Il suo primo scopo è diagnostico, per verificare se la persona sottoposta a esorcismo è affetta da disturbi naturali o posseduta dal Maligno,[…] Oggi la Chiesa procede cautamente nel praticare l’esorcismo, soprattutto in presenza di malattie che, un tempo, venivano unicamente ascritte all’azione del Demonio come la schizofrenia, l’epilessia o altre malattie mentali. – Wikipedia

    Se col progresso della scienza medica, si è scoperto che molte di quelle classificate “possessioni diaboliche, erano da attribuirsi a schizofrenia, epilessia e malattie mentali, è di tutta evidenza che l’intervento dell’esorcista , non serviva a scacciare il demonio, quanto a far ottenere all’esorcista un indebita reputazione del tutto ingiustificata.

    Qual’era il risultato di un esorcismo, se si trattava solo di una malattia che l’esorcista non poteva guarire non avendo le qualifiche né la conoscenza necessaria ? E a che cosa servivano le “preghiere, le formule prestabilite, i gesti, i simboli, e le icone, e le reliquie, e gli oggetti benedetti ? Se non servivano a scacciare il demonio perché erano malati e il demonio non c’era ? Erano utili o far ottenere al ciarlatano di turno un indebito vantaggio basato sull’ignoranza e sulla superstizione che non rifiutavano affatto.

    L’enciclopedia aggiunge : “[…] Il suo primo scopo è diagnostico, per verificare se la persona sottoposta a esorcismo è affetta da disturbi naturali o posseduta dal Maligno” E fa bene il sig. Mascheroni a chiedere se sono andati prima dal medico, poiché l’esorcista non essendo in possesso dei titoli accademici per diagnosticare quelle malattie, e potrebbe essere accusato di” esercizio abusivo della professione medica. “

    Così , da quanto si è visto è evidente che questo titolo “cacciatore di demoni” è frutto di ignoranza e superstizione e non giustifica l’S.O.S. esorcisti, anche perchè Gesù disse : “Molti mi diranno in quel giorno: ‘Signore, Signore, non abbiamo . . . in nome tuo espulso demoni?’ E allora io confesserò loro: Non vi ho mai conosciuti! Andatevene da me. Operatori d’illegalità” (Mt 7:22, 23)

    Perché mai avrà detto così a quelli che dicevano di aver scacciato demoni ? forse perché i demoni non c’erano e c’era solo l’uso fraudolento dell’immaginario collettivo ?
    Beh… se l’hanno già fatto una volta perché non farlo due ? con cautela s’intende, con cautela !
    Tanto satana è invisibile. NOn si vede neanche al microscopio.

  3. Joab salve, premmettendo che si debba rispettare sia chi crede, sia chi non crede nell’esistenza del demonio, vorrei aggiungere un breve commento al suo intervento riguardante la citazione tratta dalla Bibbia (Mt 7:22, 23)
    Gesù disse : “Molti mi diranno in quel giorno: ‘Signore, Signore, non abbiamo . . . in nome tuo espulso demoni?’ E allora io confesserò loro: Non vi ho mai conosciuti! Andatevene da me. Operatori d’illegalità”
    Certamente questo e’ quanto scritto nella Bibbia, ma se si estrae un versetto da un lungo concetto, il significato puo’ essere interpretato in svariati modi.Si potrebbe citare qualche versetto prima di quello da lei descritto, ovvero:
    Non date ciò che è santo ai cani e non gettate le vostre perle davanti ai porci, perché non le calpestino con i piedi e poi si rivoltino per sbranarvi.
    Chiedete e vi sarà dato; cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto.
    Perché chiunque chiede riceve, chi cerca trova e sarà aperto a chi bussa.
    Vi è tra voi qualche uomo che, se suo figlio gli chiede del pane, gli darà una pietra?
    Che significato avrebbero in questa discussione sugli esorcisti?
    Tutto il capitolo fa riferimento al concetto su come un uomo possa far del bene,ma in realta’ , essendo avvolto nel peccato,non puo’ in quel giorno entrare nel regno dei cieli dicendo :Signore, Signore..
    Il demonio non si vede al microscopio, il creatore dell’uomo nemmeno.Esiste uno e non esiste l’altro?……….

  4. Joab,
    Mi permetto di suggerirti un libro molto bello fa leggere: Il Vangelo!
    Ti schiarira’ le idee!
    Il demonio esiste e il suo piu’ grande inganno e’ quello di far credere agli uomini che non esiste così lui e’ libero di agire.
    Padre Amort ha presenziato ad un convegno a cui hanno partecipato illustri psichiatri ,oggi c’e molta collaborazione tra di loro e’ giusto che padre Amort prima chieda se l’uomo che chiede aiuto e’ andato prima dai medici spichiatri ,ma a volte sono gli stessi spichiatri che mandano a lui dei pazienti.
    Finalmente Milano ha degli esorcisti ,speriamo che questi possano essere aiutati all’inizio da sacerdoti piu esperti ,come ha fatto Padre Candido con Padre Amort,ma sono sicura che la Chiesa ha pensato a tutto

  5. @ Roberto
    Distinto sig. Roberto, molto apprezzabile il suo commento, credo che la questione non sia imputabile al rispetto quanto alla ragionevolezza. Poi ciascuno crede a ciò che ritiene più adatto alla sua personalità. Ma per rimanere alla sua riflessione “Tutto il capitolo fa riferimento al concetto su come un uomo possa far del bene, ma in realta’ , essendo avvolto nel peccato, non puo’ in quel giorno entrare nel regno dei cieli dicendo :Signore, Signore..”

    Per brevità avevo riportato solo le parole più adatte all’argomento, “esorcisti” ma poiché mi invita ad una riflessione più ampia, mi sembra che non sia proprio così, perché Gesù sta parlando di “falsi profeti”, quelli che si vestono in manto da pecore, non di quelli che fanno o cercano di fare il bene e gli viene male.

    Infatti è scritto: – Guardatevi dai falsi profeti che vengono a voi in manto da pecore, ma dentro sono lupi rapaci. Li riconoscerete dai loro frutti. Non si coglie uva dalle spine né fichi dai cardi, vi pare? Similmente ogni albero buono produce frutti eccellenti, ma ogni albero marcio produce frutti spregevoli; l’albero buono non può dare frutti spregevoli, né l’albero marcio può produrre frutti eccellenti. Ogni albero che non produce frutti eccellenti è tagliato e gettato nel fuoco. Realmente, quindi, riconoscerete quegli [uomini] dai loro frutti.
    “Non chiunque mi dice: ‘Signore, Signore’, entrerà nel regno dei cieli, ma chi fa la volontà del Padre mio che è nei cieli. Molti mi diranno in quel giorno: ‘Signore, Signore, non abbiamo profetizzato in nome tuo, e in nome tuo espulso demoni, e in nome tuo compiuto molte opere potenti?’ E allora io confesserò loro: Non vi ho mai conosciuti! Andatevene via da me, operatori d’illegalità.”
    ( Mt 7.15-23)

    Non si tratta nemmeno di crearsi un alibi pensando di non poter riuscire perché “avvolti nel peccato” quanto di essere “lupi rapaci mascherati, contrapposti a pecore, alberi che producono frutti eccellenti o alberi che producono frutti malvagi” La questione del peccato che impedirebbe la riuscita del frutto buono non c’entra in questo caso, dato che “rapaci” non è imputabile all’incapacità con cui vengono eseguite le direttive, quanto ad una personale volontà di essere avidi. Mi sembra che sia questo il senso.

    Quanto al suo : “Il demonio non si vede al microscopio, il creatore dell’uomo nemmeno. Esiste uno e non esiste l’altro?……….” Non è questione di negare l’esistenza del demonio o negare l’esistenza di Dio, lei ha ragione, esiste Dio ed esiste il demonio, convengo con lei, ma tutto dipende da cosa si intende per Dio e cosa si intende per demonio. Se lei pensa davvero che il demonio si mette a perdere tempo per entrare nella corpo dei fuori di testa , credo che sia fuori strada, perché il mondo è già tutto suo, non avrebbe senso di impossessarsi nuovamente di ciò che gli appartiene. E poi ciò che dovrebbe interessargli è il cuore non la testa e quello non può modificarlo né impossessarsene.

    “Sappiamo che chiunque è nato da Dio non pecca: chi è nato da Dio preserva se stesso e il maligno non lo tocca. Noi sappiamo che siamo da Dio, mentre tutto il mondo giace sotto il potere del maligno. Sappiamo anche che il Figlio di Dio è venuto e ci ha dato l’intelligenza per conoscere il vero Dio.” ( 1 Gv 5.18-20 CEI)
    Lei spenderebbe altro tempo e soldi per ricomprarsi ogni mese la casa che già le appartiene ? E spenderebbe tempo e fatica per comprare ciò che non è in vendita ?

  6. Mi sorprendo di come tanta gente ancora creda a queste mitologie medioevali…spero vivamente che presto l’umanità si scrolli di dosso il morbo chiamato “religione” e si decida a dedicarsi più attivamente e con bontà verso il prossimo nella realtà

  7. Joab mi ha fatto piacere leggere la sua risposta in merito al mio parere, per di piu’ condivido ed apprezzo alcuni dei suoi concetti che nel primo commento,forse per non dilungarsi molto, ha omesso.

  8. @ Silvia

    Ringrazio la sig.ra Silvia per il suggerimento. Mi pareva di averlo citato il Vangelo, forse non se n’è accorta. Se mi permette, come ho scritto anche al sig. Roberto, “Non è questione di negare l’esistenza del demonio o negare l’esistenza di Dio, … esiste Dio ed esiste il demonio, ma tutto dipende da cosa si intende per Dio e cosa si intende per demonio.”

    Certo se a lei piace pensare che sia simile a quello con le ali da pipistrello, le corna del montone, la coda e il forcone, è sua facoltà, ma non si spiega perché la Bibbia lo identifica come “cherubino” : – “Tu suggelli un modello, pieno di sapienza e perfetto in bellezza. Mostrasti d’essere in Eden, il giardino di Dio. Ti copriva ogni pietra preziosa, rubino, topazio e diaspro; crisolito, onice e giada; zaffiro, turchese e smeraldo; e d’oro era l’opera dei tuoi castoni e dei tuoi incastri in te. Furono preparati nel giorno che fosti creato. Tu sei l’unto cherubino che copre, e io ti ho posto. Mostrasti d’essere sul santo monte di Dio. Camminavi in mezzo alle pietre di fuoco. Eri senza difetto nelle tue vie dal giorno in cui fosti creato finché in te si trovò l’ingiustizia.” ( Eze 28.12-15) – Un cherubino, non è nemmeno un serpente ma un angelo.

    Potrebbe mai immaginare un bellissimo angelo che si impossessa del corpo di un vivente, quando quello è già in suo possesso ? D’altro canto, “chi è nato da Dio preserva se stesso e il maligno non lo tocca.” ( 1 Gv 5.18-20 CEI) Sarebbe interessante capire perché alcuni non li tocca e come si fa a non farsi toccare.
    Quindi non si capisce, come potrebbe” il suo più grande inganno “ essere quello di far credere che non esiste, se lo sanno tutti che c’è. Lo strano è che lo raffigurano in modo strano dato che nessuno l’ha mai visto ! Deve essere questione di fantasia, ma La Parola di Dio dice che è un angelo. E gli angeli non sono brutti. Stia tranquilla.

  9. Di certo un Esorcista o più ne servono in ogni Città se non Paese.Cioé senza l’Esorcismo che vi fa un Esorcista,non potreste esserne Liberate e Guarite nella Forma che un Esorcista trova giusta!Buonasera.

  10. @Simone Granata. Giusto dedicarsi al prossimo. Per il resto le auguro di poter assistere ad un esorcismo vero e poi, se regge, mi dirà se penserà ancora al “morbo”. Le ricordo che gli indemoniati sono intelligentissimi spesso e non sono dei matti. Le potrei raccontare storie vere…Se poi, da un’altra angolazione, pensa il vudù ed similia sia solo fantasia, basterebbe che facesse un giro da certe parti e sperimentasse… Se non c’è religione si cade spesso nella superstizione di ogni tipo o la si inventa a piacere. Il cristianesimo non è superstizione, ma storia documentata e testimonianza.

  11. @Joab. “Se lei pensa davvero che il demonio si mette a perdere tempo per entrare nella corpo dei fuori di testa , credo che sia fuori strada, perché il mondo è già tutto suo, non avrebbe senso di impossessarsi nuovamente di ciò che gli appartiene. E poi ciò che dovrebbe interessargli è il cuore non la testa e quello non può modificarlo né impossessarsene.” Si vede che ne sa poco di possessione diabolica, come del resto di troppe cose…Se uno è fuori di testa non è indemoniato, mentre l’indemoniato si comporta da fuori di testa e prende tutto il corpo. Spesso, guarda caso, non prende neppure il cuore. Studi , si informi meglio e faccia meno commenti a capocchia. Un veicolo molto usato dal demonio sono proprio le sedute spiritiche , anche a fine di gioco o di semplice curiosità, senza andare decisamente alla magia nera. Posso testimoniarlo con certezza, perchè vissuto in prima persona , pur non essendo io il destinatario (un parente stretto). E’ meglio proprio non scherzarci troppo… e parlarne a vanvera. Il diavolo è più furbo di me , di te e di tanti….

  12. Joab,legga il libro di Padre Amort : l’ultimo esorcista
    Avra’ tutte le risposte alle sue perplessità .
    Il demonio ERA un angelo ,ma dopo il suo rifiuto a Dio e’ diventato il demonio e per sua informazione i vasi di vera possessione diabolica sono rari ma ci sono .
    Invece sono piu comuni i casi di malefici o altro ( comunque legga il libro e saprà tutto).
    Se non lo sapesse a volte chi e’ posseduto non e’ lontano da Dio ,altri hanno partecipato a sedute spiritiche o messe nere ( che si stanno diffondendo purtroppo ).
    Certo e’ che chi e’ in grazia di Dio e’ protetto e come dice il libro di padre Amort la confessione e’ la prima forma di esorcismo.
    Io sono molto grata al nostro nuovo Vescovo che ha fatto ciò che il Papa aveva da tempo domandato ai vescovi di fare : nominate nuovi esorcisti che possano aiutare queste persone sofferenti.
    Lei se mi permette legge e cita il vangelo a suo modo tralasciando tante cose. Comunque lei può credere ciò che vuole ,io credo al Vangelo!

  13. Quando si parla di questi soggetti gli animi si scaldano. Il male esiste. Mi sembra ovvio è sotto gli occhi di tutti. MA esiste anche il bene, che fa meno notizia, perchè nel mondo dell’immagine, un gesto gentile e genroso e meno “vendibile” di uno scuartatore perverso e sanguinario. MA le forme del male sono infinite. Il male, e potete chiamarlo con il soprannome che volete, è il lasciarsi trascinare dalle nostre debolezze e miserie umane. Il male è dimenticare che non si puo’ vivere tranquilli e sereni sapendo che c’è qualcuno che soffre. Il male è accettare ogni compromesso, nel mondo del lavoro o del pèrivato, a scapito di altri. Il male è comprare oggetti agognati sapendo che ci sono bambini sfruttati non molto lontano da noi che da schiavi producono fino allo sfinimento beni di consumo per noi. Il male è dimenticarsi dei genitori anziani e lasciarli morire di solitudine, tranne ricordarsi di loro quando percepiscono la pensione. Il male è non essere retti nella cosa pubblica. Il male è pensare solo a noi. Questo è il male. Poi, teologicamente si attribuisce al demonio la capacità di influenzarci verso l’abisso. Ma se crediamo in Dio, sappiamo che lui ci ha fatti liberi, liberi di aderire al suo progetto, o di respingerlo, ma liberi anche di correggerci e chiedere perdono, liberi di dire no, ma liberi anche di scegliere l’egoismo come nostra dottrina.

    Quale è per me il peggior male? E’ quel sentimento di disperazione che ti fa sentire senza alcuna possibilità si salvezza o di uscita. E’ quella prigione morale e spirituale che non ti fa vedere la luce alla fine del tunnel dove tutto appare inesorabilmente immutabile. Questo sentimento che tanta gente vive, ricchi o poveri, è il peggior male, perché spesso da questo stato d’animo trascendono molte scelte che avvelenano l’umanità.

    Per i credenti la preghiera è un’arma potentissima, ma anche una preghiera semplice, come quella per l’angelo custode, 4 parole, semplicissime, ma dette con il cuore, possono essere meravigliose.

    Per quanto riguarda gli esorcismi: Io ho paura che dietro gli esorcismi e gli esorcisti si possano nascondere fanatici manipolatori. Non parlo di quelli nominati dalla Chiesa, anche se qualche fanatismo puo’ annidarsi dietro Santa Romana Chiesa. Parlo di quelli che sfruttando la disperazione o la semplicità della gente attribuendo a aventi malefici stati d’animo o disturbi della personalità. Non nascondiamoci dietro ad un dito. Quante volte abbiamo sentito di maghi e cartomanti dire alla gente hai il malocchio? Non crediate che siano solo gli ignoranti a cadere nelle mani di questi ciarlatani, perché anche persone dotte e istruite, nella disperazione cadono nelle grinfie di questi imbroglioni.

    Io chiedo alla Chiesa Cattolica, che i propri preti facciano già il loro mestiere e esercitino fino in fondo il ministero del pastore, spiegando al gregge come pregare. Chiedo ai pastori di essere disponibili per quelli che hanno bisogno del conforto e dell’ascolto. Chiedo alla Chiesa cattolica di dire alla gente che la preghiera è un’arma potente contro il male e che non si puó pensare di ricorrere all’esorcista come fosse un mago.

    In fine la sola arma contre il male è il bene e l’amore. Se usassimo tutti queste armi, il mondo sarebbe migliore e non avremmo bisogno d’altro.

  14. @ Silvia
    “Il demonio ERA un angelo ,ma dopo il suo rifiuto a Dio e’ diventato il demonio”

    Mi scusi sig.ra Silvia, non capisco bene lei ha idea come ha fatto un angelo a diventare demonio ? Da bello a brutto, è stato un intervento chirurgico riuscito male ? O qualche altra cosa ?
    E …. lei dice anche: “sedute spiritiche o messe nere ( che si stanno diffondendo purtroppo )”.
    Non capisco, come fanno a diffondersi ? Sono persone che scelgono una forma di culto diversa ? Allora è una libera scelta, che c’entra il demonio ?

  15. @ vincenzo da torino
    “Si vede che ne sa poco di possessione diabolica,”

    Distinto sig. Vincenzo, sono sorpreso, anche lei è così esperto ? dovrebbe scrivere anche lei un bel libro per raccontare delle sue esperienze, magari troverà qualche lettore interessato. E Mi perdoni se faccio commenti a capocchia, ma ho solo una capocchia e solo con quella posso ragionare. Così, approfitto per chiedere lumi a lei che è esperto: “perchè Satana è interessato al corpo delle persone destinato a diventare cenere ? Che se ne farebbe ?

    Non dice anche il prete “polvere sei e polvere tornerai ?”( Gn 3.19) Escludendo quindi che Satana sia interessato alla polvere, perché mai il demonio sarebbe interessato ad impossessarsi della polvere ?

  16. @Joab/Sal. Anche lei se si informa senza preconcetti leggendo quanto dicono chi ha avuto molte esperienze come gli esorcisti riesce a farsene un’idea precisa in base ad esperienza. Il suo problema è che lei non crede probabilmente a costoro, sopratutto de sono cattolici. E comunque va a cercare sempre qualcosa per eventualmente denigrarli , non per controbattere in modo assennato. Un esempio è ““perchè Satana è interessato al corpo delle persone destinato a diventare cenere ? Che se ne farebbe ?” Dovrebbe saper rispondere da solo! L’uomo è corpo e anima e si manifesta con ambedue. La possessione prende l’uomo intero. Vale quanto l’esperienza dimostra non perchè il diavolo fa agire anche i corpi . Che senso ha la sua domanda? Si sofferma sulle …scemenze o richieste e precisazioni di poca importanza e dimentica la sostanza. E’ una peculiare sua abitudine di non saper ragionare da perfetto saccente. E’ fatto così……

  17. Grazie delle precisazioni Cara Silvia.

    ..A molti infatti, chiusi nella “cultura-non cultura” (cioè il “copia/incolla” dai media, quindi altro che uso della Ratio), risulta difficile comprendere come il primo Angelo, ribellandosi al Creatore sia devenuto demone. Molti infatti si soffermano sul demone “cornuto” in forma di caprone mutuato dalla tradizione celtica dimostrando tutti i loro limiti di conoscenza. Tanto che basterebbe leggere i Documenti e non le “fiabette”..
    La verità è che però queste persone dimostrano ancora una volta a cosa porta la cultura post-moderna e cioè ad un “fare senza però sapere il perché” – cosa assai più grave!
    Dimostrando di aver letto ma al contempo dimostrando di non aver capito nulla del senso profondo, in ultima analisi, della vita stessa!!! E questo è un dispiacere grande perché un sano confronto tra Chiesa e mondo laico avviene solo se ci sono delle basi solide da entrambo le parti!
    Se infatti ora domandassimo ad un Bimbo come mai il demonio è diventato tale il ci risponderebbe con tutta la semplicità possibile “perché ha rifiutato Dio”
    Chi ha orecchi per intendere intenda, ..direbbe Cristo.
    Io dico semplicemente, GRAZIE per le provocazioni che non fanno altro che FORTIFICARCI perché ci spingono ad attingere al quella fortezza che è quest’Annus Fidei.

    Link di approfondimento: http://www.miliziadisanmichelearcangelo.org/content/view/1275/90/lang,it/

    Pace e Bene

  18. Buonasera Joab,
    vorrei inserirmi ancora nel dibattito, semplicemente con mie opinioni certamente “aperte “ad ogni tipo di parere,di riscontro, di confronto:
    L’interesse del demonio e’ quello di far deviare la persona affinche’ si allontani dalla fede,da Dio,dal suo Creatore,aspettando l’ultimo istante della sua vita per poter accaparrarsi l’anima.Venne precipitato dai cieli,e soggiogo’ tutta la terra.Venne definito principe del male, e tutto cio’ che e’ di questo mondo e’ suo.”Tutto questo sara’ tuo se ti prosterai a me adorandomi”,piu’ o meno cita cosi’ un versetto nelle tentazioni di Gesu’.Il demonio e’ interessato all’anima, il nostro corpo e’ solamente un veicolo materiale nel quale e’ contenuta la nostra anima che in questa breve vita aspetta di ritornare al Padre.Ma…..se si sceglie di seguire il male,assecondando vizi, commettendo peccati di varia natura, cedendo a tentazioni crudeli viene molto piu’ difficile compiere il passaggio successivo una volta lasciato il corpo.Sicuramente
    il demonio non e’ interessato al corpo, non se ne farebbe nulla, per lo scopo finale;giustamente “polvere sei e polvere tornerai” viene pronunciato dal prete, in riferimento alla Genesi si indica
    lo stato ormai contaminato dal peccato e di conseguenza per non avere la possibilita’ di vivere una vita eterna in quella condizione,l’uomo si ritrova ad avere un corpo umano fatto di carne, che pero’ col tempo si deteriora fino a morire.In questo periodo l’anima purtroppo oltre alle sofferenze deve anche destreggiarsi dal demonio che cerca di distruggere il progetto di Dio che ha per l’umanita’ , e nello stesso tempo deve affrontare un cammino di fede per ricongiungersi al suo Creatore.Risulta difficile esprimermi attraverso il pc, comunque in breve e’ un pensiero riguardante l’interessamento del demonio all’anima e non al corpo.Certamente le possessioni esplicite come si vede nei film sono molto rare, ma persone che covano rabbia che si tramuta in omicidi efferati ce ne sono a migliaia nel mondo purtroppo.Il male di per se cos’e’? Una persona che sevizia una ragazzina e poi la uccide,come vive quella esperienza?Cosa brama nel suo cuore ? Il bene cos’e’? Chi salva una vita, chi per tutta un’esistenza cura una persona disabile con amore,sacrificando la propria , cosa brama nel suo cuore? Dove si manifesta il demonio in alcuni casi? Forse a tante domande non ci sono risposte, non e’ dato saperlo all’uomo, gli basti solamente cio’ che conosce, tutto il resto forse non spetta alla nostra conoscenza in questa breve esperienza di vita.

  19. Se c’è il bene, esiste per definizione anche il male. Ne siamo tutti testimoni. E il bene non avrebbe senso se non esistesse il male che ci permette di capire cosa sia bene e male. Detto questo è ovvio che le manifestazioni del bene e del male dipendono profondamente dalla cultura e dalla società a cui ci riferiamo. Lapidare una donna che è stata scoperta con un uomo che non sia suo marito è normale….anzi bene per gli estremisti islamici (non voglio aprire una polemica che non trova qui il suo posto) mentre nella nostra società è un orrore. Ció non era qualche secolo fa. Il concetto di bene e di male evolve con l’evolversi (involversi delle società). La Bibbia o ancora meglio la Torah ( תּוֹרָה,) ha introdotto grazie alle leggi di Mosé (e non solo ai 10 comandamenti) delle regole in una società allo sbando che doveva essere inquadrata per non precipitare nell’abisso. POi la raffigurazione mitologica del male è stato uno strumento per istruire il popolo di Israele. Ma ogni cultura ha il suo Dio buono e quello malvagio, a cominciare dagli antichi egizi, per non parlare degli uomini primitivi che già temevano le tenebre.

    La chiesa Cristiana che non ha cancellato le antiche leggi, ma le ha solo rinnovate con la “Buona Novella” ha proseguito su questo cammino.

    Ma Cristo ha detto chiaramente che il male viene da dentro l’uomo e non da fuori. E’ un messaggio rinnovatore che ha 2000 anni e che responsabilizza l’uomo e non lo rende vittima predestinata di fattori esterni. Ció significa che se l’uomo egue i precetti di Dio, che a ben pensarci non sono poi cosí impossibili, solo che in una società come la nostra, avere dei limiti sembra intollerabile, il male non dovrebbe avere la meglio.

    Se ben analizziamo il male, possiamo dire in tutta onestà che il male che ci circonda viene inesorabilmente da fattori non intrinsechi all’uomo? Le guerre? La fame? L’odio? Gli egoismi? L’individualismi? L’ottusità? La cupidigia? e altro vengono imposti all’uomo o è l’uomo che sceglie liberamente?

    IO credo che esista il male, ma credo anche che l’uomo sceglie il male, la via apparentemente piú rapida per ottenere un effimero quanto sterile e illusorio beneficio.

    Non so quanto sia utile l’esorcismo, lo sarà sicuramente se un’istituzione come la Chiesa cattolica lo pratica, ma non sarebbe meglio PREVENIRE che CURARE? Per chi è credente la preghiera è il puú potente esorcismo, per chi non lo è, e mi spiace per lui, una vita retta e corretta sarebbe già sufficiente.

    Io temo gli esorcisti. Temo il loro fanatismo e tempo il fatto che vittimizzino l’essere umano come povero indifeso che inesorabilmente subisce passivamente.

    Se eliminiamo i casi psichiatrici, ci restano pochi inspiegabili casi. Vera possessione? Non lo so. Non voglio giudicare. C’è chi è piú grande di me che puó farlo. Ma io mi domando: avete mai visto un vero rito di esorcismo? Sapete che non basta una sola seduta? Sapete che si necesita di un tramite per esorcizzare? Avete visto le conseguenze di queste sedute sui partecipanti e sull’ipotetico posseduto?? Io si e vi dico che è spaventoso. Perchè da un lato si risvegliano i fanatici e gli esaltati e dall’altro si distrugge la personalità dell’esorcizzato, il quale sarà per sempre convito di non essere il giusto detentore della sua vita e delle sue scelte e che per sempre potrebbe ricadere vittima di una possessione. In questo modo avremo creato una vittima sacrificale, contribuito a non emanciparla.

    Detto ció invito tutti, nelle proprie lingue, nelle proprie fedi, nelle proprie credenze a pregare per allontanare da noi tutti il male, che solo l’uomo, primo demonio di se stesso, eleva agli altari della sua vita nella stupida idea di essere Dio.

  20. @ Roberto
    Distinto sig. Roberto, il Vangelo non è un racconto reale, ma allegorico, e pieno di metafore, lo dice Gesù stesso: “gli dissero:“Perché parli loro mediante illustrazioni? ( Mt. 13.10-15)“Realmente, senza illustrazioni non parlava loro” ( Mt 13.34-35)

    Tutta la narrazione evangelica ha un significato allegorico, anzi ha molti significati che possono essere recepiti in modi diversi. Lo certifica un teologo dei primi secoli: “La fede, .. è dunque la ricerca e lo sforzo di interpretazione del significato delle Scritture, che porta al riconoscimento della loro intrinseca struttura razionale; esse, infatti, devono essere lette ed intese in senso allegorico, e non letterale, perché lo Spirito Santo, che parlava attraverso i profeti, si esprimeva attraverso immagini e metafore che hanno infiniti significati” (Scoto Eriugena ) – Wikipedia
    Quanto alla questione dell’anima, se fa una piccola ricerca sul sito “laparola.net” scoprirà che nella traduzione CEI la parola anima compare in 148 versetti, e nelle lingue originali (ebr. nèfesh [נֶפֶשׁ]; gr. psychè [ψυχή]) indicano che “anima” è tutta la persona viva o animata, un animale o la vita della persona o dell’animale. Non qualcosa che esce e va da qualche altra parte, ma è tutta la persona con la sua capacità di ragionare. IL Diz. Di greco spiega così:
    “yuc» (psuchê) – da yÚcomai – TDNT – 9: 608,1342 – Numero Strong: G5590 – sostantivo femminile
    1) fiato
    1a) il fiato della vita
    1a1) la forza vitale che anima il corpo e si mostra nella respirazione
    1a1a) di animali
    1a12) di uomini
    1b) vita
    1c) quello in cui c’è la vita
    1c1) un essere vivente, un’anima vivente”
    Quindi il suo ragionamento “Ma…..se si sceglie di seguire il male,assecondando vizi, commettendo peccati di varia natura, cedendo a tentazioni crudeli viene molto piu’ difficile compiere il passaggio successivo una volta lasciato il corpo non trova riscontro, perché la Scrittura dice :
    “Ecco, tutte le anime appartengono a me. Come l’anima del padre così l’anima del figlio appartengono a me. L’anima [nefesh nda] che pecca, essa stessa morirà. ( Eze 18.4)
    ogni anima [ gr. psyché nda]che non ascolterà quel Profeta sarà completamente distrutta di fra il popolo’.” ( Atti 3.23)
    Com’è facile capire non esiste l’anima, esiste la vita dell’uomo con i suoi desideri. Quindi basta uscire dalla tradizione e si scopre che ci sono risposte diverse da quelle tradizionali. Basta cercarle.

  21. «Molti infatti si soffermano sul demone “cornuto” in forma di caprone mutuato dalla tradizione celtica dimostrando tutti i loro limiti di conoscenza. Tanto che basterebbe leggere i Documenti e non le “fiabette”..»

    Eh, già… Peccato che il caprone non abbia nulla a che vedere con la tradizione celtica, bensì abbia origini nella mitologia Egizia, nello specifico nel satiro Mendes-Pan, poi ereditata dalla tradizione ebraica (es. Le 17:7) e successivamente da quella Cristiana (es. i templari furono accusati di adorare Bafometto).

    Poveri noi ignoranti, per fortuna ci sono pozzi di cultura come lei, Domenico.

    P.S.

    «A molti infatti, chiusi nella “cultura-non cultura” (cioè il “copia/incolla” dai media, quindi altro che uso della Ratio)»

    Ipse Dixit. Si inventi nuovamente di aver sbagliato di proposito, sicuramente qualcuno le crederà, lei stesso in primis.

  22. @ Domenico X Meridio

    “Se infatti ora domandassimo ad un Bimbo come mai il demonio è diventato tale il ci risponderebbe con tutta la semplicità possibile “perché ha rifiutato Dio””

    Credo che la sua tesi non sia sostenuta dall’evidenza.
    “Ora venne il giorno in cui i figli del vero Dio entrarono per porsi dinanzi a Jehovah e anche Satana entrava proprio in mezzo a loro.” ( Gbbe 1.6)

    “Venne poi il giorno in cui i figli del vero Dio entrarono per porsi dinanzi a Jehovah e anche Satana entrava proprio in mezzo a loro per porsi dinanzi a Jehovah “ (Gbbe 2.1)

    “ Per cambiare, stendi la tua mano, ti prego, e tocca fino al suo osso e alla sua carne e vedi se non ti maledirà nella tua medesima faccia”. ( Gbbe 2.5)

    Quindi anche Satana prega Dio. Non è vero il suo assunto.

  23. Leggo solo ora questo “formidabile” assunto del Sig. Joab/Sal:

    “Secondo la sua lettura del Testo Sacro anche Satana prega Dio”. Peccato che anche un Bimbo leggerebbe diversamente dimostrando che non è vero il suo assunto.

    Bella questa conclusione, “stravagante” direi! Vediamo insieme i passi:

    Giobbe 1,6-22
    6 Un giorno, i figli di Dio andarono a presentarsi davanti al Signore e anche satana andò in mezzo a loro. 7 Il Signore chiese a satana: «Da dove vieni?». Satana rispose al Signore: «Da un giro sulla terra, che ho percorsa»

    e ancora..

    Giobbe 2,1-4
    1 Quando un giorno i figli di Dio andarono a presentarsi al Signore, anche satana andò in mezzo a loro a presentarsi al Signore. 2 Il Signore disse a satana: «Da dove vieni?». Satana rispose al Signore: «Da un giro sulla terra che ho percorsa». 3 Il Signore disse a satana: «Hai posto attenzione al mio servo Giobbe? Nessuno è come lui sulla terra: uomo integro e retto, teme Dio ed è alieno dal male. Egli è ancor saldo nella sua integrità; tu mi hai spinto contro di lui, senza ragione, per rovinarlo».

    In entrambi i testi satana si presenta a Dio per rovinare Giobbe – allegoria di tutte le tentazioni umane. E si noti che in questo passo non si dice che egli “pregava” Dio (in qualsiasi testo Biblico si prenda compreso quello della Torre di Guardia sopra da lei riportato). La ringrazio di vero Cuore per aver dimostrato ancora una volta al mia tesi su di lei..

    Pace e Bene

  24. ma la domanda è: ma gli esorcisti credono veramente nel ministero che svolgono?

    sono preparati teologicamente e comprendono l’importanza di santità e ferrea fede che sono il presupposto per il discernimento spirituale?

    Sanno che il demonio non si presenta mai con un cartellino identificativo e che non di rado persino la possessione diabolica può rivelarsi DOPO un esorcismo e non certo prima?

    Oppure pensano di essere poco più che psicologi, per cui nel 90% dei casi con il pretesto della “prudenza” (pure importantissima) con due chiacchiere le cose si aggiustano?

    A Milano e in generale nel nord Italia da certi commenti si direbbe di no…d’altra parte da una Chiesa che ha modificato il rituale con “semplici preghiere di consolazione” e da diocesi rette da certi cardinali cosa c’è da aspettarsi?

    Santi curati d’Ars? Devoti di san Benetto da Norcia? Profondi conoscitori del sacramentale?

    No….si troverà gente che sostiene che aver fatto un solo esorcismo sia un buon segno. Un giusto “illuminismo”. E forse chissà…magari anche in quel caso poteva rientrarci la psichiatria.

    Povero gregge disperso….e quanto severo sarà il giudizio per chi ha avuto il compito e l’autorità di cacciare i demòni. L’abito non sarà che un aggravante per chi nominalmente ricopre un incarico, ma intimamente non vuole essere divinamente assistito per quel compito…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *